Shel Shapiro a Pievi & Castelli in MUsica: Sarà una bella società - 20 luglio, ore 21.30

16/lug/2008 09.49.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
*20 Luglio*, ore 21,15

Poppi - Piazza Jacopo Bordoni

*Shel Shapiro *in *Sarà una Bella Società*
*Testo di Edmondo Berselli
Selezione musicale a cura di Shel Shapiro*

Regia di *Ruggero Cara*; Assistente alla regia* Elisabeth Boeke*; Scene e
costumi *Rosanna Monti*
Disegno luci *Giulio Camporesi *e* Angelo Generali*; Progetto audio *Claudio
Morselli *e* Andrea Balducci*
Voce narrante, voce e chitarra* Shel Shapiro*; Musiche eseguite dalla* Shel
Shapiro's band*
Alessandro Giulini tastiere, fisarmonica, voce; Daniele Ivaldi chitarre
*Luigi Mitola* chitarre, dobro, mandolino; *Mario Belluscio* basso; *Ramon
Rossi* batteria e percussioni
*Produzione: Promomusic*

Continua il tour casentinese offerto da *Pievi & Castelli in Musica*, che
dopo aver fatto tappa a Stia e a Capolona, trascina la sua carovana di
artisti fino* a Poppi*. E la stessa terra che fu rifugio per il Dante
esiliato, stavolta ospiterà un prototipo virgiliano piuttosto moderno, che
ci accompagnerà nell'inferno paradisiaco degli anni '60: *Shell Shapiro*.
Mentre a far la parte del Sommo Poeta, sarà *Edmondo Berselli*, penna assai
tagliente e fine, che ha scritto i testi dello spettacolo: *in piazza Jacopo
Bordoni*, infatti, nel pieno centro del paese casentinese, *domenica 20
luglio* (ore 21.15),* l'icona beat italiana porterà in scena Sarà una Bella
Società*, raccontandoci i sogni, le speranze, la storia di un decennio
cruciale per lo scorso secolo. O sarebbe meglio dire, un decennio
"seminale", dove tutto ebbe inizio.

La voce, la chitarra, l'immagine anche fisica di Shel Shapiro, accompagnati
dal suo gruppo (*la Shel Shapiro**'s Band*) rappresentano un esercizio
mentale irresistibile, che serve a recuperare il clima di un'epoca, lo
spirito del tempo, l'intera psicologia di chi ha attraversato i decenni dai
primi anni Sessanta in poi. Ripercorrendo tutto ciò che accadde, o almeno le
fasi salienti: la rivoluzione musicale, dai grandi raduni (*Monterey,
Woodstock, Newport*), alle nuove star (*Bob Dylan, Beach Boys, i Beatles*);
il grande benessere di massa (con *il boom economico*), che investì come una
ventata di freschezza tutto il mondo occidentale; i cambiamenti negli stili
di vita, nei comportamenti (gli* hippie*); le rotture con il vecchio e il
nuovo che avanza; i cambiamenti. Questo è *Sarà una Bella Società*, uno
spettacolo che trova il miglior punto di equilibrio possibile fra musica e
prosa e che in più, è impreziosito da una regia,* *di *Ruggero Cara*, che
punta su una scenografia scarna, ma su dei giochi di luce veramente
suggestivi.



"Molto di quegli anni merita di sopravvivere, perché quella *era più o meno
l'ultima chiamata per cambiare il mondo*" così Michele Serra, su L'Espresso
a proposito dello spettacolo. Ed è proprio per questo, che *a quarant'anni
da quel momento*, è ancora giusto parlarne e studiare un fenomeno, anche
attraverso una dimensione più spettacolare. E sarà ancora più giusto godersi
*uno show più unico, che raro*, che serva sia a chi quegli anni li ha
vissuti, a chi no e a quelli che, invece, quegli anni continua a sognarli!



Biglietto: € 12,00
Per informazioni:Tel. 366 1544750 (dalle16 alle 19) - 0575 908040**
pieviecastelliinmusica@gmail.com



--
Ufficio stampa:
Gloria Peruzzi Tel. + 39 349 3588645
gloriaperuzzi@gmail.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl