Custoza Doc:15 dicembre, Passiti: prospettive sul mercato e sul palato

Sugli aspetti commerciali, produttivi edeno-gastronomici interverranno, rispettivamente, Cesare Pillon, Nicola Frassone Morello Pecchioli - Dolce Natale a Custoza, avrà il suoi clou nelle degustazioni di domenica prossima, 15dicembre, anticipate da una tavola rotonda, il sabato, sui passiti di Custoza.

14/dic/2007 20.10.00 BONAZETA WORD PRESS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Passiti Custoza Doc: prospettivesul mercato e sul palato

IlConsorzio di Tutela Vino Bianco di Custoza, nell’ambito di Dolce Natale,organizza una tavola sulle peculiarità dei passiti Doc nel panorama competitivoitaliano e internazionale. Sugli aspetti commerciali, produttivi edeno-gastronomici interverranno, rispettivamente, Cesare Pillon, Nicola Frassone Morello Pecchioli

 

Dolce Natale a Custoza, avrà il suoi clou nelle degustazioni di domenica prossima, 15dicembre, anticipate da una tavola rotonda, il sabato, sui passiti di Custoza.

Dicembre è il mese clou per lavinificazione dei passiti di Custoza Doc, che sarannocommercializzati a partire da ottobre 2008. In prossimità del periodo più“dolce” dell’anno, il Natale, il Consorzio di Tutela VinoBianco di Custoza ha promosso una tavola rotonda, sabato 15 dicembre, chefocalizzerà l’attenzione sulle tecniche di appassimentopiù attuali, sui trend di mercato per questa tipologia di vini da dessert esulle proposte più prelibate di abbinamento gastronomico.

Con l’aiuto diun trio d’eccezione: Cesare Pillon, giornalista e scrittore, presenteràle tendenze di mercato e le prospettive per i vini passiti, in particolarequelli ottenuti da vitigni autoctoni, che negli ultimi anni sono sempre più apprezzati dai consumatori. Nicola Frasson, di Slow Food,concentrerà, quindi, l’attenzione sulle peculiarità del passito diCustoza, evidenziando caratteristiche produttive e degustative. Il giornalistaMorello Pecchioli, infine, proporrà gli abbinamenti gastronomici piùstuzzicanti.

 

L’appuntamento èfissato alle 10.30, nella sala consiliare del Comune di Sona, ed è statopromosso nell’ambito del 7° concorso dei passiti di Custoza, organizzatodal Comune e dalla Pro Loco di Sona, con il Consorzio di Tutela e conl’Associazione Strada del Vino Bianco di Custoza. L’incontro saràintrodotto dal prof. Roberto Ferrarini, docente di enologiaal dipartimento di scienze tecnologie e mercati della vite e del vino, chesottolineerà l’importanza di alcuni aspetti cruciali per un appassimentoeccellente nei fruttai: dalle quantità di uva da destinareall’appassimento alle modalità attraverso le quali monitorarel’evoluzione del processo, dal controllo rigoroso dei tempiall’ambiente, che deve presentare una buona ventilazione per evitareformazioni di umidità.

Dalla teoria alla degustazione grazie al7° Concorso dei passiti di Custoza, alla quale partecipa una ventina di aziende della Doc. In gara un solo campionedell’annata 2006 e, in stragrande maggioranza, passiti del 2003 e 2004.Domenica 16 dicembre i vini saranno proposti al pubblico dalle 15 alle 20, in abbinamento a dolci della tradizione.Alle 17 è prevista la premiazione delle aziende vincitrici.

IlCustoza Doc è prodotto in nove comuni nella zona tra Lazise ePeschiera su un terreno morenico attorno all’antica cittadina di Custoza,il cui nome deriva da “stazione di guardia e custodia”, risalenteal XIII. I vigneti del Custoza Doc sono dislocati su terreni derivati dal grande sistema glaciale atesino e si estendono su 1200 ettari.

 

IlBianco di Custoza o Custoza Doc è un vino ottenuto da Garganega(20-40%), Trebbiano Toscano (20-45%) e Tocai Friulano localmente dettotrebianello  (5-30%). Il rimanente 20-30% può prevedere, da soli ocongiuntamente, Cortese, Malvasia, Riesling Italico, Pinot Bianco, Manzoni bianco (sinonimo Incrocio Manzoni 6-0-13), e Chardonnay.La Doc prevede quattro tipologie: il Custoza, il Custoza Superiore, il CustozaSpumante e il Custoza Passito.

Il Custoza Doc èun vino secco dal profumo intenso, fruttato e leggermente aromatico. Al palatorivela freschezza, morbidezza e una gradevole sapidità che lo rendono ideale inabbinamento ad antipasti di pesce e a primi piatti della tradizionegastronomica locale.

Un vino ricco di storia, che ha goduto apprezzamenti daparte di papi, generali e letterati fin dal Cinquecento.

 

Leaziende aderenti al consorzio sono 611: 494 viticoltori,66 vinificatori e 51 imbottigliatori. La produzione potenziale è  di180.000 q di uva. In media ogni anno vengono prodotti 115.000 hl di vino: il 70% è Bianco diCustoza Doc, il 25% riguarda la tipologia Superiore, il 4% la tipologiaspumante e l’1% il passito. Si tratta di 10-12 milioni di bottiglie all’anno, per un giro d’affari pari a circa 36milioni di euro all’anno. Il 75% delle vendite vienetotalizzato in Italia, il rimanente 25% all’estero e, in particolare, inGermania, Austria e Inghilterra.

 

 

 

ConsorzioTutela Vino Bianco di Custoza D.o.c,P.zza Matteotti, 8 - 37011 Bardolino (Vr)

Tel.045.6212.567 – Fax 045.7210.820

Sito internet: www.vinocustoza.it mail: info@vinocustoza.it

Responsabile UfficioStampa: Maddalena Faedo, faedo@telvia.it,+39 335 7074945

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl