21/2: No Stress (la disco per minorenni) al Fura di Lonato e poi Garzilli -- Al Circus di Brescia GIanluca Motta -- al Mazoom di Sirmione i Pasta Boys

20/feb/2009 16.04.03 Lorenzo Tiezzi Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
21/2 @ Fura Club Lonato: dalle 21 a mezzanotte e 30: No Stress la disco per under 18. Poi party Mascarada con Miki Garzilli e Morris Riga

FURA LONATO BS
Via Lavagnone 13
Desenzano - Lonato, Bs
infoline 3407675118
art director: Christian Luzzardi
www.furaclub.it
Dalle 21, ingresso 8 - 20 euro

Fura Club di Lonato propone due notti in una. Dalle 21 a mezzanotte c'è No Stress la disco per under 18 in cui si balla e non si beve assolutamente alcol. Poi c'è il party di carnevale Mascarada con Miki Garzilli e Morris Riga. Art director come sempre il giovane Christian Luzzardi. 

COS'E' NO STRESS @ FURA LONATO BS

E' arrivata la discoteca che mette d’accordo genitori e figli, la discoteca che ti garantisce un divertimento puro ma soprattutto sano. Un'iniziativa di questo tipo prende piede quasi con naturalezza al Fura di Lonato del Garda, un locale che fin dall'inizio di questa stagione si è voluto definire "disco dei buoni sentimenti".
L’obiettivo è quello di creare uno spazio sulla linea della discoteca, ma assolutamente privo d’alcool e droga per far capire ai ragazzi che ci si può divertire anche senza farsi del male. Agli eventi tra l'altro partecipa l’associazione di Brescia “Dico No alla droga, dico Si alla vita” che fornisce materiale informativo sugli argomenti in questione.

Il prossimo appuntamento è quello di sabato 21 febbraio, c'è un CARNIVAL PARTY dove è gradita la maschera. Al mixer DJ ANDREAS DIAMOND e Special Guest MADAME SiSi from ARTCLUB.  L’ingresso è consentito solo ai minorenni provvisti di documento d’identità, gli orari sono dalle 21:00 al 00:30.  Il costo del biglietto è di 8,00 € con una consumazione (ovviamente analcolica).

L'iniziativa è partita sabato 31 gennaio 2009, in una sala completamente distaccata dal resto del locale: il nome è “No stress disco"e si concretizza in una serie di eventi periodoci organizzati dalla 24enne Dea Gandini dedicati ai ragazzi tra i 13 e i 18 anni in cui non sono serviti alcolici e sono effettuati massimi controlli. L'incasso serve solo a pagare l'affitto del locale e le spese varie, essendo un'iniziativa organizzata da genitori senza scopo di lucro, nata in collaborazione con le Provincie di Brescia e di Mantova.

Più tardi, da mezzanotte, per chi ha qualche anno in più, Un party di carnevale in puro stile veneziano. Pizzi, frizzi & lazzi, divertimento che gioca con la sensualità senza mai sfiorarla davvero. Una festa in perfetto stile Fura, elegante, divertente e scatenata al tempo stesso. Resident djs Miki Garzilli e Morris Riga. Voice: Federico Trebbi. Art director: Christian Luzzardi.

////////////////////////////////////

21/2 Il top dj bresciano Gianluca Motta torna a far ballare casa sua, il Circus Beatclub di Brescia

CIRCUS BEATCLUB
Via Dalmazia, 127 Brescia
Tel. 393 343732
www.circusbeatclub.com
20/25 euro, dalle 23

Gianluca Motta suona al Circus beatclub di Brescia sabato 21 febbraio 09. Il dj bresciano ha una lunga carriera alle spalle: inizia a frequentare il mondo della musica dance all’inizio degli anni ’90 e sviluppa tecnica e gusto nei quattro anni in cui collabora con il Mazoom, locale storico per l’evoluzione della house in Italia e col Circus, di cui diventa l'emblema musicale. Disc Jockey dalla forte personalità e dallo stile inconfondibile, i set di Gianluca Motta si segnalano per dinamismo, impatto emotivo e originalità nel sound e nell’imprevedibilità della selezione. La musica che suona e produce costituisce il punto d’incontro tra le influenze di genere che hanno segnato maggiormente il suo background: discomusic ed elettronica.Oltre alla primigenia collaborazione con il Mazoom e col Circus, Gianluca può fregiarsi di aver movimentato le notti di molti fra i club più conosciuti e di tendenza della penisola. L’attività di Producer e Remixer non poteva non entrare a far parte del bagaglio di esperienze di un talento globalmente coinvolto nella musica. Decisivo risulta l’incontro con Max Castrezzati, che al Circus è light & video designer, produttore di fama internazionale e altra metà del progetto Minimal Chic Productions.

///////////////////////////////////////////////////

sabato 21/02  @ Mazoom Le Plaisir: PASTA BOYS LIVE IN MAZOOM (Presentazione della nuova compilation della dj band bolognese che si chiama proprio Pasta Boys Live in Mazoom)

MAZOOM LE PLAISIR SIMIONE BS
via Colli Storici n. 179, San Martino Della Battaglia (Bs). A4: Sirmione. 
Telefono club e liste: 030 99 10 319, +39 328 6811111
Dalle 23, ingresso 20-30 euro

Accomunati da una grande passione per la musica house, ma soprattutto dal desiderio di utilizzare la pista ballo come luogo di sperimentazione sonora (oltre che di intrattenimento), lavorano insieme dal 1995, muovendosi con disinvoltura, tra citazioni che arrivano dalla disco più classica, sino a lambire il soul, il blues ed il latin jazz. Per loro, insomma, la ‘club culture’ deve riscoprire (e valorizzare) l’essenza veramente ‘black’ della house, avvicinarsi alle radici di questa musica, che sono quelle strettamente connesse con il suono afro americano.  Il jazz ed il soul come esperienza ‘spirituale’, insomma, caratterizza la ‘scrittura’ dei loro dj set e delle loro produzioni, che riescono ad attraversare i linguaggio più vivaci della musica elettronica contemporanea. E’ come se i Pasta Boys offrissero all’ascoltatore la possibilità, irripetibile, di compiere un ‘viaggio nel suono’, che dai suoni sentimentali e rarefatti della house delle origini (Chicago naturalmente), spazia sino a raggiungere il versante minimale della techno (Detroit, ma anche tutta la scena teutonica), la passione della melodia conciliata allo spunto elettronico e tecnologico. Tutto questa ricchezza sonora, questo esuberante desiderio di ‘azzeramento’ dei confini, sempre più labili, tra gli stili, é la ‘cifra’ che caratterizza anche i loro lavori discografici. L’album ‘Daylight in the Invisible World’ - uscito su Irma Records qualche anno fa - é il frutto di un ‘work in progress’ che ha riversato, nel loro studio di Bologna, esperienze, amori e citazioni assimilate in anni di dj style. Con la collaborazione fattiva di Osunlade (che li ha voluti sulla sua etichetta Yoruba) e della cantante Wunmi, il disco é un racconto, in presa diretta, del versante autenticamente ‘black’ della club culture. Al cd i Pasta Boys sono arrivato dopo una intensa attività produttiva e innumerevoli remix realizzati in collaborazione con i più prestigiosi nomi della scena planetaria. Basterebbe citare il rework di ‘I Love to Love’ di Jody Watley con Roy Ayers, uscito per la prestigiosa Maw Records, o i tanti lavori su Strictly Rhythm ed Nrk o il super successo ‘Soul Heaven, realizzato insieme a Bini&Martini, con il nome di The Goodfellas. Oppure, giusto per arrivare ai giorni nostri, i remix per Stylophonic, Terry Brooks e il pezzo Joga Bola per la campagna Nike, l’inserimento di due loro tracce nel mix del Fabric da parte di un maestro assoluto come Carl Craig (che già da tempi non sospetti si è innamorato di questo terzetto italiano) o il recente ep Tribute che ha ricevuto moltissimi passaggi radiofonici ed è stato portato in trionfo su Bbc1 da un guru come Pete Tong.  Se il versante discografico li vede occupatissimi – anche per i restyling alla loro label Manocalda – il lato del clubbing non è da meno: oltre alle storiche residenze al Kinki di Bologna e alle Folies De Pigalle (entrambe, da oltre 10 anni!), i Pasta Boys continuano a sedurre con la loro personalissima miscela sonora le più importanti situazioni italiane, da Miss America - Maffia al Kama Kama, dal Mazoom al Fluid, passando per Area City, Red Zone, Echoes, Nafoura, Guendalina e tante altre. E’ un periodo talmente importante per il terzetto che anche GQ ha deciso di tributargli un servizio fotografico – realizzato da Fabrizio Ferri – insieme ai più importanti produttori e dj italiani. I Pasta Boys sono entrati nel gotha ed anche dall’estero la cosa è risaputa: ormai le date internazionali, sia come trio che singolarmente, sono all’ordine del giorno e quello che era iniziato come un progetto prettamente italiano, sta sempre più assumendo i contorni di un vero enomeno mondiale.

///////////////////////////////////////////////////


www.lorenzotiezzi.it : FOTO hi res sezione DOWNLOAD
www.lorenzotiezzicomunicazione.blogspot.com : COMUNICATI

Lorenzo Tiezzi

Journalist pr photographer music designer creative producer

mobile +39 339 3433962
SKYPE lorenzotiezzi  
ADDRESS via Repubblica Argentina 114/d 25124 Brescia Italy
no fax please, it's 2009!

Non sorridere perché ti sono successe cose belle, ma sorridi perché succedano (proverbio giapponese)






blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl