RUGBY WORLD CUP, DA SABATO SI FA SUL SERIO CON I QUARTI DI FINALE

Allegati

06/nov/2003 16.38.40 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 6 novembre 2003

 

RUGBY WORLD CUP, DA SABATO SI FA SUL SERIO CON I QUARTI DI FINALE

LA NUOVA ZELANDA IN CAMPO CON LA FORMAZIONE ANTI-ITALIA

Roma- Solo una manciata di ore separa le otto squadre che hanno conquistato l’accesso alla seconda e conclusiva fase della V Coppa del Mondo di rugby dall’inizio dei quarti di finale. A Melbourne, alle 18.30 locali di sabato (diretta per l’Italia su Sky2 a partire dalle 8.30 del mattino, replica su La7 alle 14.00), via agli scontri diretti con una grande classica dell’emisfero sud: in campo gli All Blacks, che hanno dominato il proprio girone eliminatorio chiudendo a punteggio pieno dopo aver superato l’Italia, il Canada, Tonga e il Galles, e il Sudafrica, secondo nel girone C alle spalle dell’Inghilterra, prima nel ranking dell’IRB e determinata a portare per la prima volta in Europa la Coppa del Mondo. Sia il coach degli All Blacks neozelandesi John Mitchell che l’allenatore sudafricano Rudolf Straeuli hanno mantenuto pressoché immutate le proprie formazioni base: in casa sudafricana l’unica grossa novità è rappresentata dalla presenza sin dal primo minuto del flanker Danie Rossouw, chiamato a sostituire l’infortunato Van Niekerk, mentre i neozelandesi confermano quasi interamente il XV titolare, schierato sin qui solo in occasione della partita inaugurale contro l’Italia. Rispetto al vittorioso incontro con la formazione di John Kirwan gli unici cambiamenti sono rappresentati dalla coppia dei centri, con Mauger e McDonald al posto dell’infortunato Umaga (ancora ai box ma probabilmente in grado di rientrare in caso di qualificazione neozelandese alle semifinali) e del giovane Daniel Carter, e Ali Williams che sostituisce in seconda linea Brad Thorn. Al termine di Nuova Zelanda – Sudafrica l’occhio delle telecamere si sposterà al Suncorp Stadium di Brisbane dove alle 20.00 locali (diretta su Sky2 alle 11.00 italiane) i Campioni del Mondo in carica dell’Australia affronteranno la Scozia, apparsa tutt’altro che irresistibile nella prima fase. Anche per Australia – Scozia pochissimi i cambi effettuati dai rispettivi allenatori: l’australiano Eddie Jones, dopo la risicata vittoria per 17-16 sull’Irlanda, ha apportato due importanti modifiche alla linea dei trequarti, escludendo dai 22 convocati un Matt Burke sin qui poco convincente (al suo posto tra i centri Stirling Mortlock) e mandando in panchina Joe Roff, sostituito all’ala da Lote Tuqiri. Confermata invece per 14/15 la formazione scozzese che, superando per 22-20 le Isole Fiji nell’ultima partita del girone B, ha guadagnato l’accesso ai quarti: unica novità, tra i ragazzi di McGeechan, l’inserimento del flanker Jason White al posto di Ross Beattie. Domenica sono in programma gli ultimi due quarti di finale: a Melbourne alle 18.30 australiane (8.30 in Italia) scenderanno in campo Francia e Irlanda mentre a Brisbane,90 minuti dopo (alle 11.00 italiane), toccherà all’Inghilterra di Clive Woodward e a un Galles che non sembra avere alcuna intenzione di recitare il ruolo di vittima sacrificale.

 

PRECEDENTI TRA NUOVA ZELANDA-S.AFRICA E AUSTRALIA-SCOZIA

Nuova Zelanda e Sudafrica si incontrano per la terza volta in una gara di Coppa del Mondo. I due precedenti tra gli All Blacks e gli Springboks risalgono alle edizioni del ’95 e del ’99 (il Sudafrica non prese parte alle edizioni del 1987 e del 1991) e, in entrambe le occasioni, sono stati i sudafricani a portare a casa la vittoria: nel 1995, all’Ellis Park di Johannesburg, i sudafricani conquistarono la Coppa del Mondo superando gli avversari per 15-12 mentre, quattro anni più tardi, Sudafrica e Nuova Zelanda si incrociarono al Millennium di Cardiff per la finale 3°-4° posto. Anche in quell’occasione furono gli Springboks a spuntarla con il punteggio finale di 22-18.

L’incontro tra Australia e Scozia rappresenta invece una prima assoluta alla Coppa del Mondo: le due union non si sono mai affrontate durante la manifestazione e anche i test match disputati dal 1927 (anno del primo Australia – Scozia) sono relativamente pochi: 19 incontri in totale e situazione di relativo equilibrio con 12 successi degli australiani e 7  degli scozzesi, la cui ultima affermazione risale però al 4 luglio 1982 quando, proprio a Brisbane, si imposero per 12-7. Che, a 21 anni di distanza, alla squadra di McGeechan riesca di ripetere l’impresa?

 

 

LE FORMAZIONI IN CAMPO SABATO

NUOVA ZELANDA – SUDAFRICA (Melbourne, 8 novembre. Diretta Sky2 8.30 ora italiana; differita La7 ore 14.00)

Nuova Zelanda: Muliaina; Howlett, MacDonald, Mauger, Rocokoko; Spencer, Marshall; Collins, McCaw, Thorne (cap); Williams, Jack; Somerville, Mealamu, Hewett. Riserve: Hammett, Meeuws, Thorn, Holah, Devine, Carter, Ralph. 

Sudafrica: Van der Westhuizen Ja.; Willemse, Muller, Barry, Delport; Hougaard, Van der Westhuizen Jo.; Smith, Rossouw, Krige (cap); Matfield, Botha; Rautenbach, Smit, Bezuidenhout. Riserve: Coetzee, Bands, Boome, Burger, De Kock, Koen, Fourie.

Arbitro: Spreadbury (ENG)

AUSTRALIA – SCOZIA (Brisbane, 8 novembre. Diretta Sky2 11.00 ora italiana)

Australia: Rogers; Sailor, Mortlock, Flatley, Tuqiri; Larkham, Gregan (cap); Waugh, Lyons, Smith; Giffin, Sharpe, Darwin, Cannon, Young. Riserve: Paul, Baxter, Harrison, Cockbain, Whitaker, Giteau, Roff

Scozia: Metcalfe; Danielli, Townsend, Henderson, Logan; Paterson, Redpath (cap); Mather, Taylor, White; Grimes, Hines; Douglas, Hines; Douglas, Bulloch, Smith.  Riserve: Russel, McIlwham, Murray, Petrie, Blair, McLaren, Hinshelwood.

Arbitro: Walsh (NZL)

RWC 2003, LE STATISTICHE

Alla vigilia dei quarti di finale, ecco le principali statistiche della V edizione della Coppa del Mondo:

Maggior numero di mete realizzate come squadra: 42, Nuova Zelanda

Maggior numero di mete realizzate da un singolo giocatore: 6, Doug Howlett (NZL) e Mills Muliaina (NZL)

Maggior numero di punti totali realizzati come squadra nel girone di qualificazione: 282, Nuova Zelanda

Minor numero di punti realizzati come squadra nel girone di qualificazione: 28, Namibia

Maggior numero di punti realizzati da un singolo giocatore: 78, Frederic Michalak (FRA)

Vittoria con lo scarto maggiore nel girone di qualificazione: Australia-Namibia 142-0, Adelaide 25 ottobre

 

CLASSIFICA MARCATORI RWC

Frederic Michalak (FRA), 78 (2 mete, 13 trasformazioni, 13 calci di punizione, 1 drop)

Chris Paterson (SCO), 60 (3,6,11,0)

Mat Rogers (AUS), 57 (5,16,0,0)

Elton Flatley (AUS), 53 (1,12,8,0)

Leon MacDonald (NZL), 52 (3,17,1,0)

Mike Hercus (USA), 51 (2,7,9,0)

Jonny Wilkinson (ENG), 51 (0,9,8,3)

Rima Wakarua (ITA), 50 (0,4,14,0)

Earl Va’a (SAM), 49 (1,10,8,0)

Nicky Little (FIJ), 45 (0,6,11,0)

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl