Caserta. Cgil Fp, riuscito lo sciopero generale del pubblico impiego a Napoli

Allegati

14/nov/2008 15.49.13 Maria Beatrice Crisci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Funzione Pubblica CGIL

Caserta

Caserta, venerdì 14 novembre 2008

Agli organi di informazione

Comunicato stampa

Caserta. Cgil Fp, riuscito lo sciopero generale del pubblico impiego a Napoli

La segreteria provinciale Fp Cgil di Caserta esprime grande soddisfazione per la piena riuscita dello sciopero del Pubblico Impiego e per la grande manifestazione svoltasi stamattina a Napoli.

Umberto Pugliese, segretario provinciale della Cgil Fp Caserta dichiara: “Importante e significativo è stato il contributo delle lavoratrici e dei lavoratori delle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Caserta. Il positivo esito della protesta conferma in maniera inequivocabile la giustezza delle posizioni della Cgil rispetto all’accordo separato che inopinatamente le altre Organizzazioni Sindacali hanno inteso sottoscrivere. La manifestazione e la partecipazione allo sciopero smentiscono nei fatti le tesi, sostenute da alcuni, circa l’isolamento della Cgil.

Il forte consenso verso le motivazioni dello sciopero, che ha superato ampiamente quello strutturale di questa organizzazione, impone alla Cgil di proseguire le mobilitazioni fino ad ottenere concreti risultati e dovrebbe convincere le organizzazioni sindacali, sottoscrittrici dell’accordo separato, a verificare unitariamente, attraverso un referendum fra le lavoratrici ed i lavoratori, la loro accettazione o meno delle intese già firmate”.

    Pugliese, poi, ricorda che “la mobilitazione ha puntato a denunciare gli aspetti negativi dell'accordo non sottoscritto dalla Cgil: un aumento salariale di 40 euro netti mensili, il taglio del salario accessorio e di quello previsto dalle leggi speciali, il licenziamento di 57mila precari. La Funzione Pubblica Cgil ribadisce la sua contrarietà al taglio di 9 miliardi di euro nel settore sanità, alla riduzione degli organici e dei posti letto; al taglio degli organici e del salario negli enti locali. Il sindacato – sottolinea ancora il sindacalista – chiede aumenti salariali più rispondenti all'inflazione reale, la cancellazione delle norme che decurtano il salario accessorio, la stabilizzazione di tutti i precari, servizi efficaci ed efficienti ai cittadini, più valore e dignità per il lavoro pubblico”.

 

           Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-web-diffusione. I giornalisti che volessero richiedere foto in formato jpeg o contattare l’ufficio stampa per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

L’Ufficio Stampa

Questo messaggio e-mail, inviato in Ccn a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che invii di posta elettronica indesiderati siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito il Suo indirizzo e-mail di persona, navigando in rete o da messaggi di posta elettronica che l’hanno reso pubblico. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: “Cancella”. Grazie.

Ai sensi e per gli effetti del D. Lgs. 196/03, le informazioni contenute in questo messaggio e-mail sono dirette esclusivamente al destinatario, e come tali sono da considerare riservate. È vietato pertanto utilizzare il contenuto dell’e-mail, prenderne visone o diffonderlo senza autorizzazione. Qualora fosse da Lei ricevuto per errore voglia cortesemente rinviarlo al mittente e successivamente distruggerlo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl