KIRWAN: DARE TUTTO SENZA CERCARE ALIBI...

Allegati

23/ott/2003 17.15.39 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Canberra, 23 ottobre 2003

 

KIRWAN: DARE TUTTO SENZA CERCARE  ALIBI,

CONTRO IL GALLES CON L’ANIMO ED IL CUORE

Canberra – John Kirwan sta facendo gli straordinari. Visto che non può allenare la squadra prima del Galles perché gli deve far recuperare le fatiche del match contro il Canapa, un ora e mezza del suo tempo l’ha dedicata ai Media che stanno piovendo sull’Italia da ogni parte dopo le recenti imprese azzurre. Oggi il tecnico ha dedicato mezz’ora alla stampa di lingua inglese, altrettanto a quella italiana e poi un'altra alternandosi ai microfoni di TV e Radio,  fra cui la BBC, ITV, SKY etc.

Questo il Kirwan-pensiero che ne è venuto fuori, partendo dalla vittoria di martedì sul Canada.

“Sono contento. Abbiamo giocato male, ma vinto. Una calo sapevo che ci sarebbe stato. C’era troppa tensione, troppo nervosismo. Meglio che ci sia stato contro il Canada che contro il Galles. Ora noi ci siamo tolti da dosso la pressione. Il nostro primo obiettivo di vincere due partite l’abbiamo raggiunto. Possiamo entrare in campo contro il Galles  per divertirci, giocare , osare e sono convinto faremo benissimo.”

 

- Certo se non ci fosse l’handicap del recupero concesso dal calendario al Galles e non all’Italia le chances potrebbero essere più alte….

“Le critiche si fanno dopo la partita. Altrimenti ora sembra che stiamo cercando un alibi o delle scuse. Sono abituato a non accettare alibi dai giocatori, non posso accampare alibi io come allenatore. Noi dobbiamo pensare a recuperare, andare in campo, dare tutto senza alibi. E’ senz’altro un match che possiamo giocare alla pari, a prescindere dal fatto che nell’ultima partita li abbiamo  battuti. Ho visto due o tre cose  che noi possiamo sfruttare, ma ovviamente me le tengo per noi fino a sabato sera.

 

- L’Italia con i successi su Tonga e Canada è già entrata nella storia. E’ ormai appagata?

“Assolutamente no. La storia deve essere sempre riscritta, noi la vogliano riscrivere anche dopo 4 giorni, sabato 25 ottobre 2003! Nella vita ci sono pochi momenti che fanno la differenza , momenti importanti con cui riempi tutta l’esistenza. L’importante è coglierli, sfruttarli. Noi italiani possediamo una grande qualità: la passione. Se le circostanze ci obbligano a tirare fuori spirito e passione allora sono guai per tutti. Noi, perciò, lanceremo in campo animo e cuore  e se gli avversari risulteranno ugualmente più bravi,  bene, altrimenti…..”

 

ITAL-RUGBY  AI MONDIALI : UNA  FESTA DEGLI SPONSORS

IL VICEPRESIDENTE DUODO PORTA L’INCORAGGIAMENTO DI DONDI

Canberra Serenità, consapevolezza, contentezza ma nessun eccesso di euforia attorno all’Italia mentre la data storica del 25 ottobre si avvicina: il giorno che potrebbe portare l’Italia nel novero delle prime 8 nazioni rugbystiche del mondo, il giorno di Italia-Galles.

Fra i più contenti, naturalmente, gli sponsors della Federazione Italiana che hanno investito sul rugby italiano, ed ora cominciano ad averne un ottimo ritorno di immagini. Alcuni di questi sono venuti fino in Australia per seguire la squadra, vuoi per dovere, ma soprattutto per piacere, nel senso che si sono innamorati del rugby. Uno di questi Mario Minella della Reale Assicurazioni che ieri, invitato a cena dal gruppo di dirigenti federali presenti in Canberra (il Segretario Generale, Perruzza, il Consigliere Federale Speziali, il Responsabile Amministrativo Hostie, il Presidente dei Revisori dei Conti Cipolla) ha espresso tutta la soddisfazione personale e del suo gruppo per lo splendido comportamento degli Azzurri nella Coppa del Mondo. Formulando i più ampi degli scongiuri ha espresso il massimo dell’incoraggiamento alla squadra.

A Canberra,  intanto dopo il Vice Presidente Saccà,  è arrivato anche il Vice Presidente federale Filippo Duodo per portare dall’Italia, alla vigilia del “match della vita”, l’incoraggiamento di tutto il rugby italiano a cominciare da quello del Presidente Giancarlo Dondi .

Il tema più importante dibattuto sui media internazionali ed  italiani in questo momento è l’iniquo calendario che obbliga l’Italia a giocare quattro partite in 14 giorni,  mentre il Galles  finora di partite ne ha giocate solo due dall’inizio del torneo: il 10 ottobre e l’ultima l’ha giocata domenica , ovvero a sei giorni dal match contro l’Italia. Ampi recuperi con il Galles che alla fine, quando giocherà contro la Nuova Zelanda il 2 di novembre, avrà disputato 4 partite in 21 giorni. Un lasso di tempo superiore di una settimana a quello concesso all’Italia per recuperare.

C’erano una sessantina di giornalisti accalcati per la quotidiana conferenza stampa italiana  e molti di questi hanno voluto sapere dal Vice Presidente Duodo l’atteggiamento italiano a proposito.

Il dirigente italiano ha ribadito quanto ormai affermato in più riprese dalla FIR e cioè che l’Italia ha subìto nel calendario un trattamento iniquo rispetto ad altre squadre come il Galles e che a queste ingiustizie vuole rispondere sul campo.

 

IL GALLES ANNUNCIA  LA FORMAZIONE

KIRWAN RINVIA A DOMANI  IL XV DEFINITIVO

Canberra Come previsto  il  Tecnico azzurro John Kirwan non è stato in grado di annunciare la squadra per il Galles nella rituale Press Conference delle 13.30. Lo farà domani. Intanto all’Organizzazione che richiede la lista dei 22 non oltre le 48 ore dal match (18.30) è stato inviata una formazione con diverse parentesi.

Il recupero dei malconci è ancora in corso, mentre gli infortunati seriamente, Bortolami e Mirco Bergamasco, sono ormai out. Per Capitan Troncon, Masi e Manuel Dallan lo staff fisio Zaffalon/Fossati sta  facendo di tutto, ma per il responso definitivo bisognerà aspettare domani quando, alle 11 sul terreno di gioco del Canberra Stadium,  avrà luogo il Captains’ Run, il rituale provino tecnico definitivo per individuare   il XV che il giorno dopo scenderà in campo.

Il resto della truppa - dopo  le immersioni  di ieri sera in acqua calda (80-90 gradi) di 1’30”, seguite da immersioni in vasca fredda 45”, il tutto per tre ripetizioni - oggi ha osservato assoluto riposo per favorire il massimo del recupero possibile.

Valentini ha però, fin da dopo il match con Canada,  ha raccomandato un particolare regime di vita in questi giorni. Esso è contenuto in un cartello appeso sulla porta della infermeria in bella vista per tutti. Una sorta di decalogo per il recupero..  Titolo: NON MOLLARE SUI PUNTI CHIAVE:

  1. Bere tanta acqua;
  2. Bere (bibita salino-energetica dello Sponsor Ufficiale) solo: prima/durante/dopo allenamento
  3. Magnesio > 2 al giorno 
  4. Riposo da 30’ a 1h verso le 13.30
  5. Andare a letto verso le 22.30 - DORMIRE  è fondamentale per il recupero
  6. Scelta giusta nel mangiare

Conclusione:

SARA’ LA VOSTRA PREPARAZIONE INVISIBILE CHE FARA’ LA DIFFERENZA!!

 

Quanto al Galles il tecnico Steve Hansen ha ufficializzato il XV  che presenterà in campo dopodomani. Nella formazione compaiono solo 7 giocatori impiegati dall’inizio contro Tonga domenica scorsa più due della panchina entrati nel secondo tempo avanzato. Figurano, invece,  ben 11 dei giocatori impiegati nell’altra partita disputata e vinta con margine contro il Canada 41-10 il 12 ottobre. Evidentemente il tecnico Hansen ha preferito non rischiare giocatori che potessero aver non recuperato le fatiche del match contro Tonga (6 giorni di recupero contro i 4 degli italiani dopo il Canada), oppure fin dall’inizio il disegno era stato di considerare decisivo il match contro gli azzurri e quindi aveva risparmiato la metà dei giocatori nel match contro Tonga. Ha giocato sempre, invece,  la spina dorsale della squadra che è l’intera terza linea Jones-Williams-Charvis ed il mediano di mischia Peel. 

Per onore della cronaca  della squadra  che il 15 febbraio ha perduto a Roma contro l’Italia (22-30) sono presenti solo 6 giocatori:  i quattro di cui sopra (D.Jones dall’11 della ripresa),  e le due ali Gareth Thomas e Mark Jones.

GALLES: 15 Morgan; 14 Mark Jones, 13 Parker, 12 Harrys, 11 Thomas; 10 Sweeney, 9 Peel; 8 Charvis (Cap), 7 Williams, 6 Dafydd Jones; 5 Llewellyn, 4 Cockbain; 3 Adam Jones, 2 McBride, 1 Duncan Jones.

SOSTITUTI : 16 Mefin Davies, 17 Jenkins, 18 Sidoli, 19 Jonathan Thomas, 20 Cooper, 21 Stephen Jones, 22 Rhys Williams

 

ITALIA RUGBY TOUR 2001

PREMIATO A SPORT MOVIES & TV 2003

Milano – Il Presidente del 21° Festival Internazionale  Sport  Movies & TV 2003, Franco Ascani ha informato  tutti gli interessati che il documentario ITALIA RUGBY  TOUR  realizzato da Matteo Mazzocchi in occasione del Tour che l’Italia ha disputato nell’estate 2001 in Namibia, Sud Africa, Uruguay ed Argentina è stato inserito fra le opere che saranno insignite della Menzione d’Onore e che farà parte delle produzioni fra cui la Giuria del Festival assegnerà la “Ghirlande d’Honneur 2003” per la Sezione Documentary/Reportage.

Il documentario sul rugby dura 50 minuti e racconta, con immagini suggestive, la vita della Nazionale nella Tournée e le otto partite disputate in quell’occasione. Matteo Mazzocchi seguì il Tour come Video Maker ufficiale della FIR.

Al Festival milanese , uno dei più importanti in Europa nel settore dell’immagine sportiva, saranno proiettati fra il 29 ottobre ed il 3 novembre ben 185 opere documentaristiche provenienti da tutto il mondo.

ITALIA RUGBY TOUR  verrà proiettato per la prima volta il 31 ottobre nella Sala Colonne del Palazzo Giureconsulti. La Cerimonia di Premiazione del Festival è in programma, alle ore 20.30  del 3 novembre sempre al Palazzo Giureconsulti (Piazza Mercanti,2 Milano) dove alle 19.30 è prevista anche una conferenza stampa. 

 

LE SQUALIFICHE DEL GIUDICE SPORTIVO

Roma – Queste le sanzioni adottate dal Giudice Sportivo della FIR in merito alle gare di serie A e B, disputate lo scorso week-end.

 

SERIE A

Squalifica automatica: Manuel Cerreti (Am. Alghero) e Massimo Zanini (Modena)

 

SERIE B

3 gare di squalifica: Sebastian Matarese (Bassano); Nicolae Racean (Viterbo)

2 gare di squalifica: Danilo Di Tota (Partenope); Mario Nizzoli (Conegliano); Adriano Donato (Cecina)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl