La ferocia calabrese

20/ago/2007 17.10.00 Revestito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La ferocia calabrese

San Lucai sto accingendo a fare l'errore di molti.
Cercare giustificazioni morali alla Calabria per i fatti di sangue a Duisburg, che hanno coinvolto gente d'Aspromonte.
La Calabria non è un concetto monolitico, neanche uniforme.
Nessuna cosa è più uguale sul territorio di Calabria, di quanto non siano eguali e diverse tra loro le cose negli altri territori. E' anche assurdo ed illogico, dovere ricordare che ogni famiglia, comunità, borgo o città, fino all'individuo, è un centro di svariati elementi e sfumature.Esistono i calabresi, certo, ma perchè esistono una regione e la sua storia. Esistevano addirittura due pezzi di regione, la Calabria superiore e la Calabria inferiore . Vi sono stati picchi di "gloria" a Reggio capoluogo, e poi, dopo lotte viscerali, la disfatta, la perdita del capoluogo passato a Catanzaro, forse per vis actrattiva più rivolta verso Roma. Una ferita a torto o ragione mai davvero chiusa.

Continua ... di Caterina Papalia

www.ReVestito.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl