EDUCAZIONE SESSUALE: LA VUOLE A SCUOLA IL 64% DEI RAGAZZI DAI GINECOLOGI IL PRIMO “KIT” PER STUDENTI E INSEGNANTI

24/set/2009 12.51.51 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Milano, 24 settembre 2009 – Un’indagine internazionale boccia il nostro Paese: tre adolescenti su 4 non si proteggono. La SIGO: “Pronto il pacchetto formativo per le classi superiori. Chiediamo al Ministero di adottarlo”

I giovani italiani sono ignoranti in materia di sesso. E lo sanno: chiedono a gran voce più informazioni qualificate, a scuola (lo dice il 64%, il 70% delle femmine e il 58% dei maschi) ma anche a casa (44%). Che serva non c’è dubbio: uno su 4 dichiara di non utilizzare metodi contraccettivi perché il partner “preferisce non farlo”, 6 ragazze su 10 non li usano perché “non li hanno a portata di mano”. Il 21% si “documenta” tramite siti o riviste pornografici, il 10% davanti alla TV. È il quadro, per nulla confortante, che emerge dall’indagine internazionale condotta in occasione della Terza Giornata Mondiale della Contraccezione, che si celebrerà in tutto il pianeta sabato 26 settembre. Un’emergenza a cui la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) risponde con il primo kit strutturato e validato per l’educazione sessuale nelle scuole. Un pacchetto formativo uniforme per tutto il territorio nazionale, organico e condiviso. “Si tratta di un’iniziativa assolutamente unica e innovativa in Italia pensata per tutti i ginecologi che si recano nelle classi per parlare di questi temi – spiega il prof. Emilio Arisi, membro del direttivo SIGO e direttore di “Scegli Tu”, il progetto della Società scientifica per una sessualità consapevole -. È rivolto ai ragazzi delle scuole superiori, multimediale, con materiale per gli studenti e gli insegnanti. Vogliamo infatti stabilire una sinergia fra giovani e adulti, con il medico come mediatore. È l’unica via per riuscire davvero a stimolare l’interesse e far maturare la responsabilità. Chiediamo e lanciamo un appello al Ministero perché strumenti come questi possano venire adottati ufficialmente”. Il nostro Paese presenta contraddizioni assolutamente peculiari, come emerge dall’indagine condotta nello scorso luglio che ha coinvolto 2.825 ragazzi fra i 15 e i 21 anni di 14 nazioni (Italia, Francia, Spagna, Gran Bretagna, Austria, Polonia, Russia, Turchia, Australia, Cina, Malesia, Singapore, Corea e Tailandia). Meno di un adolescente su 4 (22%) si sente completamente a proprio agio quando parla di contraccezione, persino con il proprio partner. Dato che si riduce ulteriormente se consideriamo le sole ragazze (18%). Conoscono in media solo 3 metodi per proteggersi e il 27% non ne utilizza attualmente nessuno, percentuale che sale al 35% fra le donne. Eppure abbiamo il più basso tasso di gravidanze indesiderate. “Le ragioni possono essere varie – afferma il prof. Salvatore Caruso, presidente della FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica) – , ma non bisogna credere che questo ci renda immuni dai rischi. I giovani dovrebbero poter trovare disponibilità di informazioni e comunicazione qualificati, con una progettazione integrata famiglia, servizi e Istituzioni. Una strategia che vede necessariamente la scuola protagonista”. Il kit può rappresentare il primo passo: verrà distribuito dal mese di ottobre e comprende anche un cortometraggio animato firmato dal grande vignettista Bruno Bozzetto, per smentire i luoghi comuni sulla pillola anticoncezionale.
Il primo progetto di legge per l’inserimento dell’educazione sessuale nelle scuole italiane risale al 1910 ma ancora non esiste nulla di strutturato, solo interventi sporadici e saltuari di ginecologi quando il singolo Istituto lo richieda. “Oggi le lezioni, quando avvengono (e si tratta solo di una minoranza) sono lasciate per intero alla sensibilità e alla competenza del singolo medico, senza supporti condivisi né percorsi codificati - spiega Arisi -. Si tratta di esperienze comunque preziose che la SIGO ha raccolto e deciso di raccogliere e proporre in modo organico. Ecco come è nato il kit, con un linguaggio adatto ai giovani, ricco, personalizzabile a seconda degli interlocutori e, soprattutto, con il “bollino di garanzia” della Società scientifica”. Oltre al cortometraggio, per gli studenti prevede una guida informativa sottoforma di magazine, poster dedicati ai metodi contraccettivi e agli organi genitali, un calendario mestruale. Più test in ingresso e in uscita per misurare il livello di conoscenza e il gradimento sulla lezione. Per gli insegnanti invece è stata predisposta una guida ad hoc, dove si insiste su messaggi chiave, come l’importanza di utilizzare sempre la doppia protezione (pillola e preservativo), si condanna senza appello il coito interrotto, si ribadisce l’importanza di rispondere con serenità alle domande dei ragazzi, anche se provocatorie. “L’educazione sessuale dovrebbe essere integrata nelle diverse materie e interessare tutto il curriculum scolastico – aggiunge il prof. Caruso -. Andrebbe proposta per obiettivi, rivolti allo sviluppo delle conoscenze e dei valori umani fondamentali: rispetto di sé e dell’altro, responsabilità, valorizzazione della diversità. Con linguaggio e argomenti adeguati all’età, al livello di maturità, alle capacità personali e interpersonali”.
I principali obiettivi degli interventi formativi sono due: difendere i ragazzi dal rischio di gravidanze indesiderate e dalle malattie sessualmente trasmissibili. In Italia gli aborti fra le minorenni sono in aumento, più che raddoppiati nelle under-14, passati dallo 0,5% del 1995 all'1,2% del 2005. Lo stesso vale per malattie come la clamydia, cresciuta negli ultimi 10 anni da 6 a 10 volte a seconda delle regioni. La strategia per difendersi, promossa anche in occasione della Terza Giornata mondiale, è utilizzare in maniera consapevole gli strumenti contraccettivi più sicuri: pillola e preservativo, abbinati. La manifestazione è promossa da alcune fra le più prestigiose Associazioni e Fondazioni internazionali che si occupano di pianificazione familiare e salute della donna. Fra queste Marie Stopes International, Population Council, Federation Internationale de Gynecogie Infantile et Juvenile e International Planned Parenthood Federation con il sostegno di Bayer Schering Pharma.
Per saperne di più: http://www.your-life.com/scripts/pages/en/home/
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl