FEIST: in tour in Italia - mercoled=C3=AC 28 maggio 2008 in concerto al Piper - Roma

26/mag/2008 14.20.00 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

 

+ special guest Lawrence Arabia

 

MERCOLEDI’ 28 MAGGIO 2008

ROMA – PIPER CLUB

Via Tagliamento , 9

www.indipendente.com

 

 

 Prezzo del biglietto in prevendita: € 17,50 + diritti di prevendita

Prezzo del biglietto alla cassa del concerto: € 20,00

 

Apertura Porte ore 19.00

 

 

 

BIGLIETTI PER MILANO GIA’ IN VENDITA SUL SUL CIRCUITO WWW.TICKETONE.IT E DA GIOVEDI’ 31 SUGLI ALTRI CIRCUITI

BIGLIETTI PER ROMA IN VENDITA DA MARTEDI’ 29 GENNAIO SUL CIRCUITO WWW.TICKETONE.IT E DA MARTEDI’ 5 FEBBRAIO SUGLI ALTRI CIRCUITI

 

 

informazioni su come acquistare i biglietti: 

 

·  Vivaticket  899 666805, www.vivaticket.it

·  Box Office Toscana  055 210804 www.boxofficetoscana.it

·  Bookingshow  899 030822, www.bookingshow.com

·  Greenticket 899 500055, www.greenticket.it

·  Ticketone 892.101, www.ticketone.it

  • In tutte le prevendite abituali

 

 

 

 

Sull’onda di ben 4 nomination ai Grammy Awards (Best New Artist, Best Pop Vocal, Best Female Pop Vocal, Best Short Form Music Video), una nomination ai Brit Awards (International Female Solo Artist) e oltre un milione di copie vendute dell’album The Reminder, Feist annuncia il tour italiano.

 

Ecco le informazioni fondamentali da sapere per innamorarsi perdutamente dell’album The Reminder: lei è molto più che la cantante che si regge su una ballata mentre un occhio di bue la illumina. In una vita passata, era una chiassosa reginetta della scena punk di Calgary. Ha fatto svenire i più rissosi ragazzacci con i suoi riff di chitarra quando faceva parte della rock band di Toronto, By Divine Right e ammutolito tutti come leader della leggenda indie rock canadese, Broken Social Scene. E’ testarda e meticolosa sulle cose tecniche, tipo il livello di equalizzazione dello stereo e sul tono giusto per la sua chitarra. E’ stata piazzata nel ruolo della più improbabile icona della moda, ma fondamentalmente è un maschiaccio che non si trucca. Capace d’intonare un saltellante foxtrot come Mushaboom che i tuoi nonni non avrebbero mai suonato sul loro Victrola a manovella, Feist ha anche dato vita a surreali marionette con i suoi electro-trash BFF Peaches a Berlino e oltre. Gli originali, acclamati, di culto, e grezzi demo (the Red Demos) di Let It Die e the Reminder includevano il suono di auto rumorose per le strade delle città. Sul palco lei può essere la cantante solista che cattura l’attenzione del pubblico con la sua chitarra o avere il ruolo di guida in una band di tre fratelli.

Tutto questo potete ascoltarlo in The Reminder, e in un certo senso è più Feist di qualsiasi altra cosa abbia fatto prima. Questo non vuol dire che Let It Die fosse una menzogna; semmai il contrario. Era il suono nato dalla collaborazione e dall’esplorazione con il suo migliore amico (Chilly Gonzales, tornato a dare una mano per The Reminder), il cui bozzolo deposto in un terreno strano ha permesso lo schiudersi di una straordinaria sperimentazione musicale venuta alla luce spogliando via ogni singolo strato.

Nessuno, ancora meno Feist, poteva anticipare l’enorme risposta del pubblico mondiale a Let It Die. Sono arrivati un mucchio di premi e riconoscimenti. Il suo nome nella lista dei Migliori Dell’Anno. All’improvviso, una ragazza che era quasi un segreto sconosciuto ai più fuori dai confini canadesi, aveva singoli piazzati nelle Top 10 delle radio e la sua musica risuonava da centri commerciali e supermercati. La sua reazione? Continuare a suonare dal vivo. Trentatrè mesi e tre continenti. The Reminder è nato proprio durante questo lungo e avvincente viaggio on the road.

Alla fine di quel lungo giro del mondo, Feist approdava a La Frette, una vecchia casa-maniero di 200 anni nei sobborghi di Parigi. La nostra ragazza recintava la sua live band – Julian Brown, Bryden Baird e Jesse Baird – e invitava Gonzales, Mocky e Jamie Lidell per aiutare a rifinire il sound. Riempiva la sala di pranzo e il salotto con un piano, vibrafoni, organi, chitarre, amplificatori …. ficcava due batterie contro le vetrate e spargeva microfoni come trappole per topi sul pavimento di legno delle stanze. Potrete persino ascoltare i cani che abbaiano tra le tracce del disco registrate in presa diretta, rumori di chi addenta una mela o passi nel giardino. Come bambini in un campeggio a base di rock ’n’ roll, Feist e i suoi talentuosi compagni d’avventura spesso rimanevano nei loro pigiama mentre lavoravano a The Reminder. Innamorata dalla nuova dimensione di stabilità dopo due anni e mezzo di girovagare, lei si svegliava ogni mattina e faceva angeli di neve con le piume della grande coperta sul suo enorme letto. Fallito ogni tentativo di registrare il cinguettio degli uccellini appollaiati sul patio di vecchie pietre, contrastato ogni volta dal rumore inaspettato del traffico (auto e aeroplani) nell’area isolata (più avanti, l’unico tentativo fuori da uno studio nel quartiere di Danforth a Toronto di catturare i cinguettii canadesi, si è rivelata un successo al primo colpo per la ballata folk The Park).

E le canzoni sono arrivate una dietro l’altra, più di quanto s’aspettassero di fare nella breve finestra di due settimane. Un album.

Brandy Alexander con la sua melodia vorticosa che rimbalza sull’incedere del battito della batteria. La tintinnante 1234, un omaggio al sogno adolescenziale. Con l’abituale collaboratore Gonzales, è nata The Limit To Your Love, una minacciosa fiamma lenta nella quale Feist diventa Nico sulle note soul del piano e le percussioni di Mo Tucker. Sea Lion Woman, il canto tradizionale già con successo interpretato da Nina Simone, viene lanciata nella stratosfera con sintetizzatori che suonano come cellulari, battiti di mani e un mini coro gospel. La sfavillante e lamentosa The Water immerge la splendida voce di Feist tra strati di vibrafono e piano, permettendo al testo allegorico di stoiche montagne, un goffo e periglioso mare e una piccola pila di ossa d’emergere lentamente dalle profondità. Intuition si srotola con un fragile pizzico sulle corde della chitarra, Feist gioca a rimpiattino con il distante coro di una folla.

Non è facile non farsi catturare dalla straordinaria profondità e l’ampio respiro del materiale contenuto in The Reminder. Si può ascoltare il suono di ogni sfaccettatura di Feist– la ragazzina punk da Calgary, la ragazza da poster dell’indie rock, la parigina che prendeva a calci i ciottoli. Ogni cosa persa e ritrovata e tutto senza il minimo compromesso.

E’ Feist che semplicemente risponde alle sue stesse domande con altre domande, e ci dà dentro – come canta dolcemente alla fine di The Reminder – “come il suo cuore comanda”.

 

 

 

 

Sono dischi come The Reminder che ti fanno venire voglia di non rivolgere più parola a chi dice che nel panorama musicale non succede mai niente, pur sapendo che in giro c’è Leslie Feist. …Magica. Unica.

[XL ¶¶¶¶¶ Gianni Santoro] maggio ’07

 

FEIST Somiglia a una cantautrice d’altri tempi e...ha scelto Parigi come patria. Per realizzare un album semplice, ma quasi perfetto. The Reminder conferma tutte le capacità vocali di Feist e la sua chiarezza e linearità nel saper comporre canzoni (esemplare è il singolo My Moon My Man). Facendoci così ricordare che la semplicità nel pop d’autore è un pregio più che un difetto.

[ROLLING STONE  ¶¶¶¶ T.Toma] maggio ’07

 

ECCO FEIST, LA PROSSIMA DIVA - E’ Già IN CORSA PER 4 GRAMMY. Potrebbe essere lei la trionfatrice della 50esima edizione dei Grammy Awards...in lizza nelle categorie artista emergente, album pop, voce femminile e video. Unica, temibile concorrente con sei nomination è Amy Winehouse.   ...l’immagine da eroina della nouvelle vague di Feist ha conquistato anche i  palati più esigenti. I fan, stressati da troppi anni di musica sintetica e dagli idoli della corporate music, hanno eletta principessa dell’indie pop…                                                                                                                                                              [REPUBBLICA  G.Videtti] 11 gennaio ’08

 

DUE CANADESI: la nostra Feist e l’istrionico Gonzales, e un francese,il ricercato produttore Rrenaud Létang (quelli di ‘Clandestino’ di Manu Chao) danno vita a un album che si farà ricordare…non si crederebbe registrato in sole due settimane, perché ogni canzone che lo compone ha il respiro profondo e rilassato delle cose create con tempo e cura. Ogni pezzo ha una struttura complessa e mai scontata, costruita con originalità e abbellita con dettagli raffinati.                                                              [ROCK STAR ¶¶¶¶] giugno ‘07

 

SONO FEIST E FACCIO POP. LA CANZONE D’AUTORE AL FEMMINILE HA UNA NUOVA STELLA. CANADESE. “A volte intimo, altre esuberante, ricco di canzoni d’amore e tracce di mistero” così anche il Times si è accorto di Feist, tanto da dedicare un’intera pagina al suo nuovo album.  Ha 31 anni, un apprendistato nel panorama del pop-rock indipendente e un futuro radioso davanti a sé. Tanto talento e nessun capriccio da star ...carattere eclettico e autoironico. Il resto lo fanno le canzoni. Potere della semplicità: lei si diverte, noi fischiettiamo.

[SPECCHIO] giugno ‘07

 

 

 

 

…Dà vita a ballate dalle sfumature jazz di rara intensità (The Water), sfoggia una sensibilità folk di primo piano  (The Park, Intuition) ma in fondo la sua anima è nera  (My Moon My Man, 1234);  trasforma il country in pop (Past In Present) e crea melodie spumeggianti (Brandy Alexander)

[MUCCHIO SELVAGGIO  A.Pasini] maggio ’07

 

 

Un album davvero sorprendente: ricco, melodico e piacevole capace di alternare lovesongs, frizzanti numeri pop rock e canzoni che lasciano il segno. E’ nata una stella.                  [LIFEGATE magazine]

 

Talento cristallino…pura energia da cantautrice rock, dalle parti di PJ o Patti. Ma senza dimenticare il suo penchant  per il soul.                                                                                                         [RUMORE  E.Sacchi] maggio’07

 

FEIST VESTE CHIC ED ESCE DALLA CANTINA appassionata delle atmosfere parigine, con una voce da sirena e melodie tra la disco e l’elettronica. Si ascolta a New York ...la sua musica non smette di essere semplicemente incantevole                                                                                                                              [VANITY FAIR J.V.] maggio ‘07

 

 

 

Sito ufficiale:

www.listentofeist.com

www.myspace.com/feist

 

 

 

Il nuovo album “The Reminder”  disponibile in tutti i negozi



Daniele Mignardi promopressagency
Via G.Nicotera, 29  00195  Roma (Italy)
tel +39 6 32651758 r.a.
fax +39 6 32651758
mobile +39 340 1823381
info@danielemignardi.it
on web: www.danielemignardi.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl