Storia del litio in medicina ed in psichiatria

23/giu/2007 20.50.00 Psichiatria Online Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Dr. Ruffolo, Psichiatra, ripercorre le tappe fondamentali che hanno portato all’affermarsi del litio come farmaco di riferimento per il trattamento del Disturbo Bipolare.
L’interesse per l’impiego del litio in campo medico risale alla metà del 1800 quando A. Lipowitz ed A. Ure descrissero la sua proprietà di dissolvere “in vitro” i cristalli di acido urico; sulla base di questa osservazione si pensò che esso potesse essere utile nel trattamento della gotta.
Il medico inglese Sir A.B. Garrod, convinto sostenitore dell’impiego del litio nel trattamento di tale patologia, si adoperò per stabilirne i dosaggi terapeutici e, per primo, ne descrisse i principali effetti collaterali. Furono tuttavia gli scritti di Alexander Haig a rendere il litio popolare; Haig sosteneva che diverse patologie quali angina pectoris, asma, artrite, depressione, mal di testa, ipertensione ed epilessia potessero essere causate da una disfunzione metabolica a carico dell’acido urico: il litio, alla luce delle sue proprietà favorenti la dissoluzione dei cristalli di urato, avrebbe dunque potuto svolgere un ruolo importante nel trattamento di queste patologie.
Nella sezione News di Psichiatria Online è possibile leggere gli articoli nella loro interezza.

A cura del Dr. Giuseppe Ruffolo, Psichiatra, Istituto di Scienze del Comportamento "G. De Lisio" - Pisa
www.psichiatria-online.it


----------------------------------------------------------------------------
DEXGATEMICRO il centralino VoIP multifunzione per l'azienda.
Prova gratuita per 30 giorni e 4 utenti!


Scopri tutte le funzionalita': http://www.dexgatemicro.com/
----------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl