MCAFEE: UNA PERSONA SU QUATTRO RISCHIA DI SUBIRE UN FURTO D'IDENTITA'

11/ott/2007 11.20.00 Prima Pagina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

UNA RICERCA MCAFEE RIVELA CHE UNA PERSONA SU QUATTRO RISCHIA DI SUBIRE UN FURTO D'IDENTITA’

 

La ricerca McAfee evidenzia che abitudini negligenti nell’utilizzo delle password mettono a rischio di truffe online gli utenti

 

Milano, 11 Ottobre 2007 - McAfee Inc. (NYSE: MFE) ha pubblicato oggi i risultati di una ricerca che evidenziano che una persona su quattro in Europa rischia di cadere vittima di una truffa online o di un furto d’identità a causa di una gestione delle password inefficiente. La ricerca rivela che quasi un quarto (24%) di tutti noi utilizza sempre la stessa password per accedere a tutti gli account online e quasi la metà (43%) non la cambia mai, aumentando così il rischio di rivelare la completa identità qualora quella password venga sottratta o rubata.

 

Le interviste a 3.500 consumatori hanno inoltre evidenziato il fatto che il suggerimento di esperti di utilizzare password più lunghe e complesse non trova ascolto. Quasi un terzo (30%) degli utenti utilizza ancora password lunghe al massimo 6 caratteri e quasi un quarto (22%) utilizza solo caratteri alfa.

 

Mathew Bevan, il famoso ex-hacker, ha affermato: “I risultati di questo studio sono molto preoccupanti, poiché confermano quanto negligente sia la gente. Coloro che utilizzano una password semplice che è facile da indovinare non fanno altro che agevolare la vita dei criminali informatici… è come lasciare le chiavi dell’automobile inserite nel cruscotto. La gente non avrebbe un atteggiamento così indifferente nei confronti della sicurezza nel mondo reale, per esempio per quanto riguarda la sicurezza della propria casa o del proprio automezzo e, sebbene la gente sia probabilmente al corrente delle minacce, semplicemente non prende sufficientemente sul serio la sicurezza online.”

 

Una per tutto

Il 59% degli intervistati utilizza ‘sempre’ o ‘quasi sempre’  la stessa password per tutto. In Europa, gli intervistati francesi si sono dimostrati i peggiori con il 39% che afferma di utilizzare ‘sempre’ una sola password per qualsiasi cosa, seguiti a poca distanza dagli utenti di Spagna (37%) e poi Italia (22%), Olanda (20%), Germania (17%) e UK (16%).

 

Non si cambia

Oltre al 43% della gente che non cambia mai la propria password, McAfee rivela che il 16% la cambia una volta all’anno e solo l’11% la modifica tre volte l’anno (scelta consigliata). I peggiori sono risultati gli spagnoli con il 55% degli intervistati che non cambia mai le proprie password. La Spagna è seguita da Francia (51%), Olanda e UK (41%), Germania (37%) e infine Italia (36%).

 

Troppo da ricordare!

Non stupisce che ci si affidi a un’unica password per tutto, poiché ci iscriviamo a molti più siti web di quanto abbiamo mai fatto:

 

“La gente sottoscrive sempre più account online e di conseguenza sempre più persone lasciano il proprio ‘’DNA digitale’ online - il 41% dei nostri intervistati dichiara di fornire i propri dettagli online almeno una volta al giorno, il 20% ha affermato di aver bisogno delle proprie password tra le 10 e le 30 volte al giorno. Il numero assoluto di password necessario significa che molte persone stanno ricorrendo all’utilizzo di poche password ovvie, e noi desideriamo aiutare le aziende a comprendere le conseguenze di questo comportamento,” ha affermato Greg Day, Security Analyst di McAfee.

 

Semplice come contare fino a 3…

Nonostante i consigli a fare il contrario, lo studio mostra che il 22% della gente utilizza password semplici composte solo da caratteri alfa. Dalla ricerca possiamo dedurre che i francesi hanno le password meno sicure di tutta Europa, poiché il più alto numero di intervistati francesi ha dichiarato di utilizzare solo caratteri alfa (37%). La Francia è seguita da Spagna (28%), Italia (24%), UK (18%), Olanda (17%) e Germania (15%).  I tedeschi hanno le password più sicure in Europa, poiché il 34% dichiara di utilizzare una combinazione di caratteri alfa maiuscoli e minuscoli e numerici, rispetto al 23% di intervistati in Olanda, il 22% in UK e Francia, il 19% in Italia e il 13% in Spagna.

 

Password di animali domestici

Le password più diffuse sono quelli che utilizzano nomi di animali domestici, seguiti da un hobby e poi dal cognome da nubile della mamma.  Non è un dato sorprendente ma preoccupante alla luce dei siti di social networking, come Facebook e MySpace, che contengono buona parte di tali informazioni alla luce del sole.

 

Ecco la Top Ten delle password più comuni in Europa:

  1. Nome di un animale domestico
  2. Le password più diffuse in Italia

    1.       Nome di un animale domestico

    2.       Un Hobby

    3.       Data di nascita di un familiare

    4.       Destinazione di villeggiatura preferita

    5.       Il proprio nome

     

     
    Un hobby
  3. Cognome da nubile della mamma
  4. Data di nascita di un familiare
  5. La propria data di nascita
  6. Il nome del partner
  7. Il proprio nome
  8. La squadra di calcio preferita
  9. Il colore preferito
  10. La prima scuola

 

La follia mobile

L’indagine ha preso in esame anche le attitudini della gente nei confronti della sicurezza sui loro telefoni cellulari e ha riscontrato che quasi due terzi degli intervistati (61%) non ha un codice pin per proteggere i propri dispositivi mobile. Di quelli che hanno un codice pin, oltre tre quarti (76%) non lo cambia mai e oltre un quarto (29%) utilizza le impostazioni di default.

 

“Poiché utilizziamo sempre più i cellulari dobbiamo esser consapevoli della necessità di proteggerli. Sappiamo perfettamente che se il nostro telefono viene rubato, i ladri possono effettuare telefonate costose e annullando la nostra scheda SIM il problema viene facilmente risolto.  Ciò che la maggior parte della gente non prende in considerazione sono le informazioni memorizzate sul telefono cellulare, come le password online o i dati personali - non proteggere tali informazioni equivale a mettere in pericolo la propria identità online.” Ha dichiarato Jan Volzke, Head of Marketing, Mobile Security, di McAfee Inc.

 

Lo studio conclude affermando che i consumatori devono essere più vigili non solo con il proprio PC ma anche con i dispositivi mobile, per proteggere la ‘chiave d’accesso’ alla propria identità e evitare di cadere vittime di furti delle identità digitali.   

 

Metodologia

L’indagine è stata condotta da Ciao Surveys su 3.500 consumatori in UK, Francia, Germania, Italia, Spagna e Olanda. La ricerca completa è disponibile su richiesta.

 

A proposito di McAfee, Inc.

Con sede principale a Santa Clara, California, McAfee Inc. è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza e offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi che proteggono sistemi e reti in tutto il mondo. McAfee mette a disposizione la propria approfondita competenza, impegno e innovazione di utenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider per aiutarli a bloccare gli attacchi, evitare interruzioni delle attività e tracciare e migliorare costantemente la loro sicurezza. Ulteriori informazioni sono disponibili su Internet all’indirizzo: www.mcafee.com

 

Per Informazioni:
Ufficio Stampa                                  Benedetta Campana, Silvia Asperges
McAfee, Inc.                                Prima Pagina Comunicazione
Tel: 02/55.41.71                                  Tel: 02/76.11.83.01
Fax: 02/55.41.79.00                                Fax: 02/76.11.83.04
                                                e-mail: benedetta@primapagina.it

                                                          silvia@primapagina.it

Vi informiamo che i Vostri dati personali vengono trattati in rispetto del Codice in materia dei dati personali e ne viene garantita la sicurezza e la riservatezza.
Per i nostri trattamenti ci avvaliamo di responsabili ed incaricati il cui elenco è costantemente aggiornato e può essere richiesto rivolgendosi direttamente alla Società titolare al numero di telefono 02 76118301. In qualsiasi momento potrete fare richiesta scritta alla Società titolare per esercitare i diritti di cui all¹art. 7 del D.lgs 196/2003 (accesso correzione, cancellazione, opposizione al trattamento, ecc.).

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl