com stampa/ The Place - programmazione concerti novembre - dicembre

Il concerto è una sorta di spettacolo-musicale articolato tra immagini e canzoni tutto orientato verso un pensiero comune: ricordare "Rino", suonare le sue canzoni, risentire tutte le emozioni, quasi come a voler salutare un amico.

05/nov/2008 16.35.58 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

THE PLACE - PROGRAMMA CONCERTI

GIOVEDÌ 6 NOVEMBRE IVAN SEGRETO QUARTET

Ha scelto un percorso non facile né molto frequentato nei territori della musica italiana, muovendosi con raffinatezza fra jazz e canzone d’autore, in elegante equilibrio fra parole e note, seguendo il proprio talento e la sua sensibilità artistica. Un percorso originale e impegnativo, quello imboccato da Ivan Segreto, lontano dalle mode e dalle facili scorciatoie per arrivare al successo commerciale, e che l’ha portato a imporsi come uno dei più interessanti talenti della scena musicale attuale.

 

MERCOLEDÌ 12 NOVEMBRE TAKE SIX

 

I Take Six hanno vinto sette Grammy, cinque Doves (premi per la musica gospel), il Soul Train Music Award; sono stati nominati il migliore gruppo vocale di jazz dal prestigioso Reader's and Critic's Poll di Downbeat's, gruppo vocale dell'anno da BRE (Black Radio Exclusive) oltre a innumerevoli altri riconoscimenti musicali e umanitari. Il sestetto ha registrato e cantato con un impressionante numero di talenti musicali del calibro di Quincy Jones, Ella Fitzgerald, Stevie Wonder, Ray Charles, Al Jarreau, Don Henley .... Sono comparsi inoltre nella colonna sonora di alcuni film quali “Do The Right Thing” di Spike Lee, “Boyz In The Hood” di John Singleton, “Dick Tracy” di Warren Beatty. Tutti i membri sono stati impegnati in diversi progetti solisti sia come produttori che come cantanti.

 

SABATO 15 NOVEMBRE CIAO RINO @

Sono passati più di 20 anni dalla scomparsa del geniale cantautore calabro-romano “Rino Gaetano” e il gruppo musicale che più di tutti ha contribuito alla riscoperta di questo istrionico personaggio è stato proprio quello dei “Ciao Rino”. Il cantautore Alessandro d’Orazi ha fondato ed ideato il progetto insieme ad altri musicisti Gianfranco Mauto, Paolo Fabbrocino, Peppe Mangiaracina, Francesco Accardo, Beppe Russo. Il concerto è una sorta di spettacolo-musicale articolato tra immagini e canzoni tutto orientato verso un pensiero comune: ricordare “Rino”, suonare le sue canzoni, risentire tutte le emozioni, quasi come a voler salutare un amico. Un incontro indimenticabile per i tantissimi fan che ancora lo amano.

 

MARTEDÌ 18 E MERCOLEDÌ 19 NOVEMBRE SERGIO CAPUTO

Cantante eclettico che si distingue per il suo stile che affonda le radici nel jazz e spazia nei ritmi latini, ed un uso insolito e innovativo del linguaggio letterario, che a sua volta attinge dal quotidiano e dalle nevrosi metropolitane. Oggi i suoi testi vengono proposti agli studenti di varie universita' italiane e straniere come esempio di poesia contemporanea italiana. Partecipa al Festival di Sanremo tre volte, e negli ultimi anni torna con decisione a sonorita' jazzistiche e latine. Nel 2008 esce il suo primo romanzo “Disperatamente (e in ritardo cane)”.

 

SABATO 22 NOVEMBRE INCOGNITO

Negli anni Novanta hanno fatto muovere a dovere i dandy di mezzo mondo con la loro musica sensuale e venata di jazz-funk. Gli Incognito, collettivo britannico capitanato dal leader Jean Paul Maunick, detto Bluey, arrivano al the Place con le loro sonorità acid jazz. Un’occasione unica per vederli nella veste che si confà loro maggiormente: quella delle emozioni dal vivo.

 

SABATO 29 NOVEMBRE I FUNK OFF

Un progetto in cui lo show e l’energia potente del gruppo si fonde con la musica, che diventa così non solo da ascoltare ma anche da vedere e da ballare (come il jazz della swing-era e come la musica funky e soul). Nei loro brani, tutti originali, scritti e arrangiati dal band-leader Dario Cecchini, ritmi e sonorità funk, dispari, latine, rock, jazz si mescolano e si fondono in strutture armoniche e formali in cui lo spazio lasciato all'improvvisazione è spesso inserito in contesti compositivi di ricerca, senza preclusioni di stile e sonorità.

 

MARTEDÌ 2 DICEMBRE DIANE SCHUUR

Conosciuta per la sua incredibile estensione vocale, la carriera di Diane Schuur comincia a 9 anni nei suoi primi concerti da professionista. Leggenda vivente del jazz, durante la sua carriera è stata nominata cinque volte ai Grammy Awards, nella categoria “migliore vocalist jazz”, vincendone due. Come vocalist ha guadagnato rispetto e suscitato ammirazione da musicisti leggendari come Dizzy Gillespie, Count Basie e B.B. King, con cui ha realizzato uno dei migliori album del genere sul finire degli anni Novanta. Il suo successo è mondiale e altrettanto strepitose alcune delle sue rivisitazioni in chiave “jazz moderno” di alcuni hit pop-rock (ad esempio “Ordinary world” dei Duran Duran). La sua cecità ha portato, a volte, la critica a definirla una sorta di “Ray Charles” al femminile. Le sue performances sono dei momenti irripetibili.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl