INFORMARSI VUOL DIRE POTER SCEGLIERE

13/mag/2007 15.20.00 stampa ccdu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Continua la serie di conferenze nelle scuole milanesi promossa dalla Campagna di informazione sociale "PERCHE' NON ACCADA" iniziativa delle Onlus ASVI, CESVIC, CCDU e WDA

Dove: a MILANO
ISTITUTO COMPRENSIVO PAOLO E LARISSA PINI
via Stefanardo da Vimercate, 14

Quando: Mercoledì 16 maggio 07

Ore: 18:00

Il Dr . Roberto Cestari, Presidente del Comitato dei Cittadini per i
Diritti Umani Onlus, e autore dei testi dell'opsucolo "Perché non
accada anche in Italia ...", parlerà di: "DISTURBO DA DEFICIT
D'ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ - ARTEFATTO O MALATTIA?"

Segue dibattito

Un'occasione per informare i cittadini sui molteplici aspetti e sfaccettature dell’industria della salute mentale e le violazioni dei diritti dei più deboli.

Il dott. Roberto Cestari, relatore della conferenza, ha dichiarato “Dalla ricerca scientifica emergono opinioni sensibilmente contrastanti sulla validità dei "disturbi" infantili relativi al comportamento e all'apprendimento come - ma non solo - il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD). A causa di tali diagnosi psichiatriche, milioni di bambini in tutto il mondo vengono “trattati” con psicofarmaci dai pericolosi effetti, con una dubbia, e in alcuni casi deleteria, efficacia terapeutica, come testimoniato dai numerosi casi di morte o invalidità che sono sfociate in 39 provvedimenti di legge restrittivi in 25 stati americani e 2 leggi federali restrittive in materia. 26 di questi provvedimenti sono stati deliberati solo nel 2003.

Particolare gravità è l’intrusione della psichiatria nelle scuole italiane tramite la somministrazione di questionari psicopatologici. Mentre gli USA sono in contro tendenza e stanno facendo marcia indietro, pare che in Italia vi siano individui desiderosi di importare modelli che trasformano le nostre scuole da luoghi di insegnamento a cliniche psichiatriche.

Con ostentazioni di modernità e tutela della salute, i sostenitori di tali diagnosi e terapie annunciano che in Lombardia il 3 e il 5% della popolazione pediatrica e quindi tra i 20 e 40 mila bambini sarebbero affetti da tale disturbo e ben 33 centri di neuropsichiatria sul territorio sono attivi nella diagnosi e nella presa in carico dell'ADHD ( http://www.saluteeuropa.it/news/2007/04/0403002.htm ).

In Italia circa 30.000 bambini sono attualmente su programmi che prevedono l'assunzione di psicofarmaci.


Per informazioni
Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
Tel 02 36510685
Email ccdu.milano@tiscali.it
Sito www:ccdu.org




------------------------------------------------------
Passa a Infostrada. ADSL e Telefono senza limiti e senza canone Telecom
http://click.libero.it/infostrada


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl