com stampa/ The Place, Incognito in concerto, sabato 22 novembre, ore 23

Attivi dal 1981, anno del debutto del loro primo album Jazz Funk, gli Incognito sono considerati i capiscuola dell'acid-jazz (genere che ha fatto la fortuna successivamente anche dei Jamiroquai, ad esempio) hanno all'attivo altri 12 album successivi.

20/nov/2008 11.14.37 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

 

INCOGNITO IN CONCERTO

 

THE PLACE

Via Alberico II, 27/29  Roma

Tel. 06/68307137 - 06/68215214 – info@theplace.it

 

DA VEDERE IN DIRETTA E GRATUITAMENTE

IN STREAMING SU WWW.THEPLACE.IT

 

 

Incognito in concerto al The Place di Roma, sabato 22 novembre, ore 23.

 

Attivi dal 1981, anno del debutto del loro primo album Jazz Funk, gli Incognito sono considerati i capiscuola dell’acid-jazz (genere che ha fatto la fortuna successivamente anche dei Jamiroquai, ad esempio) hanno all'attivo altri 12 album successivi. L'ultimo, Tales from the beach, è uscito nei primi mesi del 2008. Il Gruppo è capitanato dal "Guru" Jean-Paul Maunick detto Bluey, unico componente del gruppo ad essere rimasto sempre attivo nella band. Si sono poi alternati vari sassofonisti, bassisti, batteristi, cantanti, rimanendo sempre tutti fedeli allo stile della band.

 

Gli Incognito sono stati tra i primi ad entrare nel mondo dell'acid jazz. Esattamente nel 1981, con il loro primo lavoro: jazz funk, album quasi interamente strumentale. Il loro leader "Bluey" è inglese ma originario delle Mauritius. Servendosi poi più tardi della splendida voce di Maysa Leak, ha creato inconsapevolmente, un genere che prendeva jazz e funk e gli dava delle atmosfere "acide" e uniche. Dopo l'esordio seguì un lungo periodo di silenzio, fino al 1991, quando prepotentemente tornarono con Inside life. Ma la consacrazione vera avvenne con l'album seguente tribes vibes and scribes del 1992, dove si trova una versione rivista e reintepretata meravigliosamente di Don't you worry bout a thing, di Stevie Wonder, ma cantata da molti. Nel 1993 realizzano quello che per molti è il loro miglior album: Positivity. Negli album seguenti Maunick si è avvicinato ad un genere un po' più dance ma sempre infuso di ritmi anni settanta.

 

Negli anni Novanta hanno fatto muovere a dovere i dandy di mezzo mondo con la loro musica sensuale e venata di jazz-funk. Gli Incognito, collettivo britannico capitanato dal leader Jean Paul Maunick, detto Bluey, arrivano al the Place con le loro sonorità acid jazz.

 

Ingresso: 50 euro con consumazione

   
   
 Ufficio Stampa the Place:  
 Daniele Mignardi Promopressagency   

Roma tel. 06.32651758 - info@danielemignardi.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl