Donne e Rifiuti, Emozione, Creativita' e Concretezza: ecco le nostre donne. Dal quotidiano nazionale: "Voce d'Italia"- ( di Annalisa Tregattini )

08/mar/2008 21.00.00 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
la Voce d'Italia - nuova edizione anno II n.173 del 08/03/2008
La voce, il primo quotidiano indipendente d'italia
 
Cronaca Foto Donne e Rifiuti
Le donne non sono proprio da ‘buttare’!
 
Home Cronaca Politica Esteri Economia Scienze Spettacolo Cultura Sport Focus

Donne e Rifiuti

Emozione, Creativita' e Concretezza: ecco le nostre donne

Milano, 8 mar. - Le parole ‘donna’ e ‘rifiuti’ possono sembrare un accostamento un po’ forzato.
Tuttavia, considerata la portata che il problema dei rifiuti campani sta avendo su scala nazionale, non è, poi, così strano che questo coinvolga anche l’universo femminile, generando effetti e comportamenti veramente variegati. 

Prendiamo tre donne: differenti, lontane per estrazione sociale, ideali e stili di vita, eppure vicine nella loro ‘battaglia’ contro il problema dello smantellamento dei rifiuti.
Le loro storie sono molto diverse, ma espressione ciascuna di una stessa essenza: l’essere donna.

C’è chi, per disperazione, cerca di risolvere il problema ‘rifiuti’ a modo suo, dandosi fuoco per protesta. Si chiama Lucia De Cicco, 46 anni. Legata al cancello del sito di stoccaggio di Giuliano (Na), si cosparge di benzina e si dà fuoco. Immediati gli interventi della polizia che evitano alla donna il peggio.

C’è poi Agnese Ginocchio, cantautrice, testimonial e rappresentante del Movimento per la Pace, divenuta emblema delle lotte per i diritti civili della gente.
Agnese ‘scende in campo’ con la sua arte. Il disagio della sua terra (Caserta) diventa una canzone: “Fermate il mostro”, diventa presto slogan della battaglia contro i rifiuti della Campania. “La battaglia per la difesa di questo territorio deve continuare -dichiara- i mostri avanzano inesorabilmente”.

C’è la donna, invece, che dalle proteste è lontana. Non urla contro il problema; non canta parole provocatorie e di disagio; Floriana Cesellato, sindaco di Maserada sul Piave, il problema dei rifiuti cerca di risolverlo concretamente, proponendo alle sue concittadine donne, in occasione della loro festa, la ‘Mooncup’.
Senza scendere in eccessivi dettagli (incomprensibili per chi non è ‘del settore’), la ‘Mooncup’ rappresenta un accessorio innovativo che ogni donna può utilizzare ‘cicli-camente’ in quei giorni...tipicamente femminili, evitando così di gravare con i propri rifiuti su un bilancio che si fa quotidianamente più drammatico.
Non vuole essere, certo, la risposta all’emergenza che sta vivendo la Campania, ma con questa singolare iniziativa il sindaco Floriana Cesellato intende promuovere tra i cittadini “piccoli comportamenti virtuosi”.

Sono tre storie, come dicevo, molto distanti.
Emozione, creatività, concretezza: espressioni diverse di una stessa identità.
Una donna può piangere disperata, cantare le sue emozioni o tradurle in un gesto concreto….quel che è certo, però, è che non si sente mai al capolinea!

Annalisa Tregattini
 
Fonte: La Voce d'Italia Quotidiano online indipendente


Segnala ad un amico


Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl