PIEVI & CASTELLI IN MUSICA: primo appuntamento 21 luglio '07

17/lug/2007 18.49.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa :

 

 

Sabato 21 luglio 2007, ore 21.30

CAPOLONA, PIEVE A SIETINA

(In caso di maltempo lo spettacolo si terrà all'auditorium)

Catherine Spaak

in

  "STORIE PARALLELE" Dedicato a Edith Piaf

 

Musiche dal vivo: Matteo Cremolini

Videoproiezioni: Stefano Lambrosa

Testi e regia: Catherine Spaak

 

Torna Pievi & Castelli in Musica, il festival estivo itinerante che giunge alla sua XX edizione e, come ogni anno, coinvolge i Comuni del Casentino offrendo un programma in cui lo spettacolo della musica, del teatro e della danza si coniuga con il fascino delle pievi romaniche, degli antichi castelli feudali e delle piazze storiche della bella vallata casentinese in maniera tale che i cittadini e i turisti possano approfittare pienamente di queste occasioni culturali.

 

Primo appuntamento dell'edizione 2007 di Pievi & Castelli in Musica sarà sabato 21 luglio (Pieve a Sietina, Capolona - ore 21.30 - € 11,00), con la nota attrice e conduttrice televisiva Catherine Spaak che inaugurerà la rassegna con il reading teatrale "STORIE PARALLELE", dedicato alla grande Edith Piaf: la vita artistica e privata della nota artista francese viene "rivissuta" seguendo un filo conduttore peculiare. Pochi ma simbolici elementi scenografici e sullo sfondo un grande schermo per proiettare filmati ed immagini per lo più inedite. L'atmosfera cambia passo dopo passo con giochi di luci ed ombre e con l'ausilio di musiche in parte originali.

In scena, Catherine Spaak legge, recita, racconta, canta, accompagnata da Matteo Cremolini, chitarrista classico.

 

"Da tempo desideravo rendere omaggio a personalità francesi che hanno lasciato un segno forte nell'arte e nella letteratura della nostra epoca. Questo non solo perché il loro genio mi ha profondamente toccato, ma anche per un capriccio del destino: appena adolescente, ho avuto l'immensa fortuna di conoscere alcuni di loro. Nel caso di Edith Piaf, a lei devo la creazione del mio immaginario sentimentale: le sue canzoni mi aprirono gli occhi sul mistero delle attrazioni fatali, la passione, le inquietudini sentimentali. Per raccontare il suo percorso di vita e la sua arte ho scelto un allestimento scenico essenziale ma simbolico, consentendo al pubblico di far affiorare il proprio immaginario, guidato dai filmati e dalle immagini, dalla mia voce e dalla sua musica". (Catherine Spaak)

 

 

 

Edith Piaf

 

Artista sensibilissima, dall'inconfondibile, straordinaria voce.

Il filo conduttore è l'immensa e insospettabile fragilità, dalla quale consegue la sua dipendenza dagli uomini, per la maggior parte freddi, calcolatori, approfittatori, ai quali lei dava tutta se stessa incondizionatamente, per poi accorgersi di aver preso abbagli, subendo cocenti delusioni. A tutti comunque, ha sempre regalato grandi occasioni per raggiungere il successo, sia che fossero musicisti, parolieri, cantanti o futuri attori. Yves Montand le deve la sua iniziazione ai grandi palcoscenici parigini, accanto a lei in cartellone, oltre ai primi importantissimi passi nel mondo del cinema. Per Charles Aznavour è stata l'insegnante più importante e l'ispiratrice di futuri suoi successi mondiali. Il suo grande, unico amore fu Marcel  Cerdan, tragicamente scomparso nel momento più intenso della loro relazione lasciandole un vuoto incolmabile, accrescendo la sua incapacità di condividere con la sua solitudine sentimentale. Immagini inedite, filmati d'epoca durante recitals dal vivo, qualche frammento delle sue canzoni più celebri cantate in scena ("La vie  en rose", "J'men fous pas mal"), alcuni testi tradotti in italiano, molti episodi della sua vita raccontati, consentono di scoprire il vero universo di Edith.

 

 

*****************************************************************************

Pievi & Castelli in Musica, nei due mesi estivi, tocca ambientazioni suggestive capaci di accogliere in maniera entusiasmante gli eventi in programma.

 

Tredici le proposte musicali, tutti spettacoli di alta qualità, anche meno noti, ma che sapranno catturare il pubblico che tradizionalmente premia gli spettacoli di Pievi & Castelli in Musica.

La consueta formula del festival quest'anno si rinnova articolandosi in tre sezioni: "Melodia & contrappunto", dedicata al repertorio concertistico vocale e strumentale, con nomi come il jazzista Stefano Bollani; "Colori & movimento" che raccoglie tutte le forme sceniche dell'arte musicale, dal balletto al tango passando per le danze irlandesi e l'opera; infine "Eloquio & armonia", luogo d'incontro tra la parola teatrale e il suono evocativo degli strumenti che include grandi nomi, come Catherine Spaak, Paolo Poli e Giorgio Albertazzi.

 

Pievi & Castelli in Musica è un'occasione di confronto tra generi e linguaggi differenti, è superamento dei "confini" dell'arte codificata, oltre che strumento di valorizzazione del territorio.

 

In allegato il programma completo







--

Ufficio stampa:
Gloria Peruzzi Tel. + 39 349 3588645
Francesca Bassani Tel. + 39 340 9519438
gloriaperuzzi@gmail.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl