La smentita di Scientology

29/ott/2009 23.21.53 scientology Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


28 ottobre 2009

Dalla Chiesa di Scientology, riceviamo e pubblichiamo:
In riferimento all’articolo “Scientology condannata per truffa”, precisiamo quanto segue:


In primo luogo, la Corte ha concluso oggi che la Chiesa di Scientology deve continuare a svolgere la sua attività religiosa in Francia. Non ha potuto ignorare il fatto che esiste una vasta comunità di Scientologist contenta di praticare la propria religione. La Corte ha altresì sottolineato la straordinaria pressione mediatica creata intorno a questo caso. Questa sentenza sarà immediatamente appellata.
«Non ci arrenderemo mai. La religione di Scientology, di cui il filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard è Fondatore, è un movimento in crescita e noi crediamo che nessuno abbia il diritto di dire ai francesi cosa pensare e in che cosa credere in campo religioso - ha commentato il portavoce del Celebrity Centre della Chiesa di Scientology. - Noi sosteniamo la Costituzione Francese e la Convenzione Europea sui Diritti Umani, mentre le campagne che i gruppi anti-religiosi francesi come l’UNADFI stanno portando avanti sono state criticate da enti internazionali a causa delle minacce che rappresentano per la libertà di religione. Nel rapporto internazionale sulla libertà di religione recentemente pubblicato dal Dipartimento di Stato Americano si legge che “Il trattamento discriminatorio contro i Testimoni di Geova e i membri della Chiesa di Scientology sta ancora causando della preoccupazione”».
Per il caso citato, l’ufficio del Procuratore della Repubblica francese aveva richiesto l’archiviazione il 4 settembre 2006 per tutte le accuse e per tutti gli imputati. In qualunque altro caso si sarebbe generato un dibattito volto a determinare le cause di simili pretestuose accuse senza precedenti pronunciate contro una Comunità religiosa che è stata riconosciuta in tutto il mondo. Ma, visto che ci troviamo in quella laicissima Francia il cui parlamento ha approvato nel 2001 la sciagurata legge anti-culti, sembra quasi inevitabile che vengano esercitate pressioni affinchè si pubblichino capi d’imputazione a tutti i costi, per giustificare una norma anacronistica, inapplicabile e ingiustificata.
E tutto questo con buona pace del Diritto e della Giurisprudenza consolidata in tutta Europa, inclusa quella deliberata dalla Corte Europea dei Diritti Umani il 24 settembre 2007 che ha confermato la sentenza unanime emessa in aprile dello stesso anno sul caso “La Chiesa di Scientology di Mosca contro la Russia”. In essa si afferma che essa gode dei diritti e delle tutele di libertà di religione da accordarsi alle organizzazioni religiose secondo l’Articolo 9 della Convenzione Europea sui Diritti Umani.
La Chiesa di Scientology ha ottenuto finora il riconoscimento ufficiale dello status di ente religioso da 24 governi del mondo, quali: Stati Uniti d’America, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Tanzania, Sud Africa, Venezuela, Ecuador, Argentina, Brasile, Costa Rica, Filippine, India, Sri Lanka, Kazakistan, Albania, Taiwan, Croazia, Slovenia, Ungheria, Svezia, Scozia, Portogallo e Spagna. Per ulteriori informazioni su Scientology e L. Ron Hubbard si possono consultare i siti www.scientology.org e www.lronhubbard.org
 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl