Trinity College - comunicato

02/mar/2004 01.21.33 Trinity College pub Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TRINITY COLLEGE

I CONCERTI DI QUESTA SETTIMANA (01 marzo ’04 - 07 marzo ’04)

Giovedì 04 marzo 2004, h22.30: MEMOLI SENNI CHIARELLA TRIO

Venerdì 05 marzo 2004, h23.00: TENNESSEE FARMER

Domenica 07 marzo 2004, h22.30 circa: LA MAMOYNIA


Inoltre...

Ogni venerdì, al termine del concerto, DjSet con il DJ JeanLuc Stote

Ogni sabato DjSet con il DJ Joao (ci si scatena con Pearl Jam, Prodigy,
Muse, Radiohead, Placebo..)

La domenica PARTITA+CONCERTO al Trinity: al termine del posticipo di Serie A
(che si può seguire comodamente nel locale da SKY) concerti di gruppi
indipendenti e di giovani emergenti.
(consumazioni maggiorate di 1 euro)

***
Questa settimana:

- per la serata jazz del giovedì: MEMOLI SENNI CHIARELLA TRIO h. 22.30

Danilo Memoli - pianoforte
Stefano Senni - contrabbasso
Massimo Chiarella - batteria

Il pianista Danilo Memoli inizia lo studio del jazz nel 1984.
Frequenta poi seminari con Barry Harris, Lee Konitz, Gary Burton e i corsi
di Siena jazz con Franco D'andrea.
Dagli anni '90 collabora con vari musicisti, spesso anche all'estero: Bruno
Marini, Robert Bonisolo, Mauro Negri, Davide Boato, Roberto Rossi, Maurizio
Caldura, Carlo Atti, Piero Odorici, Marco Tamburini, Flavio Boltro, Gianni
Cazzola, Nicoletta Manzini, Tony Scott, Steve Sleagle, Bob Sands, Tom
Kirkpatrick, Steve Grossman, Eddie Henderson, Jim Snidero, John Mosca, Kurt
Weiss, Philip Harper.
Oltre a suonare come pianista free-lance, lavora stabilmente con Atti,
Kirkpatrick, Weiss, Mosca, Sands e dal 1998 nel quartetto di Grossman.
Quest’ultimo, insieme al trombettista John Mosca, è ospite nel cd “JAZZ”,
inciso dal trio che Danilo Memoli ha formato a metà degli anni ’90 con
Stefano Senni e Massimo Chiarella.
Registrato in presa diretta all'interno del Chet Baker Club di Bologna - di
giorno, e senza pubblico - "JAZZ" presenta alcuni brani in trio, altri in
quartetto con il solo Grossman e la maggior parte con il quintetto al
completo.
Le composizioni originali sono di Memoli e Grossman; del sassofonista
ritroviamo ad esempio "Love For Sal", dedicato allo scomparso Sal Nistico, e
"New York Bossa", già incisa con McCoy Tyner.
Fra i brani di Memoli: "Bud!", un blues dal ritmo latin, il title-track
"Jazz" e "Light Walk", composta durante un soggiorno a New York.



- per la serata rock-blues del venerdì: TENNESSEE FARMER h. 23.00
Morgan Carminati - voce
Jennifer Longo, batteria
Alex Suardi - chitarra
Nicola Mazzucconi - basso

Morgan Carminati e Jennifer Longo, inseparabili amanti nella vita come nella
musica, battono le strade del blues fin da giovanissimi, forse perché la
musica è iscritta nel loro Dna, avendo entrambi genitori musicisti.
Così, con naturalezza, Jennifer sui tamburi e Morgan con l’armonica decidono
di fare musica attivamente e nella ricerca di collaboratori che
condividessero sinceramente la passione per la musica “nera” entrano in
contatto con Alex Suardi, storico chitarrista blues rock.
Per quanto riguarda il basso, dopo un breve periodo con il pirotecnico
Gianmario Longaretti, i Tennessee assumono Luigi Cortinovis, il quale viene
da ben diverse situazioni, ha suonato folk e musica demenziale, ma ben
presto viene contagiato dall’entusiasmo del resto del gruppo e riesce a
capire come “tutti abbiamo un angolo di blues nel cuore”.
Grazie ad un ottimo rapporto artistico e umano il gruppo comincia ad
inanellare una buona serie di concerti, in ambiti più o meno prestigiosi:
dal piccolo e fumoso pub al grosso concerto come spalla alla guitar star
Popa Chubby.
E’ proprio durante uno di queste esibizioni che si unisce al gruppo Luciano
Silvetti, sassofonista dalla tecnica informale che fornisce nuovi suoni ed
un maggiore impatto spettacolare al live act dei Tenneesee.
Dopo questo periodo di intensa attività i Tennessee attraversano una fase di
riflessione durante la quale Gigi Cortinovis abbandona il gruppo seguito,
poco dopo, da Luciano Silvetti.
Con l’arrivo del nuovo bassista, Nicola Mazzucconi, il gruppo riprende
vigore.
Grazie alla sua inflenza il suono della band riprende quella compattezza che
da molto mancava; si punta verso un rock blues solido dove la voce di
Morgan, finalmente adulta, riveste il ruolo che gli compete.
Il risultato di questo lavoro è tangibile nel cd realizzato agli inizi del
2003 con il fondamentale apporto del chitarrista Simone Trevisan, in veste
di fonico, che ben riesce a catturare l’anima del gruppo.


- per la serata gruppi indipendenti/emergenti della domenica:
LA MAMOYNIA h. 22.30


TRINITY COLLEGE via Martorello 10 (zona industriale), Castenedolo (BS)

INDICAZIONI STRADALI: uscita BRESCIA EST dell’autostrada A4 milano-venezia.
Usciti dall’A4 girare a sx per Mantova-Castenedolo. Dopo ca. 2km girare a dx
per Castenedolo-Brescia.
Attraversare l'abitato di Castenedolo (è su una collinetta, attraversarlo
tutto in direzione brescia e ridiscendere...); superare una rotonda in
località ALPINO proseguendo DIRITTO per Brescia.
Dopo poche centinaia di mt girare a sx. Lo svincolo è a pochi metri
dall'hotel Majestic, subito prima del negozio LeonMarket.
Appena girato ci si trova difronte ad un piccolo bar: il Trinity (ex locale
chiamato 030) è nello stesso stabile ma dietro, per cui tenere lo stabile
sulla propria dx e proseguire 100mt.
Dopo il negozio Bettonimoto si vedono le insegne TrinityCollege.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl