Eventi Domenica 20 Aprile 2008

Eventi Domenica 20 Aprile 2008 Eventi Domenica 20 Aprile 2008 Arte & Cultura Galleria Il Gabbiano «Bruno Samperi» (dal 16/04/2008 al 22/04/2008) La Sicilia che accoglie fra mito e realtà (dal 12/04/2008 al 24/04/2008) Fortuna Arte «Varchi» (dal 05/04/2008 al 20/04/2008) Barcellona P. G. «Una storia di immagini» (dal 18/04/2008 al 30/04/2008) Teatro e Cabaret Teatro Annibale Maria di Francia «Certi ricordi di Sikelû (dal 19/04/2008 al 20/04/2008) Barcellona P. G. «Anastasia» (il 20/04/2008) Teatro Vittorio Emanuele - Il Re Muore (dal 16/04/2008 al 20/04/2008) Teatro Pirandello «'A Repubblica di patati» (il 20/04/2008) Balletto Guernica «Milonga» (il 20/04/2008) Musica Circolo Cinque Quarti «Sky in land - Follow the side» (il 20/04/2008) Sicilia Jazz Winter 08 (il 20/04/2008) Barcellona P. G. «Lo stato delle cose» (il 20/04/2008) Filarmonica Laudamo - Nel segno della donna (il 20/04/2008) «I mandolini dei Nebrodi» (il 20/04/2008) Tradizione & Folcore MILAZZO - Festeggiamenti per San Giuseppe (dal 18/04/2008 al 20/04/2008) Castelmola - Festa di San Giorgio (dal 19/04/2008 al 23/04/2008) Varie Ottava edizione della Festa della Primavera (il 20/04/2008) Parco dei Miti - Weekend dedicato allâ__archeologia (dal 19/04/2008 al 20/04/2008) Castelmola «La Primavera del Borgo» (dal 19/04/2008 al 01/05/2008) Raccolta delle firme di "Messina in movimento" (dal 19/04/2008 al 20/04/2008) Solidarietà Graniti - Giornata raccolta di sangue (il 20/04/2008) Spadafora - Raccolta di sangue (il 20/04/2008) Capo d'Orlando - Prelievi per la tipizzazione del midollo osseo (il 20/04/2008) 'U LUNTRITTU Oh luntritteddu di li piscispadu ora si attoggiu, senzanuddu gradu!

19/apr/2008 20.30.00 Revestito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

Eventi Domenica 20 Aprile 2008

Arte & Cultura

Teatro e Cabaret

Balletto

Musica

Tradizione & Folcore

Varie

Solidarietà

 'U LUNTRITTU

Oh luntritteddu di li piscispadu
ora si attoggiu, senzanuddu gradu!

Hai rasti cu' pianti e cu' ciuri,
stipati a basciu tutti pari pari.

'A rrota 'i prua esti tutta aperta,
e trasi e nesci scantata na lucetta.

Iò cu la menti ricurru a lu passatu,
penzu a Nicola, 'u figghiu du "Zitu",

quannu a sò buci e mmanu 'a traffinera,
'ntunava chiara pi' tutta la rivera.

Non c'erunu machini, ne mutucicretti
ma Sampiroti supra di carretti.

'U piscispadu, poviri nnumaleddu
era cintratu ntà nuci du coddu.

Poi Masi sveltu, comu on firringhiddu,
ci dava caloma nziemi o' figghiu 'i Teddu.

A muntantara t'allaggava fora
e u nnimaledddu si dibbatìa ancora.

Poi 'ntà marina tagghiavunu i piditti
era la festa di vui niri luntritti.

E tu luntrittu, sveltu, ubbidienti
ti biavi cu st'omini i tridenti.

Ora si mutu, poviru lontrittu,
comu on vecchiareddu affrittu, affrittu.

Chi machinari e chi cosi chi nvitaru
canciau Ganzirri, canciau puru 'u Faru.

Tu vaddi 'u mari 'nte ionna di calura
e i sapi 'u celu, i tò goccia di sudura.

Penzi o siari e a du: "Voga nterra, voga fora"
quannu cu pisci ntavulavi guerra.

Sguazzannu basci du' ocamarini,
parìa nu quadru di liri stillini.

Tu senti l'ecu di ddi forti genti
ma s'arruggiaru puru l'armamenti.

I tò pidagni non zu chi scaddilini
e ni cianci 'u cori, pinzannu la tò fini!

[Costa Maria]

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl