SMI E FVM-LAZIO, RICETTA DEMATERIALIZZATA : «SUBITO CHIARIMENTI SUI FINANZIAMENTI DESTINATI AL PROGETTO. CONSENTIRE AI MEDICI LA VERIFICA DEL SISTEMA»

SMI E FVM-LAZIO, RICETTA DEMATERIALIZZATA: «SUBITO CHIARIMENTI SUI FINANZIAMENTI DESTINATI AL PROGETTO.

Persone Elisabetta Menga, Smi-Lazio, Cristina Patrizi, Ermanno De Fazi, Fvm-Lazio, Gian Marco Polselli, RICETTA DEMATERIALIZZATA
Luoghi Roma, Lazio
Organizzazioni FVM-LAZIO, Società Metallurgica Italiana
Argomenti medicina

25/gen/2016 13.34.48 Smi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


COMUNICATO STAMPA




SMI E FVM-LAZIO, RICETTA DEMATERIALIZZATA : «SUBITO CHIARIMENTI SUI FINANZIAMENTI DESTINATI AL PROGETTO. CONSENTIRE AI MEDICI LA VERIFICA DEL SISTEMA»

LUCI, OMBRE E SOSTENIBILITÀ DI UN PROGETTO CHE ANCORA NON FUNZIONA

 

(Roma, 25 gennaio) �“ A pochi mesi dall'avvio del progetto della Ricetta Dematerializzata, difficoltà e intoppi operativi continuano ad aggravare il già complesso lavoro dei medici costretti a razionalizzare costi e difformità gestionali dello strumento messo a disposizione nella regione Lazio”, dichiara Gianmarco Polselli, segretario Smi-Lazio e vice presidente Fvm-Lazio. Infatti, il sistema informatico regionale di prescrizione (SISMED), al servizio di medici ospedalieri e specialisti ambulatoriali, “mostra continui malfunzionamenti che rallentano sia la registrazione della storia clinica del paziente, che la prescrizione di farmaci ed analisi, tanto da rendere spesso necessario tornare alle vecchie “ricette a mano”, aggiunge ancora Gian Marco Polselli, che sottolinea: “Di contro, i medici di medicina generale, hanno dovuto far fronte, di tasca propria, agli ulteriori costi di informatizzazione (stampanti a doppio cassetto, carta, toner, etc.) essendo insufficienti, per non dire irrisorie, le somme proposte a titolo di rimborso”.

Smi e Fvm-Lazio chiedono, pertanto, di venire a conoscenza delle risorse impiegate e chiedono di sapere se queste sono sufficienti o è necessario un ulteriore finanziamento. Nonché una verifica dello stato di implementazione del sistema di prescrizione”, sottolinea Ermanno De Fazi, vice segretario Smi-Lazio. SMI-Lazio chiede, inoltre”,conclude Cristina Patrizi, responsabile area convenzionata Smi-Lazio che i medici, almeno su base volontaria, siano coinvolti nella verifica del sistema per poter testare i problemi e le possibili soluzioni. Infatti, finora, i medici sono stati un “soggetto” passivo di un cambiamento che ha avuto costi materiali per i medici di medicina generale ed operativi, ma anche per i camici bianchi delle aziende sanitarie ed ospedaliere”. La delegazione sindacale Smi e Fvm Lazio ribadisce, in ultima analisi, che in mancanza di chiarimenti e informazioni precise, “verranno valutate tutte le iniziative a tutela di medici e pazienti esposti ai rischi di un sistema che si oppone al lavoro dei sanitari pubblici, piuttosto che agevolarne l'esercizio”.

 

Ufficio Stampa Smi-Lazio

Elisabetta Menga

349.21.19.335

elisabettamenga@gmail.com

www.sm


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl