primo Maggio: Epocale annuncio di Hugo Chavez

Ossia, progressivamente la giornata lavorativa in Venezuela passerá dalle otto ore attuali, a sei ore, il che significa un enorme miglioramento della qualitá della vita del lavoratore, del proletariato.

01/mag/2007 09.10.00 La Patria Grande www.lapatriagrande.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Epocale annuncio di Hugo Chavez: a partire del primo maggio 2010 la giornata
lavorativa in Venezuela passa ad essere di sei ore

Attilio Folliero, Caracas, 01/05/2007, La Patria Grande -
http://nuke.lapatriagrande.net - E’ un salto epocale, quello annunciato oggi
da Hugo Chavez, in occasione della Festa del Primo maggio. Costituita una
commisione presidenziale, presieduta dal Vice Presidente Jorge Rodriguez,
incaricata di promuovere una riforma costituzionale tendente a portare la
giornata lavorativa dalle attuali otto ore a sei ore, con meta da
raggiungere progressivamente il primo maggio del 2010. Ossia,
progressivamente la giornata lavorativa in Venezuela passerá dalle otto ore
attuali, a sei ore, il che significa un enorme miglioramento della qualitá
della vita del lavoratore, del proletariato.

Con quest’annuncio Hugo Chavez si pone decisamente alla testa delle
rivendicazioni del proletariato non solo venezuelano e latinoamericano, ma
mondiale. Una dozzina di anni fa, in Italia sulla scorta dell’approvazione
in Francia di una legge che fissó la settimana lavorativa a 35 ore, si ebbe
un grande dibattito, poi caduto nel dimenticatoio. Oggi, la sinistra che
allora era alla testa della rivendicazione della settimana lavorativa di 35
ore, é pienamente inserita nel Governo, ma il tema della diminuzione della
giornata lavorativa non é stato piú ripreso. Oggi, questa sinistra sembra,
preoccupata esclusivamente delle sorti del capitalismo italiano in affanno
per la profonda concorrenza da parte dei nuovi capitalismi selvaggi, dove lo
sfruttamento dei lavoratori é illimitato ed il salario orario é di poche
decine di centesimi di dollari. Quest’annuncio di Chavez puó e deve avere
ripercursioni anche in Italia, stimolando la ripresa delle lotte
rivendicative dei lavoratori e del proletariato.

E’ indubbio che l’annuncio di oggi, di Hugo Chavez avrá ripercursioni non
solo in America Latina, ma in tutto il mondo e soprattutto nei paesi del
capitalismo avanzato, dove la giornata lavorativa é ferma alle otto ore. E’
arrivato il momento che ovunque si apra la stagione della rivendicazione
della giornata lavorativa di sei ore. Da oggi é necessario lottare per
rivendicare una nuova riorganizzazione della giornata dell’uomo: 6 ore per
il lavoro, 6 ore per dormire, 6 ore per la diversione e 6 ore per la
formazione e la rigenerazione, per alimentare il corpo e formare il
cervello.

Ricordiamo anche che la rivoluzione bolivariana, in otto anni di Governo
Chavez ha sconfitto l’analfabetismo in Venezuela ed é fortemente impegnata
nella sfida per debellare la povertá entro il 2021. Ma la rivoluzione
bolivariana non ha solo mete in Venezuela: é di questi giorni il lancio del
programma, nell’ambito dell’ALBA, tendente a sconfiggere l’analfabetismo in
tutta l’America Latina. Inoltre, sono numerosi i programmi di solidarietá
intrapresi nei vari paesi dell’America Latina, fino ai settori poveri della
societá statunitense, ai quali lo stato venezuelano fornisce petrolio a
prezzo agevolato.

Se l’annuncio piú eclatante, che sicuramente fará il giro del mondo, é
quello della riduzione della giornata lavorativa, non meno impattanti sono
gli altri provvedimenti annunciati: da oggi il salario minimo in Venezuela
passa a 614.000 bolivares circa, con un aumento del 20%. E’ bene ricordare
che il salario minimo é accompagnato anche da un buono pasto giornaliero.

Negli otto anni di Governo Chavez il recupero del potere d’acquisto reale
del salario del lavoratore é cresciuto come in pochi paesi al mondo: dai
circa 30 dollari USA mensili del 1999, anno dell’arrivo di Hugo Chavez al
Governo, ai poco meno di 300 dollari USA mensili attuali; in realtá
aggiungendo il valore del buono pasto giornaliero, il salario minimo supera
abbondantemente i 400 dollari USA mensili. Ma vi é un altro dato da
considerare: quando Chavez arriva al Governo l’inflazione, che nel 1996
arrivó a superare il 100%,
(http://www.lapatriagrande.net/01_venezuela/economia/ipc_ven.htm) divorava
interamente lo scarso salario; negli anni di Chavez l’aumento del salario é
sempre stato al di sopra dell’inflazione; nel mese di Marzo 2007, ad
esempio, ultimo dato disponibile, l’inflazione é stata di -0.7%.

Sono stati numerosi i provvedimenti annunciati e che da oggi entrano in
vigore, tutti tendenti a migliorare la qualitá della vita delle fasce piú
deboli, come la pensione sociale (il 60% del salario minimo) per le persone
anziane (61 anni di etá) che non hanno versato contributi previdenziali e
che fino ad oggi non avevano diritto a nessuna fonte di reddito.

Ma oggi é anche il giorno della fine della “Apertura petrolifera”, ossia la
legge che permise la privatizzazione del settore petrolifero, pur in
presenza di una legge costituzionale che riservava l’attivitá lucrativa nel
settore petrolifero ed energetico esclusivamente allo Stato. Con l’”apertura
petrolifera” negli anni novanta si permise praticamente la privatizzazione
del settore petrolifero. A partire da oggi, l’attivitá petrolifero torna ad
essere interamente di uso esclusivo dello Stato.

E’ proprio grazie al recupero degli introiti derivanti dallo sfruttamento
delle fonti energetiche che il Governo Chavez ha potuto operare una
ridistribuzione delle ricchezze piú giusta ed inidirizzata fortemente a
pagare l’enorme “debito sociale” di cui furono vittime le classi lavoratrici
e piú povere. Fino all’avvento del Governo Chavez, le enormi ricchezze del
Venezuela erano di uso esclusivo delle classi oligarchiche e di governo,
lasciando al proletariato esclusivamente le briciole, ossia i circa 30
dollari USA mensili di salario minimo, con cui era costretta a sopravvivere
il 70% della popolazione venezuelana. Mai in passato i governi venezuelani
avevano realizzato politiche di carattere sociale: il 70% della popolazione
venezuelana non aveva diritto a sanitá, educazione, formazione, pensione,
assistenza sociale... non aveva diritto che alla povertá estrema.

Oggi Chavez non é solo sempre piú saldamente al Governo nel suo paese, ma é
sempre piú popolare in America Latina e nel mondo intero e lider
riconosciuto alla testa delle rivendizioni del proletariato mondiale.
Fonte: http://nuke.lapatriagrande.net

_____________________________
La Patria Grande
postmaster@lapatriagrande.net
www.lapatriagrande.net
Venezuela


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl