Sviluppare il commercio elettronico in Italia: cosa è necessario fare? Quali gli elementi essenziali?

Se ne è discusso ieri pomeriggio a Milano durante un incontro organizzato da Psycho Research e da Supermoney.eu a cui hanno preso parte alcuni tra i principali esperti di internet in Italia.

27/nov/2009 16.35.33 redoffice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Se ne è discusso ieri pomeriggio a Milano durante un incontro organizzato da Psycho Research e da Supermoney.eu a cui hanno preso parte alcuni tra i principali esperti di internet in Italia.

L'ultima indagine semestrale condotta da Nielsen su oltre 25.000 consumatori di 50 Paesi del mondo ha mostrato come ad influenzare il processo di acquisto online nel nostro paese siano per l’85% i consigli di persone che si conoscono e per l’80% i suggerimenti pubblicati online.

Ieri pomeriggio a Milano si è tenuta una tavola rotonda dove, partendo da questi elementi, si è cercato di comprendere quali siano le azioni necessarie per sviluppare il commercio elettronico e la cultura del confronto on-line in Italia.

«Il concetto di cultura della comparazione online è molto vasto - ha esordito Fabrizio Bellavista, Managing Partner di Psycho Research e comprende i portali di confronto prezzi, quelli che confrontano servizi ma anche tutto il mondo digitale che fa incontrare e confrontare i pareri degli utenti sui prodotti: siamo di fronte ad una svolta epocale che inciderà ben oltre le meccaniche di solo business»

Guardando ai numeri, la situazione non è di facile soluzione: gli italiani comprano poco online e, almeno apparentemente, non amano i confronti. «Pensiamo alla case history della pubblicità comparativa - ha spiegato Vanya Pavan, tra gli esponenti di Pubblicità Progresso che guardano con maggiore attenzione alle problematiche online - Nel nostro paese è praticamente inesistente e regolamentata in maniera rigida, invece negli USA sono presenti storicamente campagne advertising di botta e risposta - spesso graffiante -  tra un brand e l’altro».

Se è vero che il confronto non fa del tutto parte della cultura italiana, è però altrettanto vero che la crisi sta cambiando le carte in tavola. «La congiuntura economica sicuramente sta mutando il comportamento di acquisto del consumatore che è diventato molto più attento al confronto - ha spiegato Valter Ciari, responsabile di Master Program e SopTV - Un esempio semplice: facendo interviste nei mercati abbiamo constatato come le persone comparino anche il prezzo di una singola mela»

Questo è lo stesso dato registrato dall'unico esempio in Italia di "comparatore on-line" multi-prodotto. «L’esigenza di confronto è sicuramente in forte crescita - ha sottolineato Bruno Iambrenghi, Business Development Manager di Supermoney.eu - in particolare per quei prodotti complessi dove Supermoney.eu propone confronti come ad esempio la telefonia, i mutui, le assicurazioni e l'energia. La nostra recente esperienza è in linea con quanto spiegato da Valter Ciari e mostra come la comparazione on-line sia uno strumento sempre più utilizzato e sempre più efficace per ottenere risparmi concreti».

Gli esperti hanno concordato sulla necessità di offrire un servizio di qualità in grado di tutelare l’utente e che evidenzi in maniera chiara e netta la distinzione tra i risultati ottenuti attraverso il confronto vero e proprio di un certo prodotto e la semplice proposizione di offerte commerciale e pubblicitarie.
«La mia esperienza di utilizzatore di servizi di confronto - ha concluso Lorenzo Guerra, esperto di BloogTV - mostra come solo attraverso la costante ricerca della qualità sia possibile avvicinare gli utenti ad effettuare transazioni on-line. La fiducia è la prerogativa essenziale per acquistare online. E' necessario creare le condizioni di base perché la fiducia possa crescere: in particolare imparzialità e trasparenza nella comunicazione ».

L'incontro è stato il primo di una serie di appuntamenti che avranno l'obiettivo, nei prossimi mesi, di aprire un gruppo di lavoro per portare alla definizione di una serie di "linee guida" per lo sviluppo del confronto in Italia.


Per informazioni e richieste:
Linda Iulianella - Press Office Supermoney.eu

Via Baracchini 9, 20123 - Milano
E-mail: linda.iulianella@supermoney.eu
Tel. 0039-3343265760

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl