Torino capitale dell'ALTRA auto

Torino capitale dell'ALTRA auto

09/nov/2004 19.04.34 Planet Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Torino, capitale dell’ALTRA auto
 
Fra storia e mercato, cultura e legge, l’autenticità dei veicoli storici è al centro del dibattito internazionale. Ne parlano a Torino illustri personalità italiane e straniere: designers, industriali, giornalisti, storici, collezionisti, curatori di musei e giuristi.
 
 
  • Forum internazionale sull’Autenticità del Veicolo Storico
    Torino, 12-13 novembre 2004 | Palazzo dell’Arsenale, via Arsenale 12
Il veicolo d’epoca - autentico patrimonio storico e culturale, “memoria industriale” del XX secolo - viene  preservato e tramandato alle prossime generazioni grazie a un grande numero di collezionisti e appassionati in tutto il mondo. Come per le opere d’arte, in presenza di un mercato che può raggiungere quotazioni da capogiro, il problema dell’autenticità diventa cruciale: per riflettere sui criteri con cui identificare e autenticare questo patrimonio, proteggendolo dalle contraffazioni, FIVA e ASI riuniscono a Torino esperti e collezionisti di vari paesi.
 
Fra i temi del Forum: “L’automobile, vera arte”, con la partecipazione di importanti designers e industriali; “La salvaguardia giuridica dell’autenticità”, con Mario Barbuto, Presidente del Tribunale di Torino e giuristi internazionali.
 
ASI - L’Automotoclub Storico Italiano ASI è una Federazione che riunisce 225 Club di cultori del motorismo storico in tutta Italia, a cui aderiscono circa 80.000 appassionati con 125.000 veicoli registrati. L’ASI cura la tenuta e l’aggiornamento dei Registri Nazionali dei Veicoli Storici, rilasciando certificati di storicità e autenticità. Organizza manifestazioni di rilevanza nazionale e internazionale, ma soprattutto promuove e valorizza in ogni sede gli aspetti culturali, storici e sociali del veicolo d’epoca. Fra le battaglie dell’ASI, la rivendicazione di regole chiare e univoche che permettano la circolazione sulle strade pubbliche delle vetture d’epoca: beni culturali a tutti gli effetti, hanno necessità di circolare e di essere tenuti in efficienza dagli artigiani specializzati, autentici depositari di una conoscenza altrimenti destinata a scomparire, lasciandoci tutti più poveri, e non solo dal punto di vista economico. Si calcola infatti che siano circa 100.000 in Italia le persone attive nel settore del veicolo storico.
 
FIVA - Fondata nel 1966 in Francia, la FIVA (Fédération Internationale des Véhicules Anciens) riunisce i club dei veicoli storici a livello internazionale. Riconosciuta dall’Unesco, comprende oggi 61 associazioni del motorismo storico appartenenti a 42 Paesi in tutti i continenti, dall’Europa all’Oceania, per un totale di circa 600.000 iscritti.
 
 
  • Protagoniste di ieri in mostra
    Sabato 13 novembre, dalle 9.30 alle 16,
    Palazzo dell’Arsenale, via Arsenale 12 - Torino
Per il pubblico, l’opportunità di ammirare preziosi esemplari di auto e moto d’epoca (Bugatti, Ferrari, Maserati, Lancia, Gilera, Guzzi) e le “concept cars” dei grandi stilisti in una splendida sede che apre eccezionalmente le sue porte, il Palazzo dell’Arsenale, sede della Scuola di Applicazione Militare. Ingresso gratuito.
 
 
 
 
 
Per maggiori informazioni: Planet Comunicazione
Tel. 011.5083802 oppure 348.2249603
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl