PICCHI E BIANCHI (FI-PDL): Legambiente stipula convenzione con il Comune ed in cambio sostiene la tramvia

PICCHI E BIANCHI (FI-PDL): Legambiente stipula convenzione con il Comune ed in cambio sostiene la tramvia "Legambiente sostiene il NO al referendum sulla tramvia, ma si dimentica di comunicare alle agenzie stampa che il giorno precedente aveva sottoscritto una convenzione con il Comune di Firenze per non meglio precisate attività di tutela ambientale quali un presunto Centro di Documentazione Ambientale presso la ex Elsa Morante, una collaborazione e partnership alla redazione dei dossier nazionali e compartecipazione politica ed organizzativa alle annuali campagne di Legambiente".

11/dic/2007 17.49.00 Guglielmo Picchi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 “Legambiente sostiene il NO al referendum sulla tramvia, ma 
 si dimentica di comunicare alle agenzie stampa che il giorno 
 precedente aveva sottoscritto una convenzione con il Comune 
 di Firenze per non meglio precisate attività di tutela 
 ambientale quali un presunto Centro di Documentazione 
 Ambientale presso la ex Elsa Morante, una collaborazione e 
 partnership alla redazione dei dossier nazionali e 
 compartecipazione politica ed organizzativa alle annuali 
 campagne di Legambiente". Così Guglielmo Picchi, deputato 
 di Forza Italia e Jacopo Bianchi, consigliere comunale di 
 Forza Italia denunciano lo scambio attraverso il quale il 
 Comune di Firenze ha comprato il sostegno di Legambiente 
 alla realizzazione della tramvia. 
 "Le attività previste dalla convenzione tra Comune e 
 Legambiente sono quantomeno aleatorie e lasciano aperti 
 interrogativi sui costi che comportano. Ciò che tuttavia 
 fa specie è il fatto che una associazione che tutela 
 l'ambiente e la salute pubblica dovrebbe essere contraria ad 
 una tramvia che taglia alberi, crea code infinite di 
 traffico privato e aumenta l'inquinamento complessivo della 
 città. Certo non è casuale - continuano gli esponenti 
 azzurri - che questa convenzione sia stata firmata subito 
 prima dell'annuncio del sostegno al referendum della tramvia 
 da parte di Legambiente. Occorre maggiore chiarezza sugli 
 oneri che potrebbe comportare anche se come semplice 
 utilizzo di spazi pubblici e sui programmi da portare 
 avanti. Chiediamo - concludono Picchi e Bianchi - che il 
 Sindaco e il responsabile di Legambiente smentiscano subito 
 che i due eventi siano collegati perchè altrimenti sarebbe 
 evidente il tentativo del Comune di comprare il consenso a 
 favore della tramvia". 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl