Depressione (melanconia) e mania nella storia antica.

24/set/2007 20.00.00 Psichiatria Online Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nelle culture dell’antichità (babilonese, egiziana, ebraica) si ritrovano descrizioni di oscillazioni dell’umore che oggi verrebbero inquadrate nell’ambito del disturbo bipolare; a quel tempo esse venivano attribuite all’intervento di forze soprannaturali o divine ed erano spesso considerate come una forma di punizione.
Ippocrate, nel IV secolo a.C, respinse queste interpretazioni di tipo etico-religioso e considerò il cervello sede dell’affettività e di ogni altra manifestazione psichica:
«... da null’altro si formano i piaceri e la serenità e il riso e lo scherzo se non dal cervello, e così i dolori, le pene, la tristezza e il pianto».
A lui dobbiamo le prime descrizioni cliniche dei disturbi dell’umore ed il termine “melancolia”, affezione considerata conseguente all’azione patogena della “bile nera” sul cervello (dal greco: mèlas = nero, cholè = bile). Egli pose l’accento sulla periodicità della malattia, rilevandone la stagionalità, e delineò i quattro tipi temperamentali in grado di predisporre ai diversi disturbi mentali: collerico, melanconico, sanguigno, flemmatico. Ciascuno di questi temperamenti sarebbe derivato dall’eccesso degli umori corrispondenti: bile gialla, bile nera, sangue e flegma; ad esempio, secondo la scuola ippocratica la mania (collera) era provocata da un eccesso di bile gialla.

Approfondimenti ulteriori nella sezione NEWS di www.psichiatria-online.it

Visita anche Il Forum di Psichiatria



----------------------------------------------------------------------------
DEXGATEMICRO il centralino VoIP multifunzione per l'azienda.
Prova gratuita per 4 utenti!


Scopri tutte le funzionalita' sul sito Dexgate.com
----------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl