LA CHIESA DI SCIENTOLOGY CONTINUA CON IL SUO IMPEGNO NEL CAMPO DELLA PREVENZIONE

25/mar/2009 20.13.45 Chiesa di Scientology di Milano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LA CHIESA DI SCIENTOLOGY CONTINUA CON IL SUO IMPEGNO NEL CAMPO DELLA PREVENZIONE
andando contro a quella "cultura della droga" nata negli anni '60

La Chiesa di Scientology è impegnata da anni in attività di prevenzione ed educazione sul soggetto delle droghe, tanto da aver investito molto in una massiccia campagna  (in diverse lingue) con 10 diversi opuscoli che espongono tutta la verità sui diversi tipi di droghe che sono già stati distribuiti gratuitamente in milioni di copie (proprio grazie al fatto che gli Scientologist hanno deciso di finanziarne la produzione). In questo momento sono molti gli educatori in tutto il mondo che li stanno usando per tenere vere lezioni di prevenzione, così come sono molti i ragazzi che educati sul soggetto non ne stanno facendo uso. Attraverso le iniziative messe in atto fino ad ora si è potuto osservare quanto sia vitale che ai giovani venga data corretta informazione, gli studi effettuati indicano che se un giovane riesce ad arrivare a 21 anni senza far uso di droga è molto probabile che non ne farà mai uso. Seguendo questi risultati, sono stati molti gli Scientologists che si sono dedicati intensamente a far conoscere le vere informazioni sul soggetto, con l'aiuto di genitori,  educatori e persone che hanno a cuore il problema, ad una moltitudine di ragazzi in età scolare.
 
Le droghe distruggono milioni di vite ogni anno, rese popolari negli anni '60 dalla musica e dai mass media, invadono oggi tutti gli ambiti della società. Il problema ha molti aspetti: dagli studenti che ballano per giorni di fila durante i rave party, imbottiti di ecstasy o di metanfetamina, al bambino dipendente da ritalin (mettilfenidato); alla madre che non riesce a finire la giornata senza aver preso le sue pillole per la depressione, al dirigente assuefatto dalla cocaina, ad altro ancora.
 
Come stimato dall'Ufficio della Nazioni Unite per il crimine e la droga, nel rapporto mondiale del 2005 sulle droghe, 200milioni di persone, ossia il 5% della popolazione mondiale, tra i 15 e i 64 anni, fa uso di droghe. Questo è un aumento di 15 milioni di consumatori rispetto l'anno precedente. Chiunque abbia operato per un certo periodo in questo campo sa che è un lavoro interminabile, fin tanto che c'è richiesta di droga ci saranno persone disposte a soddisfare quella domanda, è una mera realtà economica. Perciò è davvero vitale informare i giovani prima che decidano di farne uso.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl