DAGLI STUDENTI IN CDA UNA FUCINA DI IDEE

06/ott/2009 20.47.05 SIMS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ciao a tutti, mi presento….sono Trapani Martino Massimiliano! Appena arrivato dall’amata Sicilia nella grande capitale ero un semplice studente di medicina, in un’università come quella “della Sapienza”, giudicata il 1° ateneo Italiano e il 100° del mondo, secondo la classifica internazionale della Jiao Tong di Shangai, il cui sogno più grande era quello di arrivare al primo traguardo importante della vita: la laurea!! Poi dopo una scommessa con me stesso e mille difficoltà affrontate, con l’ aiuto di molti amici e persone che hanno creduto in me (le quali ringrazio vivamente!!), mi trovo oggi ad essere sia un Dottore in Medicina e Chirurgia, sia un Rappresentante degli Studenti, membro del Consiglio D’ Amministrazione dell’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, la più grande Università d’ Europa, con oltre 150.000 studenti iscritti e con un glorioso passato, oltre 700 anni di storia e di prestigio accademico. Eppure sono passati solo pochi anni, ma vi assicuro sono stati ricchi di tanto lavoro, impegno, sacrifici, rinunce e anche di qualche bella soddisfazione.Prima non sapevo neanche cosa fosse il Cda, per me era solo una parola spesso citata su riviste e dai mass media. Adesso vi dico con certezza che il Cda è uno degli organi centrali dell’ateneo, l’organo di programmazione, di indirizzo e di controllo delle attività relative alla gestione amministrativa, finanziaria e patrimoniale dell’ Università. Rappresentare e difendere gli studenti non è sempre cosi facile, perché quando vivi l’università dalla stanza dei bottoni è tutta un'altra storia, ricca di responsabilità (anche patrimoniali) e di decisioni particolarmente importanti per l’immagine e la funzionalità dell’Ateneo, senza dimenticare mai i problemi degli studenti. Poi quando ci si mette pure il Governo con la riduzione dell’ FFO (Fondo finanziario ordinario) e il Ministro Bersani con i suoi decreti, bisogna far quadrare i conti per mantenere in piedi una struttura così grande e complessa! E’ necessario dunque riorganizzarsi e riprogrammare tutto il lavoro portato avanti regolarmente con impegno dal nostro Magnifico Rettore Prof. Renato Guarini, dal Prorettore Vicario Prof. Luigi Frati, dal Direttore Amministrativo Dott. Carlo Musto D’Amore, da tutto il Senato Accademico e infine dal Consiglio D’amministrazione.Vi dico che non è sempre facile riuscire a mettere nero su bianco su nuovi progetti, di cose ce ne sono tante da realizzare, però ognuno di noi deve cercare di essere realista monitorando la situazione finanziaria, perché senza quella non si può realizzare proprio un bel niente.In questi mesi oltre alle convocazioni ufficiali del consiglio vi sono state tante altre riunioni, commissioni istruttorie sul bilancio, sull’edilizia, sulle sedi decentrate, tasse, borse di collaborazione, sul policlinico e sul personale. Posso dire con orgoglio e fierezza in qualità di consigliere di amministrazione che questo Organo Centrale fino ad oggi ha lavorato tanto, affrontando bene i problemi quotidiani e portando avanti progetti molto importanti sia a favore degli studenti, anima dell’università, sia utili all’ Ateneo stesso. Voglio citare le cose più significative attuate fin adesso: Nessun aumento delle tasse universitarie per gli studenti, nonostante la riduzione dell’ FFO, al contrario di altri Atenei che ne hanno fatto ricorso; In collaborazione con il Senato Accademico è stata approntata la carta dei diritti degli studenti; Sul fronte edilizio l’aquisito di molte strutture come il Centro Poste, il comprensorio di Pietralata, la Vetreria Sciarra, La Snia Viscosa e altri immobili per fronteggiare il decongestionamento e ottimizzare le aule. E’ stato avviato il progetto “wireless” per tutto l’Ateneo, grazie al quale tutti gli studenti, con la propria password e il numero di matricola, accedono ad internet senza fili.Una politica sul Merchandising, sulla nuova identità visiva e tante altre cose che non cito per non farvi annoiare, ma soprattutto per riservarvi qualche sorpresa futura! Nonostante questi eccellenti risultati, di cose da fare ce ne sono ancora tantissime e tante altre se ne faranno, proprio perché l’Università è il tempio del sapere e senza tutto ciò non c’è cultura, ed è necessario essere ancora più attivi e competenti a gestire meglio tutto quello che abbiamo, dando spazio all’innovazione e alla ricerca, punti fondamentali per investire in un futuro universitario più sicuro. E’ un onore comunicare con il vostro giornale universitario. Ribadisco che gli studenti universitari, di tutte le facoltà, devono essere parte attiva di questo Ateneo: il confronto di idee è sempre costruttivo e stimolante per dare vita a progetti futuri! Mi offro punto di riferimento per qualsiasi tipo di segnalazione, naturalmente sono graditi collaborazione e suggerimenti, e perché no, anche critiche!Potete contattarmi tramite e-mail all’indirizzo trapanimartino@yahoo.it. I più sentiti ringraziamenti vanno a tutti gli studenti dell’ Università “La Sapienza”, a tutti gli Organi centrali e direttivi dell’ Ateneo, al Personale Docente e non, ed alla Redazione, a cui auguro buon lavoro!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl