Halloween sotto un Unico denominatore: il giallo

Halloween sotto un Unico denominatore: il giallo COMUNICATO STAMPA Halloween sotto un Unico denominatore: il giallo.

31/ott/2008 10.29.15 Wega Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

 

Halloween sotto un Unico denominatore: il giallo.

La festa americana festeggiata in Toscana con la presentazione del libro di Mario Masi. Quattro intriganti racconti tutti ambientati negli Stati Uniti

 Firenze - Venerdì 31 ottobre 2008 ore 17.00

Caffè storico Giubbe Rosse

Piazza della Repubblica

 

Ottobre 2008  -  Halloween una festa statunitense che piace festeggiare anche agli europei; un’occasione che fa riflettere e ci dimostra ancora una volta  che siamo legati da un Unico Denominatore, che accomuna gli uomini.

Ad un occhio non attento quello di Mario Masi può sembrare una semplice raccolta di racconti gialli ambientati nel variegato mondo americano in realtà la lettura può arricchirsi di interessanti note sociologiche.

 

La normale quotidianità dei personaggi creati dall’autore è quella a cui tutti noi, che viviamo in questo tempo e in questa società, ci rifacciamo. Una quotidianità che ci appartiene fatta di gesti conosciuti e rassicuranti dove  l’imprevisto non pare contemplato anche se è sempre più vicino di quanto ognuno di noi possa immaginare.

Una quotidianità fatta di sicurezze, di aspirazione ad un superficiale felicità, una ricerca che, spesso, fa nascondere  la testa sotto terra per non vedere, per non scoprire la parte “invisibile” che  è presente dentro di noi.

Masi gioca allora con le vite dei suoi personaggi e le farcisce di mistero, di incanto e, talvolta, di magia, regalandoci una lettura facile, scorrevole  e solo apparentemente semplice.

 

Quella mattina mi ero alzato prima del previsto. Non ero abituato a certe levatacce e guardandomi allo specchio la mia immagine sembrava implorarmi di tornare a letto e dormire ancora un po’.” Inizia così, nella normalità a cui tutti noi andiamo incontro, “Il mio nome è nessuno” il primo dei racconti scritti da Mario Masi.

 “Al di sopra di ogni ragionevole sospetto”, ”Nel segno del drago”,  “Negli occhi, nel cuore”,  ci parlano del destino, che da sempre, ci dice Masi, si diverte con gli uomini, sconvolge le loro vite, le confonde, fa deragliare il treno dell’’esistenza e ci costringe a guardare dentro la nostra apparentemente tranquilla realtà. Il destino quale Unico denominatore della vita di tutti gli uomini.

 

Mario Masi – note biografiche

 

 

 

Classe 1962 Mario Masi  è nato a Montecerboli in Provincia di Pisa sulle colline della Val di Cecina. Legato alla sua terra, dove vive e lavora, da sempre adora  gli Stati Uniti. Lettore accanito, predilige le atmosfere d’oltre Oceano, tanto da ambientarci i suoi racconti. Ha iniziato come cantante, è passato a scrivere canzoni per poi dedicarsi alla letteratura di genere. Le canzoni di Luca Carboni fanno da colonna sonora alla sua vita.

 

MARIO MASI, UNICO DENOMINATORE, 2008, SASSOSCRITTOSRL, FIRENZE

Pag.212 euro 12,00

Distribuzione Fastbook

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl