"Distratto ma però"... Peppe Voltarelli in tour.?

09/mar/2008 18.20.00 Lucia Vagliviello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Peppe Voltarelli presenta in Europa il suo primo album

In Europa approda l'italianità: i suoni mescolano ironia e surrealtà , con canzone d’autore divisa fra folk e punk , i testi parlano di un paese che sta cambiando,la crisi d'identità di coscienze sospese tra luogo comune e grande tradizione artistica. Ritmi tarantolati, jazz, danze, sapore di tango e milonga, una fisarmonica malinconica, le percussioni, il ballo del passato, i colori del mediterraneo, le tinte forti di rosso bianco e verde sotto un costante cielo azzurro mare. Dall'otto marzo a Vienna, presso Audience Hall Vienna University ha preso il via il toru europeo di Peppe Voltarelli che si concluderà il 13 aprile a Duisburg. Peppe Voltarelli , voce chitarra e fisarmonica, con il suo primo album da solista "Distratto ma però" sta riscuotendo molteplici consensi, sia dalla critica che dai numerosi fans che lo seguono con affetto e che aumentano sempre più. "Distratto ma pero’ ", il concerto acustico è la gioia di vivere del quotidiano, fra canzoni di rinnovamento calamiterà l'attenzione lunedì , 10 marzo , nella Repubblica Cca a Praga al Club Nova Sin, mentre mercoledì 12 , sempre a Praga al Kure V. Hodinkach e venerdì , 1 marzo, alle 20.00 a Litomerice - www.modryznebe.cz/testik/. Ad aprile invece Peppe con il suo concerto "Distratto ma però" approderà in Germania. Il 12 aprile si esibirà insieme ad Antonello Messina a Duisburg - Alle Feuerwache Das Funkhaus Italien Festival, mentre domenica 13 , sempre duo a Duisburg - Alle Feuerwache, Peppe Voltarelli e Antonello Messina dalle 12:00 alle 14:00 parteciperanno ad intervista con il collegamento live per "Al Dente", il radio - settimanale del canale italiano Funkhaus Europa. Peppe Voltarelli presenta in Europa il primo album da solista "Distratto ma però " , etichetta KomArt Label, distribuzione Venus,nei negozi dallo scorso 4 maggio, un lavoro considerato tra i migliori debutti italiani del 2007 e già finalista al Premio Tenco 2007 per la targa Opere Prime.
Peppe Voltarelli dopo il cinema , protagonista del film La Vera Leggenda di Tony Vilar, una pellicola che, col pretesto della ricerca del cantante italoargentino Tony Vilar - misteriosamente scomparso dalle scene negli anni '60, dopo aver portato al successo internazionale Cuando calienta el sol - ci mostrava miserie e nobiltà degli immigrati italiani di oggi, in Argentina come a New York. Ed è proprio in compagnia dai vari Tony Pizza, Frank Bastone o Connie Catalano, appassionanti e a volte grotteschi personaggi alla ricerca di un’identità, che ritroviamo, oggi, Peppe Voltarelli, ex vocalist della band " Il Parto delle Nuvole Pesanti", con l'album solista Distratto Ma Però. Italiani Superstar, singolo estratto dall’album, è infatti una carrellata sulle storie di quegli immigrati. Un pezzo emblematico, del nuovo corso musicale di Peppe Voltarelli, il quale, attento al sociale, non taglia i ponti col passato e con il suo retroterra musicale e culturale, ma che, al tempo stesso, lascia finalmente libero sfogo ad un’indole di crooner e di autore, sensibile ed evocativo, che non disdegna l’intrattenimento intelligente. Non a caso i brani di Distratto Ma Però si muovono all’interno di un immaginario che spazia tra Rino Gaetano, Domenico Modugno e il teatro-canzone, senza dimenticare le radici meridionali da moderno cantastorie. Ne sono un chiaro esempio i testi ironici, malinconici, ma anche sarcastici sui nostri costumi come Ciao Come Stai, Leggero Leggero, Turismo In Quantità, quest'ultimo con la voce narrante dell’attore e regista Giancarlo Cauteruccio. Canzoni d’amore e di solitudine, stralunate e struggenti, come Scendo e Sollevato, oppure come il tango sghembo di Distratto Ma Però che dà il titolo all’album; la tarantella impazzita de La Luna Ride o la "canzone a manovella" di Ma Come Faccio Con Te. Non mancano gli omaggi alla terra natìa, cantati in dialetto calabrese, come Aria e soprattutto L’Anima è Vulata che, scelta dal regista Mimmo Calopresti per la colonna sonora del suo prossimo film L’abbuffata, è un piccolo gioiello grazie alla partecipazione, al pianoforte, di un ispiratissimo Sergio Cammariere. Distratto Ma Però vanta anche altre preziose collaborazioni: quella di Pau dei Negrita, coautore in Italiani Superstar, e quella di Roy Paci, con un suo cameo alla tromba in Italiani Superstar e Turismo In Quantità. Il tutto abilmente e amabilmente confezionato con i suoni e la sensibilità di Finaz della Bandabardò, produttore artistico dell’album e coautore di cinque brani.

Lucia Vagliviello

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl