Assumere durante la crisi

10/lug/2009 12.19.55 Ogami Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il verdetto è ormai unanime su quanto la crisi durerà e su quanto profondi e duraturi saranno i suoi effetti. Gli ottimisti, ormai smentiti dai fatti, si mantengono sulla difensiva, mentre i pessimisti sono in crescita costante. Il motto del leggendario finanziere Warren Buffet – “siate voraci quando gli altri sono timorosi” – si applica non solo per quanto riguarda gli investimenti, ma anche al recruiting durante una recessione. Quando si cerca di assumere personale durante una crisi, è importante focalizzarsi sugli aspetti positivi senza però sottovalutare quelli negativi.

 

Ecco come cogliere le opportunità evitando le eventuali insidie, secondo un’analisi effettuata da eFinancialCareers, jobsite specializzato nel settore finanziario.

 

Opportunità - Più pesci nel mare dei talenti.

Ci sono stati un gran numero di licenziamenti nei servizi finanziari, sia in Europa che in America. Il più ovvio risvolto positivo è che c’è un numero maggiore di professionisti qualificati tra cui poter scegliere e maggiori occasioni di assumere i migliori talenti che non sarebbero stati disponibili prima che la crisi colpisse. È un incentivo ad agire velocemente: la finestra propizia è per il momento aperta ma il bacino da cui attingere talenti si esaurirà rapidamente una volta che sarà cominciata la ripresa. Barclays e Deutsche Bank sono i maggiori operatori che hanno cercato attivamente di avvantaggiarsi di questa situazione, ma anche banche di minori dimensioni e altre istituzioni finanziarie stanno cercando di selezionare per rafforzare i loro team.

Insidia uno - Troppi pesci di tutte le forme e dimensioni.

I datori di lavoro possono trovarsi inondati di candidature e il processo di selezione di centinaia di candidati può essere estenuante. Un processo di selezione rigoroso e disciplinato e più che mai necessario. Alcune compagnie hanno investito in software per il profile-matching, altre in test psicometrici, ma tutto ciò si addice alla scelta di candidati junior. “Per le posizioni senior e di maggiore visibilità è raccomandabile un miglior utilizzo degli intermediari che possano valutare e allo stesso tempo fare recruiting”, spiega Aidan Kennedy, partner presso la società di executive-search CTPartners. “E nulla può sostituire il ricorso alla personale rete di conoscenze”. Ciò che è essenziale è avere strutture adatte a far fronte all’enorme numero di candidati.

Insidia due - Il rischio di falsificazione dei CV.

In circostanze estreme, estremi rimedi: la crescita della disoccupazione può tentare un maggior numero di candidati deboli a infiorettare la verità, esagerare le proprie qualifiche e le proprie esperienze lavorative o direttamente falsificare il CV. Il rischio rende più imperativo che mai avere controlli stringenti e un più alto livello di scrutinio. Non è una pura coincidenza che il ricorso alla personale rete di conoscenze per individuare candidati attendibili si è intensificato dall’inizio della crisi.

 

Opportunità - La crisi ha riportato tutto il settore sulla terra e le retribuzioni sono a livelli più realistici.

I candidati sono ora più propensi alla ragionevolezza nelle loro richieste e maggiormente flessibili rispetto alle loro aspettative. C’è la concreta possibilità di poter assumere personale che è stato licenziato dai grandi nomi del settore. A seguito della crisi c’è stato un ridimensionamento delle retribuzioni, specialmente nelle aree-prodotto che hanno visto ridursi fortemente le attività.

Insidia uno - Cercare di trovare candidati con il minimo di pretese rischia di trasmettere il segnale sbagliato e di esporre la propria società a un dannoso esodo di talenti non appena il mercato si riprenda.

“Il prezzo dei migliori talenti è rimasto sostanzialmente invariato perché è vero che la crema si raccoglie al vertice”, spiega Aidan Kennedy, partner presso la società di executive-search CTPartners. “Il nostro consiglio è di non impiegare personale di secondo ordine perché può risultare economicamente conveniente: se si vuole costruire una società di primo piano non si deve procedere a riempire i posti solo sulla base della disponibilità”

Insidia due - Sarà sicuramente un mercato che avvantaggia i datori di lavoro, ma non crediate che i candidati siano così disperati da prendere qualsiasi lavoro.

La scossa a seguito della crisi ha spinto le società ma anche i candidati a essere maggiormente cauti e attenti nelle loro decisioni. I datori di lavoro si impegnano sempre di più nel processo di selezione, ma parimenti anche i candidati riflettono maggiormente prima di impegnarsi con una società. “La gente da entrambe le parti è diventata più avversa a correre rischi e procede con maggior cautela nelle valutazioni”, spiega Colin Cowie, direttore delle risorse umane, per l’Asset Management al di fuori degli USA, di Bank of New York Mellon. “Di recente, dopo una rigorosa valutazione, abbiamo fatto alcune assunzioni molto ben riuscite, ma ci siamo resi conto che abbiamo dovuto passare molto più tempo a spiegare i punti di forza della nostra organizzazione ai candidati che ricevevamo ai colloqui: questi volevano sapere molto di più sulla compagnia, sulle nostre strategie e riguardo le loro prospettive di carriera. La gente è in generale nervosa ed è difficile attrarre talenti”.

Opportunità - Programmate per la ripresa ed evitate di danneggiare il vostro brand. Le organizzazioni che prendono decisioni di breve respiro non assumendo un anno, rischiano di rimanere spiazzate l’anno seguente poiché i migliori laureati di un anno accademico si indirizzano verso quei competitori che sono rimasti costantemente presenti sul campo.

Società che investono nel personale e che continuano ad assumere non solo trasmettono un forte segnale di confidenza nel futuro ma mostrano anche che prevedono crescita. Una recessione può essere una buona occasione per espandere le proprie attività come mostrano gli studi su come si sono comportate le imprese nelle passate recessioni. La scelta di assumere invece di licenziare solitamente è premiante in termini di crescita e percentuale di mercato, poiché significa avere le risorse a disposizione quando è necessario. Laurence Fink, presidente e CEO di Blackrock, spiega che “quando tutti giocano al rialzo è il momento sbagliato per espandersi. Guardo a questo rallentamento dell’economia come un momento propizio per iniziare a costruire la nostra piattaforma per quando i mercati cominceranno la risalita”.

Insidia uno - Pianificate accuratamente la vostra strategia.

Assumere senza la giusta programmazione è ugualmente sbagliato come licenziare indiscriminatamente quando la crisi colpisce di più. È essenziale avere una strategia di breve, medio e lungo periodo e mantenere alti gli standard per le assunzioni. “È di critica importanza, prima di iniziare un processo di assunzioni, avere un piano strategico coordinato e trasmettere un messaggio coerente”, spiega Kennedy. “Se vi dovesse essere la percezione che ci sono divergenze interne sul cambio di organizzazione, le persone saranno diffidenti e la società soffrirà un duraturo danno d’immagine”. La capacità di ritenere i propri talenti può anche divenire un problema. Se il proprio brand è danneggiato e la sua reputazione è bassa vi sarà inevitabilmente un esodo: il personale esistente percepirà una sensazione di precarietà e lasceranno la nave alla prima occasione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

eFinancialCareers

 

eFinancialCareers,  società della Dice Holding,Inc., è il sito leader a livello mondiale della ricerca di professioni e carriere professionali nei settori dell’investment banking, asset management e securities. Il sito fornisce agli operatori dei servizi finanziari opportunità di lavoro, notizie e analisi del mercato del lavoro, indagini sulle retribuzioni e consulenza di carriera. I recruiters e i datori di lavoro possono segnalare le posizioni di lavoro vacanti specificando gli specifici settori all’interno del mondo dei servizi finanziari e possono consultare il database dei curricula alla ricerca di professionisti altamente qualificati e specializzati. EFinancialCareers ha un network di siti associati che rappresentano le principali pubblicazioni del settore e ha siti locali e in 18 diversi mercati e in cinque lingue a coprire soprattutto Nord America, Europa, Medio Oriente e Asia. http://www.efinancialcareers.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl