pubblica

Un pienone favorito dal sole e dalle belle giornate Pasquali che hanno fatto registrare il tutto esaurito anche nelle strutture attrezzate per la ristorazione (38 quelle autorizzate) che hanno offerto, per l'occasione, menu a base di prodotti tipici e di Agnello di Zeri (gli acquisti familiari di carne di agnello, pecora o capretto ammontano, secondo Coldiretti, a circa 1,5 chili a testa all'anno e rappresentano appena il 4 per cento della domanda complessiva di carne).

16/apr/2007 00.10.00 Andrea Berti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

MASSA CARRARA

 

 

AGRITURISMO: TUTTO ESAURITO A PASQUA E PASQUETTA

 

30% in più di presenze rispetto al 2006.

Tutto esaurito nelle strutture attrezzate per la ristorazione.

Agnello di Zeri protagonista assoluto dei menu Pasquali.

Pier Luigi Antoniotti, neo Presidente Provinciale Terranostra: “8 turisti su 10 hanno prenotato attraverso internet. ”

 

Massa Carrara, 11 aprile 2007 - Tutto esaurito per Pasqua e Pasquetta nelle 90 strutture agrituristiche della Provincia di Massa Carrara legate a Terranostra (80% situate in Lungiana). Registrate, rispetto allo scorso anno, il 30% in più di presenze. Un pienone favorito dal sole e dalle belle giornate Pasquali che hanno fatto registrare il tutto esaurito anche nelle strutture attrezzate per la ristorazione (38 quelle autorizzate) che hanno offerto, per l’occasione, menu a base di prodotti tipici e di Agnello di Zeri (gli acquisti familiari di carne di agnello, pecora o capretto ammontano, secondo Coldiretti, a circa 1,5 chili a testa all'anno e rappresentano appena il 4 per cento della domanda complessiva di carne). Tanti gli italiani (famiglie e coppie), in verità pochi gli stranieri - secondo gli operatori - propensi a gustarsi la Lunigiana nel periodo estivo e sempre meno durante i ponti pre-estivi. Record di accessi per il portale di Terranostra e Coldiretti Toscana (www.campagnamicatoscana.it) che ha permesso ad 8 turisti su 10 di scegliere la struttura più adatta alle esigenze e prenotare utilizzando internet. “Il ponte Pasquale è andato molto bene - commenta a caldo il neo Presidente Provinciale di Terranostra, Pier Luigi Antoniotti, titolare di un agriturismo a Tresana - anche se si conferma sempre più, per questi periodi, un turismo mordi e fuggi. Non possiamo che essere soddisfatti perché i posti letto erano esauriti, e chi offre ristorazione ha avuto tutto pieno. Siamo ottimisti anche per il prossimo ponte del 1 Maggio; i segnali per un altro pienone ci sono tutti. Stimiamo che ci sia stato un 30% in più di presenze rispetto alla passata stagione”. Antoniotti sottolinea l’importanza della comunicazione via web e come le strutture apuo-lunigianesi si stiano adeguando al mercato. “Il potenziamento della presenza su internet delle nostre strutture - spiega Antoniotti - ha permesso una maggiore visibilità, e quindi appetibilità, per molti nuovi turisti. Il 50% sono turisti che già conoscono il territorio e le strutture, la restante metà sono nuove presenze e questo è senza dubbio positivo. E’ una comunicazione immediata che ti permette di accelerare l’iter di scelta e prenotazione. Terranostra - conclude - punterà sempre di più al web”. 687 i posti letto complessivi (404 in camere e 283 in unità abitative), 20 le strutture che offrono anche attività ludico ricreative. Alla Montagna Verde di Mario Maffei, a cavallo tra Bagnone e Licciana Nardi, era già pieno da un paio di mesi e ha dovuto “rimbalzare” molte richieste. “Tutto esaurito - conferma entusiasta - e anche per il 1 maggio non ho più posto. E’, come del resto ogni anno tempo permettendo, un periodo molto positivo quello pasquale che rispetto allo scorso anno è stato più vivace”. Maffei fa servizio di ristorazione: “Agnello di Zeri, tortelloni alle erbe fatti in casa e prelibatezze nostrane nel menu che abbiamo offerto ai nostri ospiti - spiega. Idem al Podere La Piana di Viviana Leone, azienda biologica di Fivizzano la cui titolare è naturopata diplomata all’Istituto Rize di Milano e sta organizzando corsi di terapia naturale e attività ludico ricreative per bambini. “Al completo - ammette la titolare - rispetto alla passata stagione è andata decisamente meglio. Sono già piena anche per il 1 maggio”. Al Ghiottone a Tresana di Franca Pastorini come a Montebello ad Aulla di Raffaella Benedetti, al Vecchio Tino di Claudio Bini in località Germalla menu classico a base di Agnello di Zeri e tutto esaurito. “La valorizzazione del territorio dipendono - conclude Vincenzo Tongiani, Presidente Coldiretti - molte delle opportunità di rilancio del turismo Made in Italy come dimostra il fatto che agli stranieri la parola Italia fa venire in mente soprattutto cibo e vini (45%), secondo un recente sondaggio Ice-Leonardo-Piepoli. Coldiretti e Tearranostra stanno lavorando per portare i prodotti tipici nei menu degli agriturismo e della ristorazione in generale. E’ un’operazione di immagine e di marketing che può contribuire a lanciare le produzioni locali avvicinando il consumatore al produttore”.

Andrea Berti
Ufficio Stampa STUDIO HEADLINE
Cel. 338 41 47 298
Tel. 0585 87 27 04

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl