Il mercato del lavoro si avvia verso una stabilizzazione

08/giu/2009 15.36.21 Ogami Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il mercato del lavoro in Italia, ben lungi da essere in ripresa, tuttavia mostra i primi segnali di stabilizzazione e sebbene le emorragie non si siano arrestate qualche segnale positivo si comincia a intravedere. Lo rileva eFinancialCareers che ha esaminato lo studio trimestrale sull’andamento delle assunzioni e dei licenziamenti condotto in più di 30 paesi da Antal International – Terzo Global Snapshot sul Mercato del Lavoro – e che ha messo in luce le prospettive di lavoro per impiegati e dirigenti in Italia, le quali risultano essere peggiori rispetto alla media mondiale. Ciononostante la percentuale di aziende con intenzione di dimezzare il personale nei prossimi tre mesi sembra essere in calo, cosa che suggerisce che il mercato del lavoro stia cominciando finalmente a stabilizzarsi.

 

Dallo studio, condotto su 4217 aziende operanti all’interno dei principali mercati come quelli dell’Europa Orientale ed Occidentale, dell’Africa, dell’India, della Cina e degli Stati Uniti, emerge che le assunzioni a livello mondiale sono scese dal 54% di inizio anno al 47%, mentre la percentuale di aziende che intendono assumere nel prossimo trimestre è in realtà in aumento, passando dal 43% al 44%.

 

In Italia il 40% delle società intervistate era alla ricerca di personale, ma solo il 37% aveva intenzione di assumere nel trimestre successivo. Il 38% stava operando dei tagli, ma solo il 36% ha dichiarato che lo avrebbe fatto nei tre mesi seguenti. “In Italia il livello delle assunzioni è sceso per la seconda volta negli ultimi sei mesi, dal 51% al 40% nell’ultimo Global Snapshot. E anche l’intenzione di assumere nel trimestre successivo è scesa dal 47% al 37%”, dichiara Vincenzo Trabacca, Managing Director di Antal in Italia.

 

In altre parti dell’Europa occidentale la situazione risulta essere piuttosto variabile. In Svizzera, ad esempio, solo il 20% delle aziende intervistate era in ricerca attiva di personale e “a livello globale la percentuale delle assunzioni delle società dei 32 paesi intervistati è scesa, ma non c’è stato un crollo vero e proprio e la percentuale di aziende che pensano di assumere impiegati o profili dirigenziali nel prossimo trimestre è effettivamente aumentata, anche se solo di un modestissimo 1%. Inoltre il numero delle società che programmano una riduzione di personale a livello di quadri e dirigenti è rimasto esattamente lo stesso”, conclude Trabacca.

 

Si può pertanto essere concordi nel registrare un segnale timido di inversione dei parametri che fino a pochi mesi fa orientavano al pessimismo assoluto.

 

 

eFinancialCareers

 

eFinancialCareers,  società della Dice Holding,Inc., è il sito leader a livello mondiale della ricerca di professioni e carriere professionali nei settori dell’investment banking, asset management e securities. Il sito fornisce agli operatori dei servizi finanziari opportunità di lavoro, notizie e analisi del mercato del lavoro, indagini sulle retribuzioni e consulenza di carriera. I recruiters e i datori di lavoro possono segnalare le posizioni di lavoro vacanti specificando gli specifici settori all’interno del mondo dei servizi finanziari e possono consultare il database dei curricula alla ricerca di professionisti altamente qualificati e specializzati. EFinancialCareers ha un network di siti associati che rappresentano le principali pubblicazioni del settore e ha siti locali e in 18 diversi mercati e in cinque lingue a coprire soprattutto Nord America, Europa, Medio Oriente e Asia. http://www.efinancialcareers.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl