[Stampa] Al via la petizione online per il diritto di sepoltura dei bambini morti in utero

Scrive ad esempio Roberta, mamma di Alberto: "Il passerotto non c'è più… Sono queste le parole che ancora oggi, a distanza di 11 anni, sento riecheggiare nella mente se penso a quel giorno in cui, nell'ambulatorio del mio medico, dopo l'ecografia lui mi disse che il mio bambino era morto.

19/giu/2009 12.41.45 ali-comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE CIAOLAPO onlus


I genitori chiedono di applicare le leggi per la sepoltura in caso di morte prenatale

 
Una petizione online e tre giorni di incontri per la sepoltura dei bambini morti in utero.

 
In Italia ogni anno una gravidanza su 5 esita con la morte naturale del bambino.

Circa 250000 famiglie all’anno subiscono questo lutto che può causare un profondo disagio psichico nei genitori.

 

MILANO. 19 Giugno 2009. Perdere un bambino durante la gravidanza non è un evento raro purtroppo ed è un vero e proprio lutto. Su 100 gravidanze, 18 si interrompono con la perdita del bambino: di queste, 15 per aborto spontaneo nel primo trimestre, 0,5 per interruzione terapeutica di gravidanza, 0,4 per morte intrauterina nel terzo trimestre, 2 nel periodo perinatale.

L’Associazione CiaoLapo Onlus (www.ciaolapo.it) si occupa della tutela della gravidanza a rischio e del supporto ai genitori, promuovendo in particolare la cultura del lutto perinatale negli operatori sanitari. Dice Claudia Ravaldi, psichiatra e psicoterapeuta, fondatrice e presidente di CiaoLapo Onlus: “I genitori, al momento della morte in utero del loro bambino sono talmente scioccati che spesso non riescono a pensare alla possibilità di dare una sepoltura a loro figlio. Possono occorrere settimane, per realizzare che la gravidanza si è interrotta e il bambino è morto, quindi è del tutto naturale che il genitore, nei primi giorni, non pensi al funerale e non abbia una chiara idea delle sue intenzioni in proposito.”

Il contatto con la dolorosa realtà avviene spesso dopo le dimissioni, quando ormai la parte burocratica è già stata compiuta. Più tardi (anche anni più tardi), superata la fase di shock, i genitori ripercorrono i momenti successivi alla diagnosi e sentono che il loro lutto è incompleto: molti di loro esprimono rammarico per non sapere dove si trovi il corpo del loro bambino, alcuni avrebbero desiderato svolgere riti funebri, molti altri scoprono amaramente e in ritardo che avrebbero potuto, per legge, dare una destinazione diversa alle spoglie del loro bambino.

”La nostra società, così timorosa della morte e delle emozioni negative, non è preparata ad affrontare la perdita di un bambino, soprattutto se avviene durante la gravidanza o è collegata a patologie materno infantili. Questo vale anche per gli operatori sanitari” scrive Claudia Ravaldi nel suo testo Piccoli Principi – perdere un bambino in gravidanza o dopo il parto – piccola guida all’auto aiuto per i genitori e per gli operatoriLa legge italiana prevede già norme nazionali relative alla sepoltura dei bambini morti in utero, ma tali norme sono spesso ignorate o erroneamente applicate in molti ospedali italiani. Nell’esperienza quotidiana della nostra Associazione, riscontriamo che i genitori non sono preparati alla morte del loro figlio prima della nascita, e dunque si trovano spesso frastornati e confusi dopo questo evento, al punto da necessitare di sostegno ed informazioni esaurienti su tutte le procedure possibili.”

Gli operatori sanitari invece spesso non informano i genitori delle possibilità di seppellire il loro bambino e di celebrare, se vogliono, cerimonie religiose o laiche. “Il rito funebre e la sepoltura assumono una valenza centrale nel processo di elaborazione del lutto: offrire una degna sepoltura implica il riconoscimento non solo della dignità di quel bambino, ma anche della dignità di quel genitore, chiamato a salutare suo figlio ancora prima di averlo conosciuto” continua la dott.ssa Ravaldi “in alcuni casi l’assenza di un luogo fisico inibisce l’elaborazione del lutto che perciò si arresta, complicandosi con lo sviluppo di patologie psichiatriche come ansia, depressione o disturbi alimentari”.

CiaoLapo Onlus, in collaborazione con le associazioni La Quercia Millenaria Onlus e Come-Te, ha elaborato un documento di sensibilizzazione per il  Ministero della Salute, con lo scopo di focalizzare l’attenzione del personale sanitario sull’importanza di informare i genitori, in modo che possano compiere una scelta libera e consapevole, anche in un momento così delicato della loro vita.

Numerose sono le testimonianze dei genitori a questo proposito. Scrive ad esempio Roberta, mamma di Alberto: “Il passerotto non c’è più… Sono queste le parole che ancora oggi, a distanza di 11 anni, sento riecheggiare nella mente se penso a quel giorno in cui, nell’ambulatorio del mio medico, dopo l’ecografia lui mi disse che il mio bambino era morto. Due giorni dopo, chiesi a mio marito di informarsi per sapere quando avrebbero seppellito Alberto. Gli risposero che non era possibile assistere alla sepoltura” Da allora ne ha perso ogni traccia.  Solo dopo 11 anni, con l’aiuto dei volontari di CiaoLapo Onlus, Roberta riesce a scoprire dove è stato seppellito Alberto, e si reca visitare il cimitero “E’ stato in quel momento, il sapere dove si trovasse, il fatto di sapere esattamente come fosse stato accudito che mi ha permesso di superare finalmente il mio lutto, e di proseguire la mia vita serenamente,con il mio piccolo Alberto finalmente in un posto tranquillo del cuore.”

Il testo della petizione e le testimonianze complete dei genitori possono essere

scaricate e sottoscritte all’indirizzo

www.firmiamo.it/sepolture


Per promuovere la petizione e diffondere la conoscenza delle proprie attività, CiaoLapo Onlus organizza per questo fine settimana tre giornate di incontri nel nord Italia.

Venerdì 19 Giugno dalle ore 16.00 sarà inaugurata l'attività di CiaoLapo Onlus a Chiavari (GE) in Corso Angelo Gianelli 38/2. La nuova sede regionale ligure, intitolata al ricordo di Sofia, è ospitata nei locali della Associazione Culturale "Bene con sè, bene insieme". Con la collaborazione del personale di Beneinsieme, saranno portate avanti le consuete attività di CiaoLapo, compresi i corsi di formazione ed i gruppi di autoaiuto.

Sabato 20 Giugno e Domenica 21 Giugno i genitori associati a CiaoLapo si incontreranno invece in Lombardia. Per sabato pomeriggio il luogo di incontro è Piazza del Duomo a Milano alle ore 14. Da lì la comitiva si sposterà in via Dante dove sarà allestito un banco informativo sul lutto perinatale e sulle attività di auto aiuto offerte da CiaoLapo. Per domenica mattina alle ore 10 invece è organizzato un incontro presso il Parco della Villa Reale a Monza con lancio di palloncini ed esposizione della coperta della memoria, una trapunta composta da 80 riquadri personalizzati, ognuno realizzato dai genitori in ricordo del proprio bambino.

 

Per tutte le informazioni visitate www.ciaolapo.it o rivolgetevi alla Dott.ssa Claudia Ravaldi psichiatra e psicoterapeuta, fondatore e presidente di CiaoLapo Onlus - info@ciaolapo.it - 3470465494 

CiaoLapo Onlus è anche su Facebook

 www.facebook.com/ciaolapo


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl