SAN CATALDO (CALTANISSETTA). UN ANNO DI GIUNTA DI FORTI, IL BILANCIO DI BONFANTI

UN ANNO DI GIUNTA DI FORTI, IL BILANCIO DI BONFANTI C o m u n i c a t o S t a m p a 2 7 g i u g n o 2 0 0 8: SAN CATALDO.

29/giu/2008 12.49.00 Stampa&Comunicati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
C o m u n i c a t o   S t a m p a    2 7  g i u g n o   2 0 0 8 :

SAN CATALDO. UN ANNO DI GIUNTA DI FORTI, IL BILANCIO DI BONFANTI:
"LE PROMESSE DEL SINDACO? CROLLATE COME IL CINEMA MARCONI"

Promesse non mantenute, aumento delle tasse,  una politica vecchio stile con logiche clientelari ed un'inadeguatezza culturale e politica di fondo sono alla base del pessimo risultato del primo anno di governo del Sindaco Giuseppe Di Forti e della sua Giunta

 

"Le promesse del Sindaco Di Forti? Crollate come i pilastri dell'ex cinema Marconi". Con questa battuta Ennio Bonfanti, ambientalista locale ed esponente del mondo del volontariato, sintetizza il bilancio - pubblicato sul nuovo sito http://www.enniobonfanti.it/ - del primo anno di governo del Sindaco di San Cataldo Giuseppe Di Forti, insediatosi proprio nel giugno 2007. "Un bilancio oltremodo deludente, fatto di promesse non mantenute, di aumenti delle tasse, di una politica vecchio stile con logiche clientelari e un'inadeguatezza culturale e politica di fondo, che smentiscono e contraddicono quel cambiamento e quel rinnovamento nella gestione della città che tanto fu sbandierato in campagna elettorale, un anno fa, dall'on. Pagano e da Forza Italia per convincere i sancataldesi a votare un illustre sconosciuto alla carica di Sindaco" commenta Bonfanti.

"Si disse che Di Forti era un "tecnico" espressione della società civile, mentre si è rivelato perfetto esecutore di comandi partitocratrici e di lottizzazione, sfruttando appieno le troppe occasioni che la politica offre per assegnare posti, incarichi e "sottogoverno" ai più diligenti appartenenti al "partito-famiglia". Si disse - prosegue Bonfanti - che Di Forti era un manager prestato alla politica, invece si è rivelato un formidabile e generoso "spargitore" di fondi pubblici per qualche spesa inutile (31mila euro per il "Nucleo di Valutazione", istituito appositamente con a capo "casualmente" l'ex sindaco Torregrossa; 19mila euro ad un giornalista nominato come addetto stampa - incarico rifiutato solo dopo che il comitato Riprendiamoci la Città ne denunciò l'esistenza -; 2700 euro per un contestatissimo convegno "in difesa di Benedetto XVI" ecc.). Insomma, soldi pubblici usati spesso per "rimborsare" lealtà politiche o per spartire regalie fra gli "amici".

"Per gli anziani Di Forti prometteva (nero su bianco sul suo programma elettorale) servizi di telesoccorso, potenziamento dell'assistenza domiciliare, maggiori fondi per la Casa di Ospitalità Pagano (i cui dipendenti - senza stipendio da oltre un anno! - subiscono una ormai intollerabile latitanza e menefreghismo del Comune), il servizio pasti a domicilio... Nulla di tutto ciò - avverte Bonfanti - è stato fatto: promesse da marinaio! Altri servizi sociali promessi e caduti nel dimenticatoio: attività motorie per le persone non autosufficienti, supporto alle famiglie, attività extrascolastiche per i bambini, riunione trimestrale della commissione sul disagio giovanile (mai fatta!), servizi di inserimento al lavoro (evitando le raccomandazioni...) ecc.".

Ennio Bonfanti rileva come anche nel settore della sanità pubblica il Sindaco Di Forti abbia sonoramente sconfessato gli impegni presi: "Scomparso nel nulla l'annunciato incentivo per dismettere i serbatoi in amianto, così come non è stato nemmeno ideato nessun progetto di controllo del randagismo, rendendo sempre più grave la già totale violazione della legge regionale in materia che San Cataldo non applica sin dalla prima giunta Torregrossa". "Di Forti aveva promesso una rete di servizi per la prima infanzia, ma l'ha cancellata dalle priorità della sua amministrazione - denuncia ancora Bonfanti -; nel programma prometteva di "potenziare" l'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune (obbligatorio da anni!): ebbene, l'ufficio non è ancora mai entrato in funzione, altro che potenziare... E che dire degli "spazi della cultura" che dovevano nascere in ogni quartiere (ci saremmo accontentati anche di uno solo in un anno di amministrazione!) o del potenziamento dei comitati di quartiere (realtà che sopravvive solo grazie al volontariato di cittadini sensibili)? Promesse dissoltesi come bolle di sapone. Come Berlusconi, inoltre, anche Di Forti in campagna elettorale promise "meno tasse per tutti": peccato che recentemente il Sindaco se ne sia dimenticato, prevedendo l'aumento dell'ICI sulla seconda casa, dell'addizionale IRPEF e della TARSU (maggiorata fino al 430%!)".

Quello ambientale e del territorio, poi, è il settore dove Bonfanti rileva i maggiori impegni "traditi" dalla Giunta comunale: "Questa amministrazione aveva chiesto il voto ai cittadini per attuare una serie di interventi concreti (ripiantumazione del verde mancante; "coloriamo di verde la città"; energie alternative; villette di quartiere; sistemazione degli ingressi cittadini, pavimentazione strade extraurbane ecc.) che dal giorno dopo l'elezione avrebbero dovuto ottenere l'attenzione quotidiana del Sindaco e dei suoi assessori. Invece il degrado urbano ed ambientale di San Cataldo dimostra che anche in questo caso si è trattato di pura propaganda e di tradimento degli elettori".

"Ma è sul problema rifiuti - rimarca Bonfanti - che i Sancataldesi hanno potuto misurare con mano (oltre che tramite l'olfatto) il totale fallimento di ogni politica di buonsenso, di risparmio economico e di correttezza della pubblica amministrazione: tutti ricordano che per mesi Di Forti ha trascinato la città nell'emergenza sanitaria con le strade trasformate in discariche e facendo raddoppiare i costi per smaltire successivamente le montagne di immondizia. Tutto questo solo per irresponsabili capricci politici del Sindaco e del suo onorevole di riferimento, maldestramente coperti con originalissime e personalissime teorie giuridiche (che nessuno degli altri 14 Sindaci - anche di centrodestra - dell'ambito territoriale nisseno ha mai minimamente condiviso e che, allo stato, nemmeno il TAR pare apprezzare), tesi ad attaccare l'ATO rifiuti (terribilmente inefficiente già di per sé) pur essendo il sistema degli ATO una creatura ideata ed istituita da quello stesso centrodestra cui fanno riferimento il Sindaco e i due deputati cittadini. Dopo mesi da quella crisi voluta dal primo cittadino, con l'attuale gestione dei rifiuti passata direttamente dall'ATO nelle mani di Di Forti al costo giornaliero di 5mila euro, San Cataldo resta sporca - denuncia ancora Ennio Bonfanti - e la legge che impone di riciclare almeno il 40% dei rifiuti è totalmente violata. La stessa legge che prevede - ma questo il sindaco fa finta di non saperlo - che per tale mancato raggiungimento delle quote di riciclaggio per i prossimi anni sarà applicata l'addizionale del 20% al tributo di conferimento dei rifiuti in discarica a carico dei comuni inadempienti".

"La nostra città - conclude Bonfanti - merita amministratori più capaci e più corretti: i limiti del Sindaco sono anche i limiti della sua squadra di assessori, il cui profilo politico ed amministrativo non è all'altezza delle moderne esigenze di una città complessa come San Cataldo e della sua comunità. Diversi assessori sono in giunta da molti anni, ricoprendo tale incarico già con l'ex sindaco Torregrossa: questo da una parte dimostra che il rinnovamento nella politica sancataldese è ancora una pia illusione, prevalendo sempre gli interessi personali e le carriere politiche private a danno della collettività. Dall'altra, è un elemento che appesantisce ancor di più le responsabilità di chi in tutti questi anni non ha voluto o saputo amministrare bene la città. D'altronde, con la cacciata dell'assessore Adriano Nicosia - che sulle tematiche ambientali sicuramente stava lavorando in una direzione molto apprezzabile - Di Forti ha dimostrato che, quando c'è da scegliere tra interessi di bassa politica interni al centrodestra ed il lavoro di un assessore evidentemente troppo "attivo", a prevalere sono le solite logiche del "qui comando io"... Nell'interesse di San Cataldo, mi auguro che Di Forti ammetta tali gravi errori e patenti incapacità, traendone le conseguenti decisioni".

_____________________________________

Info: www.enniobonfanti.it




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl