Ortoressia: quando il mangiar sano diventa una malattia

Ortoressia: quando il mangiar sano diventa una malattia A cura del Dr. Giuseppe Ruffolo, psichiatra - Il termine "ortoressia" (dal greco "orthos" [corretto, giusto] e "orexis" [appetito]) è applicabile a coloro i quali mostrano un'attenzione francamente esagerata, ossessiva, per la genuinità dei cibi di cui si nutrono.

30/giu/2007 09.09.00 Psichiatria Online Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A cura del Dr. Giuseppe Ruffolo, psichiatra - Il termine “ortoressia” (dal greco “orthos” [corretto, giusto] e “orexis” [appetito]) è applicabile a coloro i quali mostrano un’attenzione francamente esagerata, ossessiva, per la genuinità dei cibi di cui si nutrono. Dunque, se nell’anoressia e nella bulimia nervose il problema è la “quantità” del cibo, nell’ortoressia il nucleo del problema sarebbe da ricondurre alla “qualità” degli alimenti. Nelle News di www.psichiatria-online.it il Dr. Ruffolo, discute delle problematiche connesse a questa sempre più diffusa abitudine alimentare.


----------------------------------------------------------------------------
DEXGATEMICRO il centralino VoIP multifunzione per l'azienda.
Prova gratuita per 30 giorni e 4 utenti!


Scopri tutte le funzionalita': http://www.dexgatemicro.com/
----------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl