Caffe della Versiliana Invernale: IL SENSO DELLA MUSICA E DELLAVITA NELLA TOSCANA DELLA RICOSTRUZIONE E DEL MIRACOLO

Caffe della Versiliana Invernale: IL SENSO DELLA MUSICA E DELLAVITA NELLA TOSCANA DELLA RICOSTRUZIONE E DEL MIRACOLO CAFFE DELLA VERSILIANA IL SENSO DELLA MUSICA E DELLAVITA NELLA TOSCANA DELLA RICOSTRUZIONE E DEL MIRACOLO Penultimo atto del Caffe della Versiliana invernale nel Chiostro di S. Agostino sabato 29 marzo con lo storico cantante e voce di Radio Firenze nel dopo guerra Narciso Parigi e il critico musicale Giovanni Ballerini.

27/mar/2008 11.30.00 Andrea Berti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 


 


CAFFE DELLA VERSILIANA

IL SENSO DELLA MUSICA E DELLAVITA NELLA TOSCANA DELLA RICOSTRUZIONE E DEL MIRACOLO

 

Penultimo atto del Caffe della Versiliana invernale nel Chiostro di S. Agostino sabato 29 marzo con lo storico cantante e voce di Radio Firenze nel dopo guerra Narciso Parigi e il critico musicale Giovanni Ballerini.

Conducono Romano Battaglia ed Enrico Nistri.

Incontro straordinario sabato 12 aprile sui fatti della Bussola nel ’68 con

Mario Capanna, Marco Bernardini, Soriano Ceccanti, Don Backy e Filippo Eugene Luchi.

 

Penultimo atto del Caffe della Versiliana invernale, sabato 29 marzo, alle ore 17, nel Chiostro di S. Agostino (ingresso gratuito) di Piazza Duomo (Lu) con la rubrica dedicata alla storia “I Percorsi del ‘900” condotta da Romano Battaglia ed Enrico Nistri. Ospiti nell’incontro dal titolo “Il Senso della Musica e della Vita nella Toscana della ricostruzione e del miracolo” il popolare cantante, attore e protagonista della grande stagione di Radio Firenze, Narciso Parigi assieme a Giovanni Ballerini, critico musicale del quotidiano “La Nazione” e autore del volume Narciso Parigi, la biografia omonima che ripercorre la vita e le “imprese” di uno dei più importanti testimoni del made in Tuscany nel mondo. La prefazione è a cura di Paolo Limiti, conduttore, esperto musicale, e autore di alcuni dei testi più amati di Mina come La Voce ne Silenzio e Ballata D’Autunno. Un appuntamento a ritroso nel tempo che ci riporta, attraverso le tappe artistiche di Parigi, che partendo da Campi Bisenzio e dalla radio storica di Firenze, Radio Firenze dove si è guadagnato la prima “fama”, sino a Roma e alle metropoli d’oltreoceano raccontando in un gioco di riflessi, la vita e gli stili di vita di intere generazioni del dopo guerra. Ed è proprio in America, nei templi della musica destinati alle grandi star, che Parigi ha conosciuto i suoi successi più grandi e si è fatto apprezzare dal pubblico facendo della toscanità un marchio. Dotato di capacità vocali interpretative uniche ha conquistato la platea radiofonica e non solo quella, visto che nella sua carriera il cantante di Campi è stato protagonista in teatro, alla televisione e al cinema.

Prossimo ed ultimo incontro straordinario sabato 12 aprile dedicato ai fatti della Bussola del ’68 con ospiti Mario Capanna che presenterà il suo libro sul ‘68 e Marco Bernardini, nipote del grande Sergio, Soriano Ceccanti, il giovane che quella notte rimase colpito da una pallottola esplosa per mano ancora oggi sconosciuta, il cantante Don Backy icona di quel periodo, e l’avvocato Filippo Eugene Luchi, allora Sindaco di Pietrasanta.

Per informazioni relative all’incontro in programma e ai successivi contattare la Fondazione La Versiliana telefonando al numero 0584 795523 o consultare il sito www.laversiliana.it      

 
 
Andrea Berti
Ufficio Stampa
cell. 338 41 47 298
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl