Incontro venerdì 9 novembre con il poeta venezuelano Luis Alberto Crespo

Allegati

07/nov/2007 15.20.00 BIBLIOTECA NAZIONALE NAPOLI Ufficio stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lydia Tarsitano - Na.BNN.Ufficiostampa

 

Un interessante evento letterario alla Sezione Simon Bolivar della Biblioteca  Nazionale di Napoli  - La sezione  è nata nel giugno 2000, per approfondire gli studi e la conoscenza della storia e cultura dell’America Latina e del Venezuela .

 

Incontro venerdì          con il poeta venezuelano
Luis Alberto Crespo

 

   Il  poeta venezuelano Luis Alberto Crespo - per la prima volta a Napoli per ricevere all’Istituto Cervantes il premio di letteratura "I Miosotìs  2006 - sezione latino-americana”, indetto dalla casa editrice napoletana d'if  in collaborazione con l' Unione Latina, Direzione Cultura e Comunicazione (Parigi)- venerdì  9 novembre alle ore 17 declamerà  alla Biblioteca Nazionale versi scelti dalla sua opera Tortora che voli alta”, lo affiancherà la poetessa  Giovanna Marmo.

 

   A presentare ed illustrare l’intensa attività critico-letteraria di  Crespo, figura di spicco della cultura latino americana, scrittore,giornalista, poeta , vincitore di numerosi premi saranno il console del Venezuela a Napoli,  Magaly Arocha Rivas, il direttore della Biblioteca Mauro Giancaspro e  Giancarlo Alfano, professore associato  presso la seconda Università di Napoli.

 

   L’evento offre anche l’occasione per discutere e  commentare i temi dell’emigrazione e dell’esilio, che riecheggiano nei 21 brevi epigrammi di “Tortora che voli alta”.

L’opera è una   rievocazione  epico-familiare: il padre e gli antenati  riemergono dal passato e viva è la nostalgia per la  terra natale da cui sono stati scacciati , ma la poesia di Luis Alberto Crespo non indugia nel ricordo consolatorio bensì assume toni di alto lirismo e accenti profondamente religiosi, intrisi della percezione  dell’ineluttabilità della morte.

 

   La presenza di Crespo  alla Biblioteca  Nazionale di Napoli intende sottolineare gli apporti al patrimonio della conoscenza che possono scaturire  dall’interscambio con la cultura  latino americana e che la sezione Simon Bolivar con un patrimonio librario in crescita  di 400 volumi e 100 periodici  cerca di favorire . //

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl