Campania-Caserta APPELLO: liberate PADRE BOSSI! Aderite alla Giornata internazionale di preghiera per la liberazione del missionario del Pime

Campania-Caserta APPELLO: liberate PADRE BOSSI!

08/lug/2007 12.00.00 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 
"LIBERATE padre BOSSI"
 
Appello ad aderire alla giornata di preghiera internazionale  per la liberazione di Padre Bossi, del 10 luglio 2007, lanciata dal P.I.M.E. ( Pontificio Istituto Missioni Estere www.pime.org ).
 
Appello alla mobilitazione anche dalla Campania e provincia di Caserta, terra di lavoro.  A lanciarlo la testimonial della Pace Agnese Ginocchio, rappresentante del Movimento internazionale per la Pace. Agnese Ginocchio, lancia il suo monito per la liberazione del missionario p. Giancarlo Bossi ed invita la società civile tutta ad aderire alla giornata di preghiera internazionale per la liberazione del missionario del Pime rapito il 10 giugno scorso nei pressi della sua parrocchia di Payao, nella provincia meridionale di Mindanao dello stato delle Filippine. Di seguito le parole della rappresentante del Movimento per la Pace: "Aderiamo all'appello internazionale lanciato da p. Gian Battista Zanchi del Pime, per la giornata di preghiera del 10 luglio, per chiedere l'imminente liberazione del missionario che ha svolto il suo servizio a favore dei più poveri e per la Pace. Padre Bossi -continua- è un uomo pacifico ed inerme.  Le uniche armi, o meglio gli strumenti da lui adoperati sono stati:  il vangelo della nonviolenza e l'amore caritatevole insegnatoci per primo da Gesù profeta della Pace. Non è il lavoro di padre Bossi che  va sequestrato e fermato. Avete sbagliato bersaglio. E' necessario fermare l'onda malefica dei governi capitalisti che finanziano le missioni militari, chiamandole missioni di Pace. Sappiamo benissimo quali sono le conseguenze di chi porta la Pace con le armi belliche:  odio, morte, distruzione, povertà, miseria estrema, violazione di diritti umani, terrore e devastazione totale. Sono quei governi che vanno fermati immediatamente con l' ordine di SCOMUNICA, perchè chi uccide nel nome della Pace( "la Pace è il nome santo di Dio"), commette omicidio e scandalo contro Dio e contro l'umanitàcreata da Dio! Padre Giancarlo Bossi è uomo pacifico, arrendevole, uomo di Pace, di Speranza e di dialogo. Padre Giancarlo Bossi è missionario a servizio dei più poveri e dei più derelitti della terra. Uomini così non possono che non farci del bene. Il mondo ne ha bisogno come il pane, come l'acqua e come l'aria che si respira; senza la presenza di queste fonti infatti, la vita è nulla, non esiste! Senza dunque la presenza di questi grandi testimoni della speranza nel mondo,  l'uomo è come un deserto senza vita, destinato ad inaridire. Questi grandi testimoni come padre Bossi, sono fari di Speranza che innalzano i ponti Arcobaleno fra  popoli  illuminando il mondo con il linguaggio disarmante dell' Amore, come il sole riempie di calore e di luce la terra. Non possiamo farne a meno, altrimenti saremmo destinati tutti a perire, a ucciderci e a scannarci come caini. Liberate padre Bossi, vi scongiuriamo! Liberatelo nel nome della Pace, della Giustizia e della fratellanza fra i popoli.
Chiediamo a tutti i capi di tutte le religioni mondiali che credono e si professano nell'unico Dio dell'Amore e della Pace, gli stessi leader che si sono incontrati ad Assisi per pregare per la Pace insieme al Grande uomo di Pace Giovanni Paolo II, di scendere in campo con tutta la loro autorità e di invocare dal Cielo una grande effusione dello Spirito di Pace affinché scenda sul mondo, muovi a compassione e tocchi il cuore di coloro che ora hanno sotto sequestro padre Bossi e lo liberino immediatamente! Si aprino dunque strade di trattative e di dialogo e ci sia libertà di religione per tutti.
Invitiamo perciò la società civile tutta ad aderire alla giornata internazionale di preghiera del 10 Luglio prossimo lanciata dal Pime, per chiedere l'immediata  liberazione di un uomo di Pace e di carità quel' é padre Giancarlo Bossi. Invitiamo ad accendere una candela dai balconi, che sia ben visibile. Il gesto simbolico di accendere la candela rappresenta la nostra speranza e la nostra preghiera che  innalziamo in segno di solidarietà e di unità alle tante che si eleveranno in questa giornata per chiedere la liberazione del missionario p. Giancarlo Bossi e per chiedere infine il dono della Pace nel mondo. Liberate padre Bossi. Liberate la Speranza. Liberate l'Amore. Liberate la Pace"!
Shalom, Salaam, Peace, Mir, Amani, Paz, Pax, Frieden, Pace...
 
(Fonte da: Agnese Ginocchio-Movimento internazionale per la Pace e Movimento internazionale Ambasciatori di Pace . Comunicato del 7- 8 Luglio 2007 A.M.:  http://movimentopaceambasciatori.blogspot.com/ )
 
Leggi articolo correlato, appello lanciato dal Pime su AsiaNews ( agenzia missionaria mondiale)
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl