Napoli- Agnese Ginocchio: Sostegno a Pianura e riflessione sullo scandalo e scempio dei rifiuti nella nostra regione Campania

07/gen/2008 12.27.00 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
"Agnese Ginocchio: Solidarietà e Sostegno a Pianura. Vergogna a chi ha male gestito il nostro territorio, riducendoci in questo stato.
 
Dimettetevi tutti"!!!
 
 Campania/ Napoli/ Caserta- Dopo i duri moniti lanciati e  anche cantati in questo caso ( vedi canzone di protesta ambientalista "Fermate il mostro"..) ai nostri poilitici campani e casertani, colpevoli di avere permesso un grave disastro ambientale mai accaduto nella storia,  Agnese Ginocchio testimonial e cantautrice internazionale per la Pace, insignita dell'ultimo riconoscimento del "premio nazionale per la legalità Borsellino per l'impegno sociale e civile", torna a farsi sentire rivolgendosi alla società civile, e,  lanciando un accorato appello alla presa di coscienza sul grave stato in cui versa la nostra provincia per qualto riguarda il problema o meglio la guerra dei rifiuti, invita a partecipare al corteo della manifestazione del 9 Gennaio prossimo a Napoli per sostenere la lotta della popolazione di Pianura, che in queste si batte per l'unico diritto di difesa alla vita, protestando per l'apertura della discarica illegale di Pisani.
 Riportiamo di seguito il testo del comuniato.
"Il problema rifiuti in Campania - scrive la rappresentante del movimento per la Pace e la salvaguardia del creato Agnese Ginocchio-  mai come in questo momento sta raggiungendo il culmine della drammaticità e del pericolo allarme ambientale e sanitario. I medici e le associazioni ambientaliste lo hanno denunciato da tempo. Si corre serio rischio di ammalarci per epidemie e cancri. I piani dei commissariamenti straordinari si sono dimostrati inefficaci. La gente é stanca, é al culmine della sopportazione. Ci domandiamo se ciò che sta accadendo in queste ore così drammatiche per la nostra regione Campania, un tempo considerata la Campania felix, può avere un senso, una ragione.  
Le migliaia di tonnellate di rifiuti sparse lungo le strade e le discariche abusive improvvisate a ciel aperto sono il sintomo di una società in malanno da tempo. La Campania, le nostre province di Napoli e Caserta sono state letteralmente gettate in ginocchio. Disastro ambientale perpetrato da criminali di potere in carne ed ossa.
Un invito alla società civile a prendere coscienza.
Diventa necessario cercare in queste ore di evitare gli sprechi, non consumare in eccesso, ne produrre in maniera sconsiderata i rifiuti. Evitate quindi di usare tutti quei prodotti usa e getta, di incendiare i cassonetti d'immondizia, altrimenti si sprigionano ancor più nell'aria sostanze tossiche come la diossina, che danneggia irreparabilmente la nostra salute. Riutilizzate più volte gli stessi oggetti per gli alimenti. Cercare di condurre uno stile di vita più sobrio e solidale. Cominciate ad informarvi e a coscientizzarvi sull' educazione ambientale (info siti su internet). E' ora che si faccia chiarezza su un problema fin troppo trascurato e fin troppo urgente da risolvere, perché da ciò dipende il futuro delle nostre terre e delle giovani generazioni. Troppa confusione sul da farsi non giova a risolvere il problema.
C'è chi dice di costruire inceneritori, c'è chi dice di aprire altre discariche, c'è chi si scrolla la responsabilità di dosso etc..etc..
E' ora di svegliarsi e di istruirsi e di informarsi che il problema non si risolverà con l'apertura di discariche ed inceneritori inquinanti che producono diossina e nenoparticolati. Il problema si risolve introducendo un serio piano di provincializzazione dei rifiuti con una seria raccolta differenziata. Il problema si risolvera solo quando ci sarà buona volonta politica a risolverlo e quando si dice buona volontà s'intente che i politici devono imparare a fare i politici.
Politica significa servizio tutela della cittadinanza difesa del bene comune e tutela della vita umana. 
Servizio. Ma quale servizio, se siamo stati ridotti in questo stato? La Campania é diventata la pattumiera del mondo, un fatto clamoroso risaltato alla cronanca internazionale. C'è solo da VERGOGNARSI!!!
Altro che servizio! Con quale coraggio- rivolgendosi poi ai politici -  continuate ad esercitare questo ruolo? Quando non si é capaci di gestire il territorio, di servirlo e difenderlo da ogni attentato alla vita ed alla salute pubblica é meglio DIMETTERSI per incapacità di gestione,  piuttosto che scandalizzare con il proprio comportamento.  
E' ora di dire BASTA a  questi mostri che ci hanno avvelenato, ci stanno divorando una storia, che hanno permesso la devastazione totale dei nostri territori.
Se andremo avanti di questo passo moriremo tutti sommersi dai nostri rifiuti come già aveva preannunciato il grande capo indiano Toro seduto a meta del secolo( "l’uomo bianco morirà seppellito dai propri rifiuti" ).
La soluzione c'è per risolvere il problema. I comitati e associazioni ambientaliste li avevano individuati da anni: introdurre un serio piano di gestione provinciale per la raccolta  differenziata porta a porta. Ma da parte vostra - e si rivolge ancora ai politici- quali risposte sono seguite? E quali le azioni concrete che siete riusciti a mettere in atto?
Parole, parole, solo belle parole e tante promesse a vuoto..bla.bla.bla...eh dai...eh ormai così si fa , va di moda...eh...,
tanta cattiva volontà a gestire il territorio. Cosa avete pensato a fare nel frattempo? Discariche ed inceneritori che hanno avvelenato ancor più le nostre vite ed inquinato i nostri territori.
L'infiltrazione camorristica nelle istituzioni ha condizionato la volontà politica a non volere affrontare obiettivamente l'argomento rifiuti. Per questo ci ritroviamo in questa grave ed allarmante situazione sanitaria ed ambientale.
 
 Sembra di trovarsi nel terzo o addirittura nel quarto mondo. Ma questa non era l'era dell' evoluzione del terzo millennio, o piuttosto é l'era della devolution?   
E' anche vero però che la società civile distratta dalla freneticità della vita ha subito una sorte di disinformazione sull'argomento . Ma sappiamo che la disonformazione é sinonimo di non responsabilità. Urge quindi un cambio di rotta ed un forte senso di responsabilità nel rimboccarsi le maniche per cercare di salvare il salvabile.
 In compenso respiriamo aria contaminata dai veleni tossici dei rifiuti in decomposizione, (diossina, nanoparticolati, metalli pesanti..) diffusi dai rifiuti, eco-balle che di eco non hanno nulla ma sono solo balle e ancora discariche ed inceneritori presenti nella nostra regione.
Vi siete mai chiesti come mai da un pò di anni a questa parte sono aumentati i casi anomali di cancro nella nostra provincia casertana, in quella napoletana ed in Campania?
Trent'anni di sversamenti illeciti e rifiuti tossici provenienti dal nord Italia ed Europa. Tutto ciò grazie alla camorra che sui rifiuti ci ha guadagnato montagne di miniere d'oro. La Campania ha subito la più grossa violenza, spodestata ed usurpata nei suoi diritti primari (salute ambiente ecologia).
Le acque delle piogge che scendono sulla terra a irrigare la vegetazione oggi sono acide e cariche di veleni. Gli alimenti prodotti dalla terra (e i derivati ) che noi acquistiamo ai supermercati per il fabbisogno quotidiano sono avvelenati da diossina.
La nostra regione non ce la fa più sta soffocando! I piani di emergenza si sono rivelati inefficaci. Il percolato, ovvero quel veleno mortale che viene prodotto dai rifiuti in decomposizione sversati nelle discariche illegali come quella de Lo Uttaro & c,  é penetrato nel terreno ed é andato a inquinare le falde acquifere.
L'acqua, primo alimento della nostra vita, ovvero la stessa acqua che usiamo anche per irrigare i campi, dissetare gli animali, coltivare la verdura è inquinata da diossina, pcb & c. 
La provincia di Caserta a causa de Lo Uttaro si é trasformata in un vero e proprio immondezzaio, diventandocosì  lo sversatorio d'Italia. Tutto ciò grazie ai nostri beneamati politici che abbiamo anche votato....
Chi a pagarne le spese, la salute e la vita oggi siamo e saremo solo noi cittadini,
mentre i nostri politici si riempiono le tasche di denaro sporco, assicurando le loro vite ed il loro futuro(quale futuro?!?!)
 lavandosene le mani per tutto il resto della situazione. Tipico atteggiamento di omertà di 'Ponzio Pilato'.
 
 Alla faccia della democrazia e della difesa dei diritti umani!
 
Un appello alla società civile a prendere coscienza e coraggio. Un appello a ribellarvi a questo sistema politico mafioso che ci viene imposto senza scrupoli perchè calpesta la vita e la coscienza. UN appello a riprenderci i diritti che ci hanno tolto,  prima che sia troppo tardi e tutto ci sfugga dalla mano.
Non ci resta che la mobilitazione nonviolenta, il boicottaggio , la nostre voci per gridare costro questi scandali e crimini d'umanità,
ed implorare in primis l'aiuto divino, affinchè questo immane flagello dei rifiuti sia scongiutaro dalle nostre terre e dalla nostra vita, e torni presto a sorgere il sole della Speranza come il verde della Pace. - "La terra è di Dio! E’ dunque secondo la sua legge che deve essere trattata - Queste ultime  parole tratte dalla Genesi-conclude la cantautrice e testimonial di Pace Agnese Ginocchio-  consegnano la terra all'uso, non all'abuso dell'uomo"! "Fermate il MOSTRO"!!!
 
( fonte da: www.agneseginocchio.it )
 
 
P.s: Didascalia foto in allegato: "Comitato emergenza rifiuti Caserta porta lo striscione con lo slogan della canzone ambientalista:"Fermate il Mostro" composta da Agnese Ginocchio" . Autore foto: Andrea Piotini fotoreporter
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl