T.S.O. E CONTENZIONE: APPLICAZIONE, LIMITI E ABUSI

T.S.O. E CONTENZIONE: APPLICAZIONE, LIMITI E ABUSI Conferenza-dibattito nella citta' scaligera La mostra itinerante "Psichiatria: un viaggio senza ritorno" presente in questi giorni presso il palazzo dell'Arsenale di Verona, è l'occasione per parlare di Trattamento Sanitario Obbligatorio (Tso) e Contenzione.

16/ott/2007 20.49.00 stampa ccdu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Conferenza-dibattito nella citta' scaligera
La mostra itinerante "Psichiatria: un viaggio senza ritorno" presente in questi giorni presso il palazzo dell’Arsenale di Verona, è l’occasione per parlare di Trattamento Sanitario Obbligatorio (Tso) e Contenzione.
La conferenza-dibattito organizzata dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, il Tribunale per i Diritti del Malato di Verona e dall’Associazione CittadinanzAttiva avrà luogo venerdì 19 ottobre, alle ore 20.00, presso la sala 20/2 dell’Arsenale scaligero.
La natura del Tso dovrebbe essere quella di un provvedimento sanitario di carattere eccezionale, che limita la libertà personale di chi vi è soggetto, rivolto a quei cittadini in condizioni di disagio psichico tale da essere realmente pericolosi per se e per gli altri. Ma è veramente così? E… cosa sono e come vengono applicati i metodi di contenzione?
"Vorremmo realizzare degli atti dove sia chiaro e si faccia emergere quando il trattamento sanitario è un abuso" ha affermato Flavio Magarini, presidente del Tribunale per i Diritti del Malato, che continua: "Non perché lo diciamo noi, ma perché lo dicono autorevoli esponenti sia del mondo giudiziario e soprattutto di quello sanitario".
Il dott. Franco Ariosto, Vice Questore aggiunto, è intervenuto sull’argomento: "Questo è un argomento che ci sta molto a cuore…" ed ha aggiunto: " Ci siamo resi conto che spesso viene chiamata la polizia, quando invece necessiterebbe un servizio sul territorio adeguato a quella situazione di disagio e non un intervento della polizia".
La serata sarà introdotta dal Consigliere Comunale Renata Franchini, già Vice-Presidente Commissione Salute. Parteciperanno alla serata : il Procuratore Capo di Stato presso il Tribunale di Verona, dott. Guido Papalia; il Direttore del 2° Servizio Psichiatrico del Dipartimento di Salute Mentale Ulss 20, il prof. Flavio Nosè; il dott. Giorgio Antonucci, medico psicanalista, già direttore del Reparto Autogestito dell’Istituto "Lolli" di Imola; il direttore dei Servizi Sociali dell’Ulss 20, dott. De Cristan Angelo; il prof. Giampietro Turchi, docente di Psicologia Clinica presso l’Università di Padova; il dott. Gastone Dall’Asèn, avvocato presso il foro di Bologna; il dott. Francesco Miraglia, avvocato Penalista presso il Foro di Modena e Silvio de Fanti portavoce nazionale del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. Moderatore della serata il dott. Flavio Magarini, presidente del Tribunale per i Diritti del Malato di Verona.
Per ulteriori informazioni
Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
Sezione di Verona
Email info@ccduverona.org
Sito: www.ccduverona.org



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl