Passito è Passione. Maurizio Grassi e Luigi Russolo alla tavola rotonda "Vino Santo: ieri e oggi".

12/apr/2008 19.00.00 BONAZETA WORD PRESS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Passito è Passione.  Maurizio Grassi e Luigi Russolo alla tavola rotonda  "Vino Santo: ieri e oggi".

 

 

(segnalato da F.Bonazzi)
Venerdì 11 aprile, ad ore 17.00, Massimo Zanichelli (I Vini d’Italia – L’Espresso), Maurizio Grassi e
Luigi Russolo (Sapori d’Italia), Nereo Pederzolli (Rai regionale) e Francesco Spagnolli (enologo, già preside dell’Istituto agrario di San Michele all’Adige) daranno vita ad una tavola rotonda dal titolo “Vino Santo: ieri e oggi”. Gli effetti delle variazioni climatiche sui processi di produzione e appassimento delle uve Nosiola, le differenze fra il Vino Santo e gli altri passiti, il futuro di una produzione di nicchia come quella trentina saranno i temi principali della discussione.

     Il dolce è il sapore di molti grandi vini. Tra questi il Trentino Doc Vino Santo, frutto di una tradizione apprezzata fin dai tempi del Concilio. Un patrimonio di valori e suggestioni cui l’Enoteca provinciale del Trentino, ospitata nella cinquecentesca cornice di Palazzo Roccabruna a Trento, rende omaggio con un evento che, attraverso degustazioni, incontri ed approfondimenti, dall’11 al 13 aprile si propone di far conoscere al grande pubblico un vino ricco di storia e di fascino.
Nasce così “Passito è Passione”, manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio, Industria ed
Artigianato ed Agricoltura di Trento in collaborazione con l’Associazione Vignaioli del Vino Santo. Filo conduttore di quest’edizione, la seconda, sarà l’abbinamento fra Vino Santo ed i grandi formaggi erborinati della tradizione italiana.
L’evento, che si apre ufficialmente venerdì 11 aprile, è anticipato il giorno precedente, giovedì (ore 18.00), da un laboratorio enogastronomico dal titolo

“Passito è passione. Il Vino Santo trentino”, che rientra nell’ambito de “I giovedì dell’enoteca” (è gradita la prenotazione telefonando allo 0461/887101).
 
Sabato 12 e domenica 13 aprile, dalle 17.00 alle 21.00, l’Enoteca proporrà il Trentino Doc Vino Santo in abbinamento ai formaggi erborinati italiani (Gorgonzola Dop dolce e piccante, Strachìtund della val Taleggio, cremificato verde di capra della provincia di Novara, erborinato di capra del Cuneese).
Spazio anche agli approfondimenti enogastronomici con i laboratori curati dall’A.I.S.: sabato alle 18.00 “Matrimonio tra nobili muffe: il Trentino Doc Vino Santo e gli erborinati d’Europa e domenica, sempre alle 18.00, “Dolci amare sensazioni: il Trentino Doc Vino Santo e il cioccolato d’autore”; è gradita la prenotazione.
L’iniziativa si propone dunque di celebrare un prodotto di grande eccellenza, qual è appunto il Vino Santo, e più in generale i vini dolci, che hanno origini antichissime. Basti sapere che questi ultimi, mescolati con il miele, si trovano menzionati già nei poemi omerici. Fra Cinque e Seicento, invece, fanno capolino le prime testimonianze di vini dolci prodotti in Trentino, nella zona di Santa Massenza, progenitori del “moderno” Vino Santo. 

Info: www.palazzoroccabruna.it

 

 

Francesco Bonazzi 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl