INTERNET: RINNOVATO INFORMUSIC.IT, IL PRIMO PORTALE SULLA MUSICA

INTERNET: RINNOVATO INFORMUSIC.IT, IL PRIMO PORTALE SULLA MUSICA

31/ott/2003 18.50.18 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

INTERNET: RINNOVATO INFORMUSIC.IT, IL PRIMO PORTALE SULLA MUSICA CRISTIANA;
CONTRO SBALLO, VIOLENZA, SATANISMO E VITA SPERICOLAT
Milano- Una buona, bella e confortante notizia sta circolando, in questi
giorni, nel mondo di Internet. Il sito "Informazione musica cristiana"
(www.informusic.it) e' stato completamente rinnovato, diventando un vero e
proprio portale: il primo portale di musica cristiana contemporanea in
Italia. Curatrice dell'iniziativa e' Paola Maschio, moglie di Roberto
Bignoli di Milano, uno dei piu' noti cantautori cattolici, autore di brani
che hanno fatto il giro del mondo, come "Concerto a Sarajevo", "Ballata per
Maria" e "Ho bisogno di te". Basta un semplice "clic" con il mouse per
essere catapultati in un mare di notizie d'attualita' sulla musica di
ispirazione cristiana, in Italia e nel mondo: articoli, biografie, foto,
novita' discografiche, segnalazioni di concerti, libri specializzati,
videoclip e collegamenti ad altri link interessanti. La musica si puo'
considerare un grande "spot pubblicitario", capace di raggiungere il cuore
di milioni di persone. I suoi messaggi sono in grado di influenzare le mode,
i pensieri, i comportamenti della gente. Non a caso, si legge nella
presentazione di Carlo Climati, tanti ragazzi sono soliti scrivere sui
propri diari i testi delle loro canzoni preferite, assimilandone i
contenuti. Per questa ragione e' importante che esistano iniziative come il
portale sulla musica cristiana: per lanciare nello sconfinato mare di
Internet un "messaggio in bottiglia" diverso e controcorrente, all'insegna
di un'autentica ricerca della bellezza dell'arte. Oggi esistono, prosegue
Climati, tanti pessimi cantanti che sembrano conquistare facilmente le
pagine dei giornali con il trucco del cattivo gusto. E' sufficiente una
bestemmia, un inno alla droga, un bacio contro-natura sotto i riflettori per
farsi pubblicita', vendere dischi e mascherare la propria mediocrita'
artistica. Come fronteggiare questo fenomeno? La giusta strada da percorrere
non e' quella delle condanne in pompa magna, che il piu' delle volte
finiscono per fare il gioco dei cantanti piu' disgustosi. La soluzione sta
nell'abituare i giovani al consumo critico. I ragazzi non devono "bere" in
modo passivo tutto cio' che dicono certi divi della musica rock. Dobbiamo
aiutarli a riflettere, a capire, a rifiutare chi promuove la non-cultura
dello "sballo", della violenza, del satanismo e della vita spericolata. Il
portale sulla musica cristiana contribuira' a puntare i riflettori su
artisti di ben altro valore. Regalera' sogni, entusiasmi e speranze,
illuminando quel buio angosciante che certi oscuri burattinai dell'industria
discografica vorrebbero proporre ai giovani, nel nome dell'unico dio che
essi conoscono: il denaro, conclude Carlo Climati (md3416@mclink.it).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl