Convento di San Michele, apertura del secondo ciclo

Convento di San Michele, apertura del secondo ciclo Comunicato stampa Salerno, 01/04/2008 Convento di San Michele, apertura del secondo ciclo Mercoledì 2 aprile parte al Convento di San Michele, a Salerno, il secondo ciclo di eventi della rassegna "Quello che passa_ al Convento".

01/apr/2008 16.20.00 Ufficio Stampa MTN Company Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa

Salerno, 01/04/2008

Convento di San Michele, apertura del secondo ciclo
Mercoledì 2 aprile parte al Convento di San Michele, a Salerno, il secondo ciclo di eventi della rassegna “Quello che passa… al Convento”. Apertura con il film “Storie dell’Islam” di Pietro Cannizzaro ed il libro “Città di sale” di Abd al-Rahman Munif

“Storie dell’Islam” e “Città di sale”: doppio appuntamento dedicato all’Islam per l’apertura del secondo ciclo di eventi di “Quello che passa… al Convento” - incontri d’arte, teatro, letteratura, cinema, musica e saperi gastronomici, in programma fino al 31 maggio al Convento di San Michele, a Salerno.


Mercoledì 2 aprile, alle ore 18.30, per “Il cibo dell’anima” spazio alla proiezione del film “Storie dell’Islam” di Pietro Cannizzaro (Ita, 31’). Seguirà conversazione con il noto giornalista e sociologo Khaled Fouad Allam.

 

La storia è ambientata a Torino. Il protagonista è Abdelaziz, uno degli Imam della città. Aperto al dialogo con le altre comunità, desideroso di creare un rapporto solido con la cultura occidentale, Abdelaziz ci conduce nell’affascinante realtà islamica attraverso il cibo.


Nonostante si mettano spesso in antagonismo i bisogni corporali e quelli spirituali, tra cibo e spiritualità c’è un rapporto molto stretto. Basti pensare al pane ed al vino nell’Eucarestia della religione cristiana, all’alimentazione vegetariana di certe religioni orientali o all’uso del digiuno nel Ramadan. Il cibo come storia e cultura, memoria e gusto, concetto rituale e simbolico, incontro ed integrazione, ma anche mezzo per capire meglio l’identità delle diverse culture, lo spaesamento e il disagio nel loro processo d’integrazione.


Diverse le testimonianze presenti in questa storia, come quelle del sociologo Khaled Fouad Allam, della ricercatrice Nesa Elouafi, dello scrittore iraniano Hamid Ziarati e di Mohamed, che ha aperto con successo una pasticceria di dolci tipici mediorientali nella Piazza di Porta Palazzo, ormai diventata un punto di riferimento non solo per la comunità araba, ma per tutta la città di Torino.


Alle ore 20.00, poi, luce dei riflettori sul libro “Città di sale” di Abd al-Rahman Munif (Baldini e Castoldi Editore). Ne parleranno Khaled Fouad Allam, Vittorio Dini, Michele Schiavino e Cinzia Bonadies. Voci narranti: Attilio Bonadies e Pasquale De Cristofaro. Suoni: Gabriele Rosco.


Un romanzo di grande attualità, che tocca molti dei temi che hanno sconvolto e sconvolgono tuttora il Medio Oriente. Una lettura critica delle politiche economiche arabe ed occidentali e, al contempo, un’opera coraggiosa e raffinata.


Wadi al-Uyùn è una piccola oasi comunitaria della Penisola Araba. I suoi abitanti vivono da sempre in accordo con la natura, senza temere nulla, come se una forza divina vegliasse sulle loro vite. Fino al giorno in cui sono costretti alla diaspora in seguito alla scoperta del petrolio da parte degli americani.


Sono gli occhi di vari personaggi beduini che mostrano ai lettori gli sconvolgimenti e le trasformazioni radicali causate dalla colonizzazione e dallo sfruttamento degli arabi e degli americani, ma non solo. Accanto ai ciechi bisogni delle compagnie petrolifere, che scandiscono il ritmo del romanzo, affiora un mondo antico, radicato a tal punto nelle sue tradizioni e superstizioni da impaurirsi anche al solo passaggio di una macchina. Emerge, allora, con forza anche il rapporto tribalismo-Islam, tradizione-tecnologia.


Un affresco delle società del Golfo, ed in particolare dell’Arabia Saudita, di due culture e due epoche, quella araba e quella americana, che pur incontrandosi restano eternamente divise.


“Quello che passa… al Convento” è una kermesse ideata e promossa dall’Associazione “Il Convivio delle Arti dei Rozzi e degli Accordati”, presieduta da Vito Puglia, che si è posto l’obiettivo, con la collaborazione di Erminia Pellecchia, Mariagrazia Caso ed Antonello Mercurio, di valorizzare il cenobio medievale, trasformandolo in un “laboratorio locale del pensiero globale”, in un vero e proprio spazio dei saperi, aperto a tutte le libere creatività della città, e non solo.


Per info e contatti:

Convento di San Michele, Via Bastioni, 8 - Salerno
Tel. +39 089 2753602; cell. 327 4493442; fax +39 089 255034
Sito web: www.ilconventosanmichele.it; e-mail: info@ilconventosanmichele.it

ufficio stampa
dott. raffaele pisapia
rpisapia@mtncompany.it
www.mtncompany.it

corso mazzini 22
84013 cava de'tirreni_sa_italy
tel. / fax 0893122124
tel. / fax 0893122125
info@mtncompany.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
MTN garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003.
Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione o modifica qualora l'interessato ne faccia richiesta.
Per posta elettronica è possibile richiedere la cancellazione inviando una mail a:
ufficiostampa@mtncompany.it Oggetto della mail: cancella+mail da cancellare

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl