"Genia ti porta sicurezza"

"Genia ti porta sicurezza" A San Giuliano parte una serie di convegni riguardante la sicurezza sul lavoro "Genia ti porta sicurezza" è il nuovo progetto realizzato da Genia Spa sul tema della sicurezza nel luogo di lavoro per formare e aggiornare datori di lavoro, responsabili cantieri e amministratori di condominio su questo importante argomento.

04/nov/2008 14.48.56 Genia Spa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A San Giuliano parte una serie di convegni riguardante la sicurezza sul lavoro

 

“Genia ti porta sicurezza” è il nuovo progetto realizzato da Genia Spa sul tema della sicurezza nel luogo di lavoro per formare e aggiornare datori di lavoro, responsabili cantieri e amministratori di condominio su questo importante argomento.

 

Si tratta di un ciclo di convegni che tratterà i vari aspetti della questione: dalla situazione nazionale attuale agli obblighi di legge, dalle responsabilità dei vari soggetti coinvolti agli oneri materiali necessari e previsti per i conduttori del lavoro.

 

Il primo appuntamento è quello del 5 novembre 2008, alle 17.30 in via della Pace 41 presso la sede di Genia Spa a San Giuliano Milanese.

L’incontro tratterà due temi di grande attualità: le linee di vita per i lavoratori in quota e il rischio amianto negli edifici.

Relatori di spicco dell’evento, che interverranno sono:

Marco Toni, Sindaco del Comune di San Giuliano Milanese, e il Prof. Roberto Fazioli, Presidente di Genia Spa,

Ing. Piergiorgio Dominici, responsabile dell’Unità Operativa Igiene degli Ambienti Confinati del Contesto Urbano ASL Milano 2, e Franco Fiordilino, Responsabile Associazione UNILIV,

Avv. Eugenio Correale, direttore Centro Studi ANACI Lombardia e il Magistrato Giulio Benedetti.

 

A seguito degli episodi di infortuni sul lavoro gravi o persino tragici saliti alla ribalta della cronaca negli ultimi tempi, dovuti all’assenza di sistemi di sicurezza adeguati nei cantieri, il D.Lgs. 81/2008 “Testo Unico della Sicurezza” ha previsto nuove misure di protezione per i lavoratori che svolgono attività in quota superiore a 2 metri. Nel caso di Milano e del suo hinterland, il sistema di copertura fisso, denominato comunemente linea di vita, è il più indicato per le condizioni degli edifici della zona, e non solamente nel caso di strutture o coperture evidentemente pericolose, in quanto la maggior parte degli stabili è stata costruita decine di anni fa con tecniche ormai superate, ed è danneggiata dagli agenti atmosferici, dallo smog e dall’usura del tempo.

Saper rispondere alle responsabilità sociali e morali attraverso una scelta competente e vantaggiosa sia per l’azienda sia per i suoi lavoratori è un imperativo che il datore di lavoro non deve sottovalutare. Il convegno “Genia ti porta sicurezza” ha l’intento di informare su tutti gli aspetti di questo tema delicato, analizzando i problemi, le migliori soluzioni e le loro caratteristiche, gli obblighi di legge e le incombenze relative a carico dei singoli, i vantaggi di una oculata scelta dei sistemi di sicurezza per il cantiere.

 

L’utilizzo nel tempo passato di materiali nocivi alla salute ha portato alla formulazione di provvedimenti legislativi volti al rinvenimento e alla bonifica di questi composti pericolosi negli edifici. In particolare, la Regione Lombardia, con riferimento alle leggi nazionali (L. 257/1992, D.M. 6 settembre 1994, D. Lgs. 81/2008) e regionali (L.R. 17/2003 e delibera di Giunta 8/1526 del 22 dicembre 2005), ha sviluppato il progetto P.R.A.L. (“Piano Regionale Amianto Lombardia”), con l’obiettivo di mappare e comunicare la presenza di amianto nelle strutture condominiali della Regione, e che prevede sanzioni pecuniarie per gli inadempienti. Tuttavia, la verifica della presenza di amianto negli edifici di pertinenza e la conseguente denuncia alle autorità competenti è lasciata alla personale iniziativa dei singoli.

Il convegno “Genia ti porta sicurezza” ha l’obiettivo di informare su tutti gli aspetti della questione, analizzando le necessità, le modalità e i metodi di ricognizione, l’individuazione di adeguati referenti per i singoli luoghi contaminati, le procedure di documentazione e notifica dei dati ricavati dalle ispezioni, il rapporto con gli Enti pubblici preposti come organi di vigilanza.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl