INTRO IBERNAUTA PROJECT: UN SUCCESSO!

L'applauditissima serata del 24 agosto 2008 non è stata solo una serata di teatro, o la semplice introduzione ad un grande progetto che mira ad abbattere barriere mentali.

27/ago/2008 18.52.15 BLINDSIGHT PROJECT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'applauditissima serata del 24 agosto 2008 non è stata solo una serata di teatro, o la semplice

introduzione ad un grande progetto che mira ad abbattere barriere mentali. La serata ha visto, tra i

presenti, l'esplosione di tante emozioni, quelle emozioni potenti che possono essere trasmesse solo da chi

le vive personalmente sulla propria pelle e da chi le recita con talento eccezionale e con un'anima

sensibile, perfettamente adatta ai testi. Già nella presentazione di "Ibernauta Project" l'attrice Elena

Fazio è riuscita a creare una sinergia senza precedenti tra lei, protagonista della serata di "Intro

Ibernauta Project" e tutti i numerosi spettatori. Parlare di cecità, sordità, femminilità, maternità,

disabilità sopraggiunta dopo un incidente subito per colpa di altri non era certo cosa facile. E'

difficile coinvolgere il pubblico in questo tipo di emozioni. Elena Fazio è riuscita in questo arduo

compito. Tutti sono rimasti colpiti e contenti, sia dalla bravura dell'attrice, sia dalla sua semplicità e

spontaneità, qualità queste ultime che sono state anche il motore che ha guidato la stesura dei testi da

parte dell'autrice. Elena Fazio ha recitato alcune delle 32 poesie presenti nel libro "Dalla Ziggurat di

Ur" di Laura Raffaeli per Blindsight Project (www.blindsight.eu) e ha letto una parte dell'introduzione

del libro. Si è scelto un percorso articolato, quasi a ritroso, certamente insolito, affinché lo

spettatore rimanesse folgorato fin dall'inizio, con una poesia che descrive un incidente di moto

magistralmente recitata dall'attrice. Il fine era di percepire il vero messaggio che viene lanciato e il

vero senso del libro non prima della fine della serata, suscitando perciò un grande lavoro interiore in

ogni coscienza. Il luogo della rappresentazione, il Carcere dell'Impresa a Santa Maria del Cedro, è stato

molto apprezzato per la sua suggestività: le sue pietre antiche illuminate da fiaccole e le poche luci,

che riportavano con l'immaginazione all'interno di un'antica ziggurat, hanno fatto da scenografia a

contenuti così sconosciuti e particolari.

Si è voluto anticipare il percorso sensoriale che sarà espresso in pieno nelle prossime rappresentazioni,

quelle che vedranno Elena Fazio in teatri di varie città italiane con lo spettacolo completo. Un esempio:

prima della poesia "L'odore del buio", Elena Fazio ha distribuito tra gli spettatori incensi al profumo di

rosa, creando così un'atmosfera non solo profumata, ma molto profonda, "sensorialmente" parlando. Una

scenografia quindi di tutto rispetto anche se nuova, come del resto lo sono ancora, purtroppo per molti,

gli argomenti trattati nel libro "Dalla Ziggurat di Ur". Tra i numerosi spettatori erano presenti anche il

Prefetto di Cosenza De Sena, lo stilista Santo Versace, il Sindaco di Santa Maria del Cedro Francesco

Fazio, il Presidente del Consorzio del Cedro Angelo Adduci. Abbiamo la speranza di poter offrire le stesse

emozioni e di far recepire lo stesso messaggio a tutti, in numerosi teatri, fino ad arrivare alla

realizzazione del film (previsto in "Ibernauta Project", vedi il sito www.myspace.com/ibernauta ). Si

ringrazia il "Peperoncino Jazz Festival" che ha accolto "Intro Ibernauta Project" tra le sue magnifiche

serate.

(Laura Raffaeli)







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl