Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Cronache Web Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Cronache Web Fri, 13 Dec 2019 00:08:36 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://www.comunicati.net/utenti/16391/1 Metall-Drehen und Metallbearbeitung Tue, 10 Mar 2015 16:13:44 +0100 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/347819.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/347819.html Cronache Web Cronache Web Was ist eigentlich mit Metalldrehen?

Metalldrehen ist ein zerspanendes Fertigungsverfahren für Metalle. Die Metall Gedreht wird manuell auf einer Drehbank oder automatisiert auf einer Drehmaschine.

Metall-Drehen bezeichnet mechanischen Bearbeitungsverfahren, bei denen das Material in die gewünschte Form gebracht wird, indem überflüssiges Material in Form von Spänen abgetragen wird. Die Fertigungsverfahren der Metalldrehen sind in Deutschland in der DIN definiert.

Metalldrehen ist Zu den wichtigsten und bekanntesten Verfahren zusammen Fräsen, Bohren, Sägen und Schleifen.

Innerhalb der Hauptgruppen der Metallbearbeitungsverfahren (Urformen, Umformen, Trennen, Fügen, Beschichten, Stoffeigenschaften ändern) Metalldrehen ist eine Bearbeitungsverfahren den trennenden.

Der Begriff Drehen wird heute meist im Zusammenhang mit der Metallbearbeitung gebraucht, obwohl auch die spanende Bearbeitung aller anderen festen Werkstoffe wie Holz und Kunststoff dazu gehört.

Das Grundprinzip des Metalldrehen ist beruht auf dem Eindringen einer keilförmigen Werkzeugschneide in die Oberfläche des Werkstücks und anschließendem Abschälen einer dünnen Materialschicht, des Spans.

Das Werkzeugmaterial muss dabei stets härter sein als der bearbeitete Werkstoff.

Zur Metalldrehen relativ weicher Werkstoffe genügen einfache Stähle als Werkzeugmaterial. Bei härteren Materialien werden spezielle Werkzeugstähle, Hartmetall, Sinterwerkstoffe, Schneidkeramik, Korund oder Diamant als Schneidstoffe eingesetzt. Die Schneide kann eine exakt definierte Schneidengeometrie aufweisen, wie beispielsweise beim Drehen und Bohren (spanende Bearbeitung mit geometrisch bestimmter Schneide), oder unregelmäßig geformt sein wie beim Schleifen und Läppen (spanende Bearbeitung mit geometrisch unbestimmter Schneide).

Eredi Baitelli ist eine mehrfach zertifizierte Automatendreherei, die Qualitäts  dienstleistungen im Metalldrehen von Metallen erbringt und insbesondere Zeichnungsdrehteile fertigt.
Eredi Baitelli: Präzisionsdreher kundenspezifische
Metalldrehteilen und Kleinstdrehteile.

 

Metall-Drehen Eredi Baitelli

 

Metalldrehen beziehungsweise Halbzeug es führt die Hauptschnittb ewegung mit seiner Rotation aus. Das Werkzeug fest eingespannte wird am drehenden Werkstück mit Hilfe des Werkzeugschlittens entlang bewegt, um einen Span abzuheben, Nur in besonderen Fällen (beispielsweise bei Gewindewirbeln) trägt auch das Werkzeug zur Schnittbewegung bei.

In der Einteilung der Fertigungsverfahren nach DIN 8580 zählt Metalldrehen als Trennverfahren.

Beim klassischen dreherei werden hauptsächlich rotationssymmetrische (runde) metallenTeile bearbeitet.

Die moderne Technologie einer CNC-Drehmaschine macht es möglich, auch Werkstücke zu fertigen, die früher nur auf einer Fräsmaschine zu produzieren waren.

Die Metall Drehteile im mikroskopischen Bereich (sogenannte Kleinstdrehteile), beispielsweise in der Uhren- oder Medizin- sowie der Mikrotechnik, spricht man von Décolletage.

In der Holzverarbeitung gibt es ein Verfahren ähnlich zu dem Metalldrehen.

Die Drehmaschine ist eine Werkzeugmaschine zur Herstellung meist rotationssymmetrischer Werkstücke durch das Metalldrehen zerspanende Fertigungsverfahren .

Zerspanende Fertigungsverfahren - Metalldrehen

Das Metalldrehen ist eines der zentralen Fertigungsverfahren bei der Herstellung und Nachbearbeitung von hochpräzisen technischen Bauteilen. Das Metalldrehen kommt dort zum Einsatz, wo rotationssymmetrische Bauteile benötigt werden. Typische Bauteile, welche durch Drehen hergestellt werden sind Wellen, Zahnräder und große Schraubbolzen.

Metalldrehen ist ein Bearbeitungsverfahren, welches sowohl hochwertige Maschinen sowie gut ausgebildetes Personal benötigt. Drehmaschinen sind von kleinen Tischmaschinen bis zu hallengroßen Spezialanlagen verfügbar. Das Grundprinzip ist bei allen gleich - ein Werkstück wird in Rotation versetzt und mit einem Werkzeug abtragend bearbeitet.

Eredi Baitelli ist eine mehrfach zertifizierte Automatendreherei, die Qualitäts  dienstleistungen im Metalldrehen von Metallen erbringt und insbesondere Zeichnungsdrehteile fertigt.
Eredi Baitelli: Präzisionsdreher kundenspezifische
Metalldrehteilen und Kleinstdrehteile.

 Metalldrehen

 

Fertigungsverfahren von Metallen:

  • Biegen (Fertigungsverfahren)
  • Bohren (Fertigungsverfahren)
  • Drehen (Fertigungsverfahren)
  • Fräsen (Fertigungsverfahren)
  • Pressen (Fertigungsverfahren)
  • Schleifen (Fertigungsverfahren)
  • Trennen (Fertigungsverfahren)
  • Umformen (Fertigungsverfahren)
  • Zerspanen (Fertigungsverfahren)

Das Metalldrehen gehört zu den zerspanenden Bearbeitungsverfahren. Als spanendes Verfahren wird es den trennenden Verfahren zugeordnet. Dies bedeutet, dass beim Drehen ein Werkstück über seine Zugfestigkeit hinaus belastet wird.

Das Abtrennen von Material geht stets mit einer großen Wärmeentwicklung einher. Die beim Drehen entstehende Wärme ist zwar konstruktionsbedingt größtenteils im abgetragenen Span. Dennoch heizen sich Maschine, Bearbeitungswerkzeug und Werkstück stark auf. Wird die Wärme nicht abgeführt, entstehen schnell Schäden an allen beteiligten Komponenten des Drehvorganges.

Beim Metalldrehen wird deshalb stets eine Kühlschmierung hinzu geschaltet. Beim Drehen von Kunststoffen oder Holz ist dies meist nicht notwendig, da diese Werkstoffe eine hinrechend schlechte Wärmeleitung haben.

Wie bei allen zerspanenden Verfahren unterscheidet man beim Drehen zwischen dem Schrupp- und dem Schlichtvorgang. Der Schruppvorgang trägt schnell große Mengen an Material ab, ist aber nicht sehr präzise. Mit dem Schruppen wird deshalb nur das ungefähre Endmaß des Werkstücks erreicht. Die Präzision wird beim Drehen durch den feineren und langsamer ausgeführten Schlichtvorang durchgeführt. Je nach bearbeitetem Werkstoff und gewünschter Qualität werden dazu verschiedene Schneidwerkzeuge eingesetzt.

Metalldrehen gehört zu den spanenden Fertigungsverfahren. Gedreht wird auf einer Drehmaschine, auf der das Werkstück rotiert und so die Hauptschnittbewegung ausführt. Der eingespannte Drehmeißel auf dem Werkzeugschlitten führt Zustell- und Vorschubbewegungen aus und hebt vom rotierenden Werkstück den Span ab.

Beim Drehen werden Schnittgeschwindigkeit, Vorschub und Schnitttiefe so optimiert, dass gute Spanbildung, hohe Oberflächengüte und möglichst hohes Spanungsvolumen bei geringer Schnittkraft erreicht werden. Das Drehstück wird erst geschruppt (hohe Abtragung) und dann geschlichtet (hohe Oberflächengüte).

Unerwünschte Regenerativeffekte können das Werkstück schwingen lassen, was zu einem wellenförmigen Schliff führt.

Nach Vorschubrichtung werden Längsdrehen (Werkzeug bewegt sich entlang der Rotationsachse) und Querdrehen (Plandrehen, Werkzeug bewegt sich senkrecht dazu) unterschieden. Werkzeugbewegungen im Winkel zur Rotationsachse erzeugen Kegelflächen, gekrümmte Werkzeug-Bahnen beliebige rotationssymmetrische Formen.

Eredi Baitelli ist eine mehrfach zertifizierte Automatendreherei, die Qualitäts  dienstleistungen im Metalldrehen von Metallen erbringt und insbesondere Zeichnungsdrehteile fertigt.
Eredi Baitelli: Präzisionsdreher kundenspezifische
Metalldrehteilen und Kleinstdrehteile.

]]>
EREDI BAITELLI PROSPERA IN UN CLIMA ECONOMICO OSCURO Thu, 09 Oct 2014 12:10:20 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/332406.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/332406.html Cronache Web Cronache Web Eredi Baitelli porta la qualità dei suoi lavori di tornitura metallica nei mercati internazionali nonostante la crisi.

Sapete qua è Il suo segreto? La qualità dei prodotti e dei servizi che Eredi Baitelli offre dal 1945, a cominciare dalla precisione della lavorazione dei metalli per qualunque settore merceologico e la conseguente produzione in grandi quantità di componenti interamente adattabili e progettabili su misura delle esigenze del cliente è il punto di forza della storica azienda italiana Eredi Baitelli ed è grazie a questa continua tradizione che Eredi Baitelli gode ancora di longevità e di forte presenza sui mercati italiani ed internazionali, nonostante la crisi.

Sin dai primi anni di operatività Eredi Baitelli, forte della dei valori tipici della cultura italiana tramandati nella famiglia, ha posto al cospetto del cliente le proprie conoscenze professionali e la realizzazione di prodotti di altissima qualità per concordare e trovare soluzioni su misura sulle specifiche caratteristiche del singolo progetto/disegno. L’obbiettivo perpetuo di Eredi Baitelli è quello di garantire al cliente la massima soddisfazione e mettere a sua disposizione tutta la propria strumentazione.

La solida conduzione familiare italiana, l’incredibile precisione, la velocità e la possibilità di una produzione di grandi quantitativi sono gli ingredienti magici che contraddistinguono l’azienda Eredi Baitelli dalla concorrenza e sono un grande punto di forza contro la decadenza causata dalla crisi economica italiana.

L’azienda Eredi Baitelli, leader nel settore, orienta da sempre il suo business sull’altissima qualità, sulla precisione chirurgica della lavorazione dei metalli e sull’ampia gamma di servizi da offrire ai propri clienti, con la creazione di prodotti interamente personalizzabili grazie al vasto parco macchine sempre all’avanguardia, in grado di lavorare qualunque tipo di metallo ed al personale altamente specializzato e qualificato.

 

Eredi Baitelli


La Eredi Baitelli è un’azienda italiana gioiello della produzione di metalli torniti e minuterie metalliche di elevata qualità e precisione, la quale si occupa anche dell’estrazione dei metalli oltre che della lavorazione degli stessi e con orgoglio rappresenta il top di gamma della produzione mediante processi di tornitura metallica.

La società Eredi Baitelli è equipaggiata dei migliori e più tecnologicamente avanzati torni per la lavorazione dei metalli, vantando di avere un parco macchine con i più prestigiosi marchi del settore quali Wickman e Mory-Say, campioni della tornitura precisa, rapida e di qualità.

Ribadiamo la flessibilità ed adattabilità alle richieste della clientela che solo Eredi Baitelli è in grado di dare.

 

L’esperienza di Eredi Baitelli nella tecnologia, la manodopera specializzata e la prontezza di risposta alla domanda del mercato hanno spianato la strada che permette all’azienda Eredi Baitelli di essere presente in Italia e all’estero e di essere una ditta vincente in termini di competitività, sia per i prezzi sia per la qualità dei prodotti e dei servizi forniti Eredi Baitelli dispone di un parco macchine aggiornato e tecnologico anche per le minuterie, per le quali vanta una disponibilità di oltre venticinque torni automatici a fantina mobile e della sopracitata manodopera qualificata di lunga esperienza e così Eredi Baitelli è in grado di assicurare al cliente l’esecuzione di qualsiasi particolare a disegno.

]]>
Eredi Baitelli: with Matteo aim to the future Wed, 01 Oct 2014 17:01:54 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/331702.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/331702.html Cronache Web Cronache Web

Eredi Baitelli metal turning services

Matteo Baitelli is the third generation both in the Baitelli’s family and in leading Eredi Baitelli company: Eredi Baitelli is an Italian company, top quality in the world.

 

Eredi Baitelli is a family business placed in Brescia that deals with high precision metal turning since 1945.

In all these years the Baitelli family has built a solid and reliable company that it has conquered the most major international markets and opened branch offices around the world: United States, Monaco of Bavaria, S. Paulo in Brazil. 

Having conquered the major European countries such as Germany, France, Austria and Switzerland now Eredi Baitelli company is being able to establish itself in new markets such as Russia and Brazil. 

Eredi Baitelli provides the customer with own professional skills and high quality standards that distinguish the work of this metal turning company. Eredi Baitelli: ad hoc solutions in metal turning on the specific characteristics of each project/design. 

Time to time the company is transformed and adapts itself to the customers needs to ensure them maximum satisfaction.

In the Eredi Baitelli corporate context overlooks Matteo Baitelli, a young scion of 24 years, who is forming at the University of Economics in Brescia to attain a degree in Economics and Business Administration.

Matteo Baitelli is a young man practical and fully aware of the reality of things: he knows very well that academic preparation is not enough to prepare young people for real jobs in the company and for this reason he’s gradually entering in Eredi Baitelli company taking full advantage of his free time by university commitments.

In Eredi Baitelli Matteo started from the last rung doing the manual labor of the worker and then gradually continue in a growth path that it’is preparing him for the direction and management of the family business.

 Eredi Baitelli - Matteo Baitelli

 

As many youth, Matteo Baitelli is technology enthusiast (PCs and smartphones) and is trying in this case too to combine work and passion working with a technology store and managing blog and Youtube channel.

And here some important personality traits of the young Matteo Baitelli emerge:

  • practical and concrete mind confirmed by his occupational activities and by the preference for university subjects with immediate practical feedback in the reality; 
  • passion in work that is clear from the tendency to turn his great passions in work and by the myth of Matteo Baitelli, Valentino Rossi.

 

Matteo Baitelli likes Valentino Rossi for how he is and for what he does, because he became famous when he was a kid and so he is always remained, to thine own self be true and down-to-earth, symbol of those who have been able to find their own way with fun and passion.

Maybe Matteo Baitelli is a young man advantaged in life by having a family company (Eredi Baitelli) where to find his way, but he is also a well-built down-to-earth guy: he knows well that the path to get to the management of the company is long and has outlook on life simple and realistic.

 

Matteo Baitelli, future of the Eredi Baitelli company, is officially engaged since 5 ½ years with a graduate in nursing girl with whom it intends start a family.

When asked how he sees himself in 5 years, Matteo Baitelli replied: "I see myself with a family: married, with a son. With a role and a more defined position in Eredi Baitelli alongside professionals who currently manage it." And in 10 years?

"With one more child. Gradually take over the family company Eredi Baitelli learning to manage the various functions (purchasing, production, sales, administration, ...) and get to handle most of the activities in the direction of the company. "

 

Matteo intends to continue with the philosophy and the approach that the current management has so far favored in Eredi Baitelli: German style, neat and pragmatic.

Matteo admits he cannot bear fake people who operate in secret and intends to contribute to bringing those who Matteo identifies as its strengths in Eredi Baitelli: sincerity, professionalism and determination.

 

"I am a boy of few words but at the same time I listen to a lot."

Matteo Baitelli, a simple guy, young, which will play a responsability role at the helm of the family business Eredi Baitelli knows that he has much to learn and he is ready to roll up his sleeves and work hard to grow and improve himself: on the work, within the responsibility, about business experiences as well as on a personal level.

 

He doesn’t call himself a superhero and does not have the attitude to be "daddy's boy already fulfilled"; confesses that he would like to be less shy with people he does not know and feels admiration for people who can speak foreign languages well and that he would like to be like them.

We recognize in Matteo the education of Baitelli family and the best values ​​of the Italian tradition: the same principles and values ​​that the company Eredi Baitelli puts in his work and that exports all over the world in the name of Made in Italy.

]]>
Eredi Baitelli: das italienische Unternehmen konzentriert sich auf die Jugend mit Matteo Baitelli Tue, 16 Sep 2014 16:14:47 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/329731.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/329731.html Cronache Web Cronache Web

Eredi Baitelli Metallwende

Zu dem Unternehmenskontext von Eredi Baitelli gehört heute auch der 24-jährige Matteo Baitelli, der Wirtschaft an der Universität von Brescia studiert und seinen Abschluss in Betriebswirtschaft und Unternehmensführung anstrebt.

Matteo Baitelli ist ein junger Mann, der genau weiβ, was er will und sich der Realität der Dinge bewusst ist: er weiβ sehr gut, dass die akademische Ausbildung nicht ausreicht, um junge Leute auf die Arbeit in einem Unternehmen vorzubereiten; aus diesem Grund bringt er sich in seiner vorlesungsfreien Zeit schrittweise in das Unternehmen Eredi Baitelli ein.

In dem Unternehmen Eredi Baitelli hat Matteo ganz unten seine Laufbahn begonnen: er hat als Arbeiter angefangen und dann schrittweise eine Entwicklung angetreten, die ihn auf die Leitung und Direktion des Familienunternehmens vorbereitet.

Wie viele junge Leute ist auch Matteo Baitelli ein Technikfreak (PC und Smartphone) und er versucht, diese Leidenschaft mit der Arbeit zu kombinieren; er arbeitet mit einem Technologiegeschäft zusammen und kümmert sich um den Blog und den YouTube-Kanal.

 

Eredi Baitelli ist ein familiengeführtes Unternehmen mit Sitz in der Gegend von Brescia und ist seit 1945 auf das Hochpräzisionsdrehen von Metallen spezialisiert.

In all diesen Jahren hat die Familie Baitelli ein solides und zuverlässiges Unternehmen aufgebaut, das die gröβten internationalen Märkte erobert und Zweigstellen auf der ganzen Welt eröffnet hat: in den Vereinigten Staaten, in München und in Sao Paulo (Brasilien).

Nach Eroberung der wichtigsten europäischen Märkte wie Deutschland, Frankreich, Österreich und die Schweiz behauptet sich Eredi Baitelli auch auf den neuen aufstrebenden Märkten wie Russland und Brasilien.  

Eredi Baitelli stellt dem Kunden professionelle Kompetenzen und sehr hohe, für Eredi Baitelli typische, Qualitätsstandards zur Verfügung, um Ad-Hoc-Lösungen für die spezifischen Eigenschaften des einzelnen Projekts/Entwurfs zu finden und zu realisieren. Das Unternehmen zeigt immer maximalen Einsatz und passt sich an die Kundenanforderungen an, um maximale Zufriedenheit zu garantieren.

 

Matteo Baitelli repräsentiert die 3. Generation in der Familie Baitelli und in dem Unternehmen EREDI BAITELLI. Dieses italienische Unternehmen bietet Spitzenqualität auf der ganzen Welt.

Matteo Baitelli hatte im Leben sicherlich Glück, weil er das Familienunternehmen Eredi Baitelli hat, in dem er seinen Weg finden wird. Er ist aber dennoch sehr realitätsbewusst geblieben, denn er weiβ, dass er einen langen Weg zurücklegen muss, um das Unternehmen zu leiten. Und er hat bescheidene und realistische Lebenspläne.
Eredi Baitelli - Matteo Baitelli

Im Folgenden einige der wichtigsten Charakterzüge des jungen Matteo Baitelli:

  • praktisch und konkret: diese Eigenschaften zeigen sich durch seine Arbeit und die Wahl seiner Studienfächer, die ihm eine umgehende Anwendung in der Praxis ermöglichen;
  • Leidenschaft in der Arbeit: er versucht, seine Leidenschaften in die Arbeit einzubringen und folgt somit seinem Idol Valentino Rossi;

Matteo Baitelli mag die Art und die Arbeit von Valentino Rossi. Er schätzt ihn, weil er in jungem Alter bekannt geworden ist, sich aber selbst treu und auf dem Boden geblieben ist. Valentino Rossi ist für Matteo Baitelli Symbol für eine Person, die mit Spaβ und Leidenschaft den eigenen Weg gefunden hat.

“Ich bin nicht gerade ein gesprächiger Typ, aber ich höre gerne zu”.

Matteo Baitelli ist ein bescheidener junger Mann, der viel Verantwortung in der Leitung des Familienunternehmens Eredi Baitelli übernehmen werden muss. Er weiβ, dass er noch viel lernen muss und ist bereit, anzupacken und sich zu engagieren, um sich weiterzuentwickeln und besser zu werden: auf der Arbeit, in den Kompetenzen, in den Businesserfahrungen, aber auch auf persönlicher Ebene.

Er hält sich nicht für einen Superhelden und er hat nicht die Einstellung eines “verwöhnten Kinds“. Er gibt zu, dass er gerne nicht so schüchtern im Umgang mit unbekannten Personen wäre und dass er die Leute bewundert, die mehrere Fremdsprachen gut sprechen können und dass er gerne wie sie wäre.

Matteo verkörpert die Erziehung der Familie Baitelli und die besten Werte der italienischen Tradition: dieselben Prinzipien und dieselben Werte, die das Unternehmen Eredi Baitelli in seine Arbeit steckt und in der ganzen Welt mit dem “Made in Italy“ verbreitet.

Matteo Baitelli ist die Zukunft des Unternehmens Eredi Baitelli. Er ist offiziell seit 5 ½ Jahren mit einer Krankenschwester verlobt, mit der er eine Familie gründen möchte. Auf die Frage, wie sich Matteo Baitelli sein Leben in 5 Jahren vorstellt, antwortet er: “Ich sehe mich mit einer Familie, verheiratet und mit einem Kind, mit einer Rolle und einer gut definierten Arbeit bei Eredi Baitelli neben den heutigen Firmenchefs“.

Und in zehn Jahren?

“Mit einem Kind mehr. In Eredi Baitelli will ich schrittweise das Ruder übernehmen, die verschiedenen Funktionen (Einkauf, Produktion, Handel, Verwaltung, …) leiten lernen und den Groβteil der Unternehmensleitung übernehmen.”

 

Matteo beabsichtigt, in dem Unternehmen Eredi Baitelli die Philosophie und die Einstellung, mit der bis heute das Unternehmen geleitet wird, zu übernehmen: ein deutscher, ordentlicher und pragmatischer Stil.

Matteo gibt zu, unehrliche Leute nicht zu ertragen und will für Eredi Baitelli seine Stärken einbringen: Aufrichtigkeit, Professionalität und Entschlossenheit.

]]>
Eredi Baitelli e Matteo: il futuro, la realtà e l’azienda famigliare che ha conquistato i mercati esteri Fri, 05 Sep 2014 16:01:10 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/328741.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/328741.html Cronache Web Cronache Web Nel contesto aziendale di Eredi Baitelli si affaccia Matteo Baitelli, giovane rampollo di 24 anni che si sta formando nelle aule della facoltà di economia dell’università di Brescia per conseguire la Laurea in Economia e Gestione Aziendale. Matteo Baitelli è un giovane concreto e pienamente consapevole della realtà delle cose: sa benissimo che la preparazione accademica non è sufficiente a preparare i giovani al lavoro vero in azienda e per questo si sta progressivamente inserendo nell'azienda Eredi Baitelli sfruttando al massimo il tempo libero dagli impegni universitari. In Eredi Baitelli Matteo ha cominciato dall’ultimo gradino svolgendo il lavoro manuale dell’operaio per proseguire poi gradualmente in un percorso di crescita che lo sta preparando alla direzione e gestione dell’azienda di famiglia. Come tanti giovani Matteo Baitelli è appassionato di tecnologia (PC e smartphone) e sta cercando anche in questo caso di coniugare passione e lavoro infatti collabora con un negozio di tecnologia e ne gestisce il blog e il canale Youtube.

Eredi Baitelli è un’azienda a conduzione familiare con sede nel bresciano che si occupa di tornitura metallica di altissima precisione fin dal 1945. In tutti questi anni la famiglia Baitelli ha costruito un’azienda solida e affidabile che ha conquistato i più grandi mercati internazionali e aperto succursali dei propri uffici in tutto il mondo: Stati uniti, Monaco di Baviera, S. Paolo in Brasile. Dopo aver conquistato i principali Paesi europei come Germania, Francia, Austria e Svizzera ora l’azienda Eredi Baitelli sta riuscendo ad affermarsi anche nei nuovi mercati emergenti come Russia e Brasile.

 Eredi Baitelli mette a disposizione del cliente le proprie competenze professionali e gli altissimi standard qualitativi che contraddistinguono il lavoro di Eredi Baitelli per concordare e realizzare soluzioni ad hoc sulle specifiche caratteristiche del singolo progetto/disegno. È l’azienda che volta per volta si trasforma e si adegua al cliente per garantirgli la massima soddisfazione.

Matteo Baitelli rappresenta la 3^ generazione nella famiglia Baitelli e nell’azienda EREDI BAITELLI, azienda italiana top quality nel mondo. Matteo Baitelli è un ragazzo forse avvantaggiato nella vita dal fatto di avere un’azienda familiare, la Eredi Baitelli, in cui trovare la sua strada ma è anche un ragazzo ben piantato con i piedi per terra: sa bene che ha un sentiero lungo da percorrere per arrivare alla gestione dell’azienda e ha prospettive di vita semplici e realistiche. Ed ecco che emergono alcuni tratti caratteriali importanti del giovane Matteo Baitelli:

  • spirito pratico e concreto confermato dalle attività lavorative e dalla predilizione per le materie universitarie che hanno un immediato riscontro pratico nella realtà;
  • passione nel lavoro che si evince dalla tendenza a impiegare le sue grandi passioni come lavoro e dal mito dichiarato di Matteo Baitelli: Valentino Rossi.

A Matteo Baitelli Valentino Rossi piace per come è e per cosa fa, perché è diventato famoso quando era un ragazzino e tale è sempre rimasto, fedele a se stesso e con i piedi per terra, emblema di chi ha saputo trovare la propria strada con divertimento e passione.

“Sono un ragazzo di poche parole ma che allo stesso tempo ascolta molto”. Matteo Baitelli, un ragazzo semplice, giovane, cui toccherà un ruolo di responsabilità alla guida dell’azienda di famiglia Eredi Baitelli sa che ha tanto da imparare ed è pronto a rimboccarsi le maniche e a darsi da fare per crescere e migliorarsi: sul lavoro, nelle competenze, nelle esperienze di business così come a livello personale.

Non si ritiene un supereroe e non ha l’atteggiamento da “figlio di papà già arrivato”; confessa che gli piacerebbe essere meno timido con le persone che non conosce e che prova ammirazione per le persone che sanno parlare bene più lingue straniere e che gli piacerebbe essere come loro. Si riconosce in Matteo l’educazione della famiglia Baitelli e dei migliori valori della tradizione italiana: gli stessi principi e gli stessi valori che l’azienda Eredi Baitelli mette nel suo lavoro e che esporta in tutto il mondo in nome del Made in Italy.

Matteo Baitelli, futuro dell’azienda Eredi Baitelli, è fidanzato ufficialmente già da 5 anni e mezzo con una ragazza laureata in infermeria con la quale intende costruire una famiglia. Alla domanda come ti vedi tra 5 anni Matteo Baitelli risponde: “Mi vedo con una famiglia, sposato e con un figlio. Con un ruolo e un lavoro più definito in Eredi Baitelli a fianco dei professionisti che attualmente la dirigono.”

E tra 10 anni? “Con un figlio in più. In Eredi Baitelli progressivamente prendere le redini dell’azienda, imparando a gestire le varie funzioni (acquisti, produzione, commerciale, amministrazione, …) e arrivare a gestire la maggior parte delle attività nella direzione dell’azienda.”

In Eredi Baitelli Matteo intende proseguire con la filosofia e l’impostazione che l’attuale direzione ha fino ad ora prediletto: uno stile tedesco, ordinato e pragmatico. Matteo ammette di non sopportare le persone false che operano di nascosto e dal canto suo intende contribuire portando in Eredi Baitelli quelli che lo stesso Matteo identifica come suoi punti di forza: sincerità, professionalità e determinazione.

]]>
Scuola italiana di coaching Fri, 25 Jul 2014 11:07:19 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325784.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325784.html Cronache Web Cronache Web Perché frequentare una scuola italiana di Coaching?

La finalità di ogni corso è quella di acquisire le competenze fondamentali dell’essere coach applicabili in qualsiasi campo, personale e professionale.

Si può infatti frequentare una scuola italiana di coaching per poter diventare dei life coach aiutando così i clienti a sviluppare la relazione con se stessi o con gli altri in ambito personale.

I business o sport coach aiutano i coachee a migliorare la propria carriera professionale, acquisendo altre modalità di management se sono nel settore del business o capendo e sfruttando al meglio le proprie potenzialità di atleti.

Il coach è un professionista in grado di aiutare gli obiettivi che ognuno si prefigge.

Mentre frequenta una scuola italiana di coaching, il coach per prima cosa imparerà a far leva sulle potenzialità personali per allenare le competenze e applicarle nel raggiungimento di obiettivi di eccellenza.

In una scuola italiana di coaching vengono preparati professionisti seguendo un programma che prevede, tra gli aspetti più importanti, le seguenti materie:

1.    Le basi teoriche e scientifiche del coaching in Italia e all’estero.

2.    Le basi etiche e gli standard professionali.

3.    Il metodo e le tecniche del coaching.

4.    Il personal coaching: dalla formazione al coaching.

5.    La relazione di coaching: ascolto, alleanza, accoglienza (come creare una relazione di fiducia con il cliente). Ascolto attivo, domande potenti, comunicazione diretta.

6.    Relazioni fra persona e contesto.

7.    Valutazione del potenziale umano.

8.    Dal problema alla meta.

9.    Fiducia in se stessi e autoefficacia.

In virtù della professionalità acquisita grazie al corso presso una scuola italiana di coaching il coach sarà in grado di analizzare le culture locali, le relazioni fra coachee e cultura locale, le motivazioni, potenzialità e attitudini del coachee, i suoi livelli di competenza, i suoi metodi di elaborazione degli obiettivi, dei piani di azione.

 

Una scuola italiana di coaching insegna ai futuri coach le tecniche per

·         gestire il processo di coaching in tutte le sue fasi, nella consapevolezza e nel rispetto della relazione e dei cicli di apprendimento del cliente.

·         usare armonicamente nella sessione e nel processo di coaching le principali competenze.

·         crescere personalmente attraverso il coaching a beneficio di sé e del cliente.

·         usare colloqui strutturati rispetto a tematiche specifiche del partner.

·         gestire tecnicamente il processo di coaching e quindi processi di sviluppo della persona: attraverso l’utilizzo di tecniche specifiche e la formulazione e lo sviluppo di obiettivi a lungo, medio e breve termine

·         concludere e gestire in autonomia un contratto di coaching sia per privati sia per aziende.

·         incoraggiare la scoperta dei talenti personali

·         aiutare a imparare provando, verificando e migliorando

·         far leva sui princìpi e gli strumenti del coaching

·         sviluppare e certificare la competenza dimostrata nella pratica

·         sostenere l'esercizio del mestiere di coach

·         rafforzare la leadership e l'innovazione.

Negli ultimi anni il coaching si sta diffondendo sempre di più e questo ha portato alla nascita di molti corsi di coaching rivolti a coloro che vogliono diventare coach professionisti.

 

 

]]>
Tipi di coach Thu, 24 Jul 2014 10:34:31 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325652.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325652.html Cronache Web Cronache Web Ci sono vari tipi di coach 

 

Dai più conosciuti: Life, Business o Sport –coach agli innovativi: Date, Mom, Welness, Teen life o Shopper – coach, questi professionisti vengono scelti dai clienti (coachee) proprio per la specializzazione che hanno acquisito grazie ad esperienze personali e professionali in quel settore.

I clienti hanno pertanto una vasta gamma di tipi di coach. Per scegliere quello che più si addice alle proprie necessità ed esigenze, il coachee deve trovare delle valide affinità con il coach.

 

Vogliamo qui presentare una panoramica dei vari tipi di coach.

 

I vari tipi di coach “classici”:

Il Life Coach si rivolge alle persone che vogliono generare cambiamenti nella propria vita per raggiungere ciò che desiderano. Il coach affianca il cliente nel cammino di miglioramento aiutandolo a diventare leader di se stesso, a prendere il controllo della propria vita e a gestire le emozioni. Questo permetterà al coachee di avere maggior entusiasmo e passione per affrontare le sfide di tutti i giorni.

Lo Sport Coach è una forma di personal coaching legata al raggiungimento degli obiettivi di carattere sportivo. Lo sport coach si prefigge di portare a una mentalità vincente chi pratica sport a qualsiasi livello. Gestendo lo stress da competizione e sviluppando un atteggiamento vincente, l’atleta otterrà i più alti successi. Per migliorare i propri standard, per superare le sfide, per battere i record serve l’allenamento fisico ma anche una mente vincente. Per ottenere una mente vincente è necessario allenarla.

Il Business Coach è quel coach con esperienza manageriale al quale il coachee può esprimere idee, progetti, preoccupazioni. Grazie all’apporto di un business coach, il coachee verifica la propria leadership, individua possibilità e soluzioni, aumenta la produttività aziendale.

 

Alcuni tipi di coach “innovativi”

Il Teen Life Coach dedica la sua professionalità ai ragazzi con più di 14 anni. Spesso è necessario dare ai giovani adolescenti la spinta giusta per affrontare la vita, per credere in loro stessi, per trovare la forza di affrontare nel miglior modo le sfide che la vita mette loro davanti. Alcuni ragazzi hanno voglia di mettersi in gioco, desiderano migliorarsi e ottenere il meglio da se stessi. Il Teen Life Coaching è rivolto a tutti quei ragazzi che vogliono puntare al miglioramento personale perché avere delle buone qualità non basta, bisogna saperle sfruttare e soprattutto gestire. Il Teen Life Coach aiuta i ragazzi a gestire le loro risorse, a scovare anche quei talenti sopiti, nascosti per paura dei giudizi degli altri, per la paura di sbagliare, per ritrovare la fiducia per credere nelle proprie forze e possibilità.

 

Il Mom Coach aiuta le donne che non vogliono essere schiacciate dal carico di responsabilità e dei molteplici ruoli che devono svolgere e che, al contrario, desiderano avere una vita piena ed appagante. Grazie al Mom Coach la donna conquista la consapevolezza di sé e raggiunge il proprio benessere perché la mamma è moglie, compagna, figlia, collega, amica... . L’obiettivo da raggiungere è quello di trovare, o più spesso ritrovare, l'energia, l'entusiasmo, la pazienza e la consapevolezza. Il lavoro del mom coach è quello di riuscire a portare la donna ad organizzare i suoi tempi e i suoi spazi, a prendersi cura di sé e di chi ama, a divertirsi lavorando. La figura del Mom Coach si rivela così indirettamente anche un aiuto ai papà, alla coppia, ai bimbi e a tutte le persone che per motivi personali e lavorativi entrano in contatto con la mom coachee.

 

In questa panoramica di tipi di coach analizziamo anche la figura dello Shopper Coach, professione nata grazie a mental coach che hanno un interesse spiccato per il mondo della moda. Lo shopper coach per prima cosa analizza il modo in cui il coachee esprime o non esprime se stesso attraverso il proprio aspetto. Il cliente rinnoverà o migliorerà l’immagine facendo emergere la propria unicità, riuscendo a trovare l’immagine più adeguata in relazione alle proprie esigenze professionali, a scegliere lo stile giusto per un’occasione particolare, ad ottimizzare la valigia per un viaggio di lavoro o per una vacanza, a rendere tangibile da subito, attraverso il proprio stile, la versione di sé più in linea con le proprie aspirazioni.

 

Terminiamo questa panoramica con il Date Coach, colui cioè che si occupa della crescita personale dei single in modo che si trasformino, a livello emozionale e spirituale, e siano pronti ad incontrare lanima gemella. Il concetto di base dal quale parte il Date coach è che l’anima gemella si incontra continuamente e il problema è che la maggior parte delle volte non si riconosce. L’aiuto di un Date Coach è quello di portare il coachee a comprendere gli schemi mentali inconsci affettivi, identificarli e cambiarli per aprirsi all’anima gemella.

 

 

]]>
Rapporto tra coach e coachee Thu, 24 Jul 2014 10:33:55 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325651.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325651.html Cronache Web Cronache Web Il primo passo nel rapporto tra coach e coachee è un incontro preliminare di conoscenza, in cui si mettono a fuoco le esigenze della persona e si analizza la situazione, per valutare se può essere utile un intervento di coaching.

 

Già durante il primo incontro tra coach e cliente viene redatto un patto di coaching dove vengono definiti i risultati desiderati, le modalità dell’intervento, la durata e gli impegni reciproci.

 

In questa prima fase si verifica la possibile validità del rapporto tra coach e coachee che si intende instaurare, se istintivamente c’è empatia e fiducia l’uno nell’altro.

 

Iniziano poi le sessioni del percorso, che di solito comprendono più fasi: l’esplorazione della situazione personale o professionale del coachee e del contesto interno ed esterno, l’individuazione chiara degli obiettivi, la declinazione di ogni target in piani di azione, i momenti di allenamento e sperimentazione, la verifica dei risultati raggiunti.  

 

La durata del coaching e delle sessioni dipende dal singolo caso, ma solitamente sono necessari incontri di un’ora e mezza ogni quindici giorni, per un periodo di circa sei mesi. Spesso coach e coachee si accordano per percorsi più brevi, ad esempio per fare un bilancio della carriera, o più lunghi, fino a raggiungere i dodici mesi, per situazioni o risultati più complessi.

 

In virtù del rapporto tra coach e coachee le sessioni si svolgono di persona oppure a distanza tramite telefono o skype.

 

Lavoro, famiglia, relazione con se stessi e con gli altri: sono aree che si intersecano.

Il desiderio di dare una svolta alla carriera, di conseguire nuovi traguardi, di inserire una marcia in più; oppure, in famiglia, l’aspirazione a vivere in modo più consapevole le relazioni, il bisogno di individuare strategie di condivisione in situazioni complesse; oppure ancora, l’impegno per uno stile di vita più sano, la capacità di portare a termine una dieta o un progetto. In tutte queste situazioni, alla base, c’è il desiderio di migliorare, di tirare fuori le proprie risorse, la voglia di ripartire con nuove energie. L’intervento di coaching può essere decisamente efficace.

 

Il coach offre al coachee uno spazio di ascolto qualificato che gli permette di esprimersi liberamente, di fare chiarezza sugli obiettivi e di individuare risorse e azioni concrete, in un “allenamento” finalizzato al raggiungimento di risultati verificabili.


Il rapporto tra coach e coachee nasce da una collaborazione con una modalità innovativa di sviluppo personale, secondo una relazione sempre improntata all’azione, all’apprendimento e alla responsabilità individuale. Il cammino impegna il coachee in modo attivo anche al di fuori della sessione, tra un incontro e l’altro, verso la meta prefissata.

 

L’obiettivo finale è la base del patto tra coach e coachee. I desideri su cui può formarsi sono molti: ritrovare comportamenti efficaci, modificare strategie, prendere decisioni, esercitare competenze.

 

I Benefici riguardano l’ottenimento dei risultati ma anche la crescita della persona. L’impegno per conseguire gli obiettivi e l’esperienza di nuove e più funzionali modalità genera un miglioramento a catena nella vita dell’individuo, che spesso coinvolge anche la sfera personale più profonda. Così, ad esempio, arriva una maggiore consapevolezza delle proprie dinamiche relazionali, lo sviluppo di nuove competenze e possibilità di comportamento, il raggiungimento di un nuovo equilibrio.

 

Il coach è a totale disposizione del coachee in un rapporto individuale, lo ascolta attivamente e con il dialogo lo supporta nel focalizzare gli obiettivi, nella riflessione e nella rimozione delle barriere. Al contempo lo stimola ad ampliare la visione di sé, a sviluppare nuove prospettive e a scoprire nuove reali possibilità.

 

Tutto ciò è possibile se il rapporto tra coach e coachee si basa su una completa fiducia e trasparenza, sull’assoluta riservatezza da parte del coach e sulla volontà e coinvolgimento da parte del coachee.

]]>
scuola di business coaching Wed, 23 Jul 2014 14:59:36 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325550.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325550.html Cronache Web Cronache Web Per parlare di scuola di business coaching bisogna anzitutto chiarire che il termine Business Coaching è utilizzato per descrivere il rapporto tra un coach e manager, imprenditori e professionisti. Le conversazioni di coaching sono concentrate sullo sviluppo dell'efficacia delle attività di business e di quella dell'imprenditore o professionista. Tema emergente nell'ultimo decennio è la transizione efficace nel passaggio generazionale delle piccole e medie aziende.

 

Oggi gli imprenditori e i professionisti sono sempre più spesso assorbiti da una molteplicità di fattori e situazioni stressanti e rischiano di perdere l’importantissimo equilibrio tra la vita privata e quella lavorativa.

 

Il business coach interviene per aiutare il cliente a ridefinire scopi, missioni e obiettivi. Alcuni benefici che si ottengono con questa tipologia di coaching sono:

 

·         miglioramento di abilità di comunicazione e interpersonali;

·         sviluppo delle risorse e dei team, superamento di ostacoli e conflitti;

·         aumento della capacità di delega;

·         miglior time management;

·         sviluppo del business e aumento della produttività;

·         capacità di individuare nuovi mercati e attrarre nuovo business.

 

Gli ambiti presi in considerazione da una scuola di business coaching sono molteplici: executive, corporate,  job, career, leadership coaching.

 

Il primo passo prima di iscriversi ad una scuola di business coaching è identificare il modello di coaching che fa al proprio caso. Esistono ormai diverse specialità e nicchie di business (ad es: corporate & executive coaching, life coaching, career coaching, relationship coaching, spiritual coaching, a molto altro) a cui rivolgere la propria attività.

 

Una volta constatato che la scuola di business coaching che si vorrebbe scegliere ha il corso più idoneo alle proprie esigenze, si deve verificare che offra un training adeguato in merito alla specializzazione scelta.

 

In una scuola di business coaching si acquisiscono le competenze per svolgere un’attività che in un arco di tempo definito tra coach e cliente apporta miglioramenti alle organizzazioni e alle persone, imprenditori, professionisti, manager.

 

Una scuola di business coaching forma il mental coach in modo che possa fornire consulenze atte a incrementare le competenze e le performance professionali nel raggiungimento di obiettivi di business specifici con risultati veloci, misurabili e duraturi nel tempo.

 

Una scuola di business coaching prevede che quando i coach svolgeranno la professione dovranno rivolgere sempre grande attenzione anche alle conseguenze che le scelte e decisioni dei propri clienti avranno nella loro vita personale e di relazione.

 

Non è solo indispensabile che i corsi di una scuola di business coaching siano predisposti per offrire le competenze che si desiderino incrementare. Prima di iscriversi ad una scuola di business coaching è anche utile controllare la formazione, le qualifiche e le competenze specifiche degli insegnanti. Importante sapere da che settore provengono. Se dalla formazione oppure dalla consulenza, dalla psicologia applicata o dal mondo aziendale.

 

Per entrare in una scuola di business coaching è opportuno che gli allievi abbiano un’ottima preparazione aziendale, vissuta sulla propria pelle, e abbiano affinato le capacità di counselling.  

 

Essendo il coaching nato in America, la scelta migliore è rivolgersi a una scuola di business coaching che abbia tradotto e adattato il metodo americano per renderlo più facile da apprendere e applicare nel contesto europeo e italiano in particolare.

 

 

]]>
coach professionista Wed, 23 Jul 2014 14:43:06 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325547.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/325547.html Cronache Web Cronache Web Il coach professionista non è un consulente inteso nel senso tradizionale del termine, cioè non offre il suo servizio perché ha delle soluzioni già esistenti e le adatta alla persona che si rivolge a lui, ma aiuta il cliente a generarne partendo dalle proprie risorse personali o manageriali. 
Il coach professionista non è un terapeuta. Non fornisce una diagnosi sulla personalità, non si focalizza sui disagi e sul passato, ma è orientato agli obiettivi, al futuro e all'azione. 
Il coach professionista non fornisce un aiuto riorientando il cliente che ha problemi e approcci personali inefficaci, ma è un partner che è in grado di supportarlo in modo che emerga il suo potenziale.
La professione di coach è un'attività specialistica che ha come finalità il raggiungimento degli obiettivi del cliente. Il coaching è un processo che ha l'obiettivo di aiutare la persona ad acquisire una maggiore competenza professionale superando le barriere che ostacolano il miglioramento della sua performance, se l’intervento del coach professionista è nell’ambito della sfera professionale.

Il coach professionista si rivolge a imprenditori, manager, dirigenti, liberi professionisti, allenatori, atleti, educatori, insegnanti e ogni altra persona che desidera migliorare lo sviluppo delle proprie potenzialità perseguendo più alti risultati. 

Il coach professionista non è un mentore perché non si pone mai come modello. Il coach professionista  deve essere un "alleato" del suo“coachee” facendo in modo che il cliente sia in grado di trovare in sé le risorse per raggiungere gli obiettivi attraverso proposte volte alla autoriflessione.

Il coach professionista può essere una persona dell'azienda o un consulente esterno. Nel primo caso il coaching appare meno incentrato sulla cultura e sui valori professionali e più sulle competenze tecnico specialistiche nel caso del consulente l'accento è posto sulla prestazione, sul risultato e sul concetto di lavoro di squadra.

Il coach professionista non insegna ma crea le condizioni per l’apprendimento, il cambiamento e lo sviluppo personal-professionale del coachee.

Nel coaching il potere è tutto nella "relazione di coaching", non nel coach. Ogni relazione di coaching è diversa, perché viene creata da coach e cliente, ed è quindi unica, come uniche sono le persone.

Il coach professionista non insegna, non corregge, non consiglia, ma fa emergere le competenze e le potenzialità presenti in ciascun individuo, generando consapevolezza, senso di responsabilità e fiducia in se stessi. L'assunzione di responsabilità da parte del coachee è un elemento essenziale che rende il coaching particolarmente efficace.

 Concretamente, durante le sessioni di coaching, il coach professionista facilita nel coachee l’allenamento sull’esplorazione e comprensione della situazione di partenza facendo emergere elementi di maggiore oggettività; punta sulla focalizzazione dei reali obiettivi a breve medio e lungo termine. Il coach professionista invita alla ricerca di nuove opportunità od opzioni, che generino una volontà di cambiamento e la creazione di un piano d'azione più coerente verso obiettivi raggiungibili. Il coachee viene sollecitato a un lavoro sui suoi punti di forza e a sviluppare il suo potenziale per risultati più duraturi ed appaganti. La capacità di rimanere focalizzato sul suo piano strategico, per raggiungere più velocemente quello che si è prefisso e desidera, è un’altra tecnica importante che il coach professionista farà acquisire al cliente. Il coach professionista fornisce strumenti di riflessione che favoriscano un supporto che punti all’auto motivazione incrementando l’autostima.

 

Il ruolo del coach è quindi delicato e comporta una serie di responsabilità come fare in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal cliente stesso, lasciando piena autonomia al cliente e mantenendo un clima di assoluta riservatezza e confidenzialità in merito alle informazioni emerse.

]]>
La definizione di coaching Fri, 18 Jul 2014 12:01:00 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/calcio/325113.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/calcio/325113.html Cronache Web Cronache Web ICF definisce il coaching come una partnership con i clienti che, attraverso un processo creativo, stimola la riflessione, ispirandoli a massimizzare il proprio potenziale personale e professionale.

 

Grazie all’attività svolta dal coach, i clienti (i cosiddetti coachee) sono in grado di apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione che permetteranno loro di migliorare sia le performance che la qualità della propria vita.

Il coaching è una strategia di formazione che, partendo dall’unicità dell'individuo, si propone di operare un cambiamento, una trasformazione che possa migliorare e amplificare le proprie potenzialità per raggiungere obiettivi personali, di team, manageriali e sportivi.

 

Un coach che abbia raggiunto il certified mental coach offre al cliente strumenti che gli permettano di elaborare e identificare i propri obiettivi e rafforzare la propria efficacia e la propria prestazione.

 

Il Coaching può essere rivolto a imprenditori, manager, insegnanti, atleti (pertanto è stata creata una adeguata terminologia: life coach, business coach, sport coach, ecc) e a tutti coloro che desiderano migliorare le performance e raggiungere obiettivi particolarmente impegnativi.

Il cliente è prima di tutto rispettato, sia dal punto di vista personale che professionale, e viene considerato in grado di gestire efficacemente la propria vita ed il proprio ambito lavorativo in quanto persona creativa e piena di risorse.

 

Sulla base di ciò, le responsabilità del coach sono:

1.    scoprire, rendere chiari ed allineare gli obiettivi che il cliente desidera raggiungere;

2.    guidare il cliente in una scoperta personale di tali obiettivi;

3.    far in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal cliente stesso;

4.    lasciare piena autonomia e responsabilità al cliente.

 

Durante ciascun incontro è il cliente stesso a scegliere l’argomento della conversazione, mentre il coach lo ascolta ponendo osservazioni e domande. Questa interazione contribuisce a creare maggiore chiarezza ed induce il cliente a divenire proattivo.

 

Lo sport mental coach aiuta nelle scelte se accompagna il cliente in un processo così importante e delicato sapendo muoversi con estrema cautela, senza spingerlo verso una decisione ma stimolandone la maturazione della scelta con delle domande. 

 

 

Il valore di un percorso di coaching è proprio nel favorire il processo decisionale grazie al raggiungimento della consapevolezza dell’apprendimento maturato. Per poter raggiungere risultati bisogna avere chiarezza, focalizzazione sull’obiettivo, metodo e costanza.

]]>
Evitare la crisi grazie ai manager mental coach Fri, 18 Jul 2014 12:00:10 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325112.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325112.html Cronache Web Cronache Web La crisi economica di questi ultimi anni ha portato alla chiusura di molte aziende o alla drastica riduzione del personale. Soluzioni spesso ritenute indispensabili, ma che sono invece penalizzanti sia nell’immediato che nel medio e lungo periodo.

Le aziende di eccellenza non hanno effettuato licenziamenti. Non perché non abbiano risentito della crisi, ma perché hanno investito e investono sulle persone. Un recente studio ha infatti evidenziato che ottocentocinquanta aziende presenti in settanta paesi hanno riconosciuto l’enorme forza e importanza degli investimenti sui dipendenti.

La maggior parte di queste aziende ha puntato sui cervelli interni, li ha gestiti riconoscendo il valore dei talenti e dando loro l’importanza che meritano. Li ha considerati un patrimonio e ha fatto in modo che i manager fossero in grado di coinvolgere, ascoltare, promuovere la collaborazione di tutti i dipendenti.

Questo è stato possibile grazie all’aiuto di coach, meglio se hanno ottenuto il certified mental coach, coinvolti in una percentuale maggiore all’estero rispetto all’Italia, che hanno formato i manager in modo che diventino modelli di riferimento, che sappiano trasmettere esperienza, e che soprattutto stimolino i collaboratori, che li coinvolgano, che li riescano a gestire creando un team produttivo.

Un manager mental coach sa comunicare in modo efficace, offre feedback migliorativi, si fida del proprio team che pertanto si sente stimolato, motivato e si espone proponendo nuove idee.

Proprio in un momento di grave crisi economica la decisione delle società di affidarsi ad esperti e capaci life e business coach è la soluzione non solo e non tanto per non chiudere, ma addirittura per crescere coinvolgendo tutte le persone che fanno parte dell’azienda dando loro forza e fiducia al tempo stesso. Una visione allargata, positiva e lungimirante che porta al successo grazie a manager che interagiscono con tutti i livelli della produzione.

  

 

]]>
Non più allenatori di calcio ma mental coach Fri, 18 Jul 2014 11:58:55 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/calcio/325110.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/calcio/325110.html Cronache Web Cronache Web Se ne parlava spesso già tra la metà degli 80 e i 90. Non più semplici allenatori, conoscitori della tecnica di gioco, reduci da anni di gavetta ed esperienza, ma veri e propri analisti del gioco e dei giocatori. Gli antesignani dei coach, insomma.

In un primo momento li chiamavano i motivatori e uno dei primi fu Julio Velasco, che portò la nazionale di pallavolo maschile sul tetto del mondo.


Stiamo parlando di persone che unendo la propria esperienza di calciatori con quella di mental coach, grazie all’acquisizione del
Certified Mental Coach, hanno dato un nuovo volto al mondo dello sport.

 

Nel calcio ci fu Sacchi, il vero pioniere del calcio attuale, che prese spunto dal calcio totale e dall'applicazione tedesca per produrre con il Milan degli olandesi il calcio più imponente che abbia mai visto in pratica. Sacchi riuscì anche in un mezzo capolavoro, portando quasi al titolo mondiale una nazionale di calcio, che a parte Roberto Baggio, aveva un tasso tecnico piuttosto basso. Ma uno sport coach come Sacchi ha fatto la differenza.


Negli Stati Uniti poi venne il momento di Phil Jackson che in NBA vinse in continuazione titoli prima con i BULLS e poi con I LAKERS.

 

Anche in Italia, seguendo le orme di Sacchi, ha preso piede questa mezza rivoluzione nello sport più amato. Ha iniziato l'Inter con Mourinho, poi la Lazio con Petkovic e visti i buoni risultati si è continuato con Benitez e Garcia.

 


Il ruolo del mister non è più solo quello del tecnico ma si è evoluto studiando non solo le tematiche di gioco ma anche le varie componenti psicologiche che si sviluppano nel corso di una stagione e che animano spesso la vita di protagonisti così esposti mediaticamente. La trasformazione dell’allenatore in uno
sport mental coach è stata effettuata ed è ormai chiaro che non chi si adeguerà al cambio, inevitabilmente sarà tagliato fuori. 

]]>
Come si diventa coach Fri, 18 Jul 2014 11:57:57 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325109.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325109.html Cronache Web Cronache Web Per poter svolgere questa professione la prima tappa fondamentale è il conseguimento del diploma in coaching rilasciato da una scuola di formazione. Esistono scuole di coaching, come ad esempio la CMC di Milano che rilascia il Certified Mental Coach, che offrono corsi di diverso livello (introduttivi e specialistici) come anche associazioni di categoria a livello nazionale. Tra chi sceglie di diventare mental coach ci sono professionisti della relazione d’aiuto, come psicologi, psicoterapeuti, assistenti sociali; operatori dell’ambito socio educativo e psicopedagogico quali insegnanti, formatori, religiosi, genitori, educatori, volontari; manager ed esperti delle risorse umane. Una volta che si è diventati mental coach è opportuno un aggiornamento costante per tutta la durata della vita professionale tramite master, seminari, convegni e corsi di specializzazione nelle varie discipline del coaching.

Il coach svolge la propria professione con singoli individui, coppie e gruppi all’interno di aziende o società sportive. E a tal proposito è indispensabile una specializzazione quale  life e business coach, life coach o sport coach in modo da poter dare al cliente la massima competenza.

Il tipico cliente del coach è la persona che attraversa un periodo di transizione (nuovo lavoro, nuove abitudini, nuove responsabilità) o sente il bisogno di rafforzare la propria autostima e la fiducia in se stesso. Il coach promuove la crescita del cliente nel rispetto della sua unicità e delle sue caratteristiche individuali.

Il coach stabilisce con il cliente una relazione collaborativa e paritaria. Opera per promuovere l’autorealizzazione del coachee, stimola il cliente a individuare il punto in cui si trova per definire i propri obiettivi personali e a mettere in atto le risorse necessarie per raggiungerli. Gli strumenti di intervento del coach sono l’ascolto attivo, le domande e un feedback costante.

Il coach non cura un paziente, ma assiste un cliente a perseguire obiettivi pratici, concreti e ben delineati, la sua azione si concentra sul presente e sul futuro, non sul passato.

 

 

]]>
Richard Baldler. Il co-fondatore della PNL Fri, 18 Jul 2014 11:57:00 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325108.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325108.html Cronache Web Cronache Web Sempre acceso il dibattito sulla filosofia della Pnl e quella del coaching. Il pensiero di base è lo stesso: le strategie di pensiero possono essere identificate, assunte e utilizzate da chiunque lo desideri. Grazie agli strumenti forniti dal mental coach, che ha alle spalle anni di esperienza e di studi specifici che lo hanno portato al conseguimento del certified mental coach, ognuno può cambiare e crescere nella sfera che più gli interessa: personale o professionale, in qualunque settore. Il cochee viene aiutato nella crescita personale da coach specializzati, quali life e business coach, sport coach, business coach.

                                                                              

Interessante è scoprire la biografia di Richar Bandler, uno dei fondatori della PNL, nato nel 1950 nel New Jersey. In gioventù tenta la carriera di musicista, per poi studiare e ottenere un Bachelor of Arts (laurea di primo livello) in psicologia e filosofia nel 1973 all'Università di Santa Cruz in California. Due anni dopo consegue il Master of Arts (equivalente della laurea magistrale) in psicologia, presso il Lone Mountain College di San Francisco, ma mai svolto l’attività di psicoterapeuta.

Studia anche la psicologia della Gestalt, l'ipnosi, la matematica, l'informatica e la linguistica. Si dedica in particolare ad approfondire l'approccio di Gregory Bateson, Virginia Satir e Milton Erickson.

Insieme a John Grinder, linguista e accademico, fonda la disciplina denominata Programmazione neuro linguistica, dedicandosi all'insegnamento e alla saggistica. Molto del lavoro di Bandler sulla PNL riguarda le applicazioni delle submodalità, cioè delle sottili distinzioni che esistono nelle personali esperienze sensoriali e le loro rappresentazioni interne. Il suo passato da musicista e l'interesse per l'impatto neurologico del suono lo portano a sviluppare l'area della neurosonica, che utilizza la musica e il suono per creare specifici stati interiori.

Bandler è anche il creatore del modello e delle tecniche del Design Human Engineering e del Neuro Hypnotic Repatterning. Bandler tiene tuttora molte conferenze e seminari sulla PNL e le sue possibili applicazioni.

Nel luglio 1996 Bandler porta in tribunale John Grinder, reclamando la proprietà esclusiva della PNL sin dalla sua fondazione ed il diritto esclusivo di usare il termine come marchio registrato. Nel 2001 le controversie legali si chiudono con la conciliazione tra Bandler e Grinder che si accordano nell’essere identificati come cofondatori della PNL. 

 

 

]]>
Cosa è CF Italia Fri, 18 Jul 2014 11:56:12 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/325107.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/325107.html Cronache Web Cronache Web CF Italia è la prima e la più importante associazione professionale tra mental coach italiani alla quale sono iscritti i mental coach.

 

È una organizzazione professionale non profit con un consiglio direttivo, volontari e membri in tutto il territorio italiano.

 

ICF Italia è il Chapter italiano dell’ International Coach Federation (ICF), la più grande associazione professionale al mondo di coach, con oltre 21.000 membri in più di 100 nazioni al mondo. Il suo scopo è di sviluppare, sostenere e preservare l’integrità della professione nel mondo e di accrescere la fiducia del pubblico in questa professione.

 

ICF Italia è stata creata per raggiungere i seguenti obiettivi:

 

1.    Condividere e garantire al cliente degli elevati standard di professionalità ed etica.

 

2.    Accrescere la notorietà della professione del coaching nel pubblico.

 

3.    Rafforzare le capacità professionali (coach specializzati: business coach, sport coach, ecc) dei suoi associati.

 

4.    Costruire un network di coach attraverso il quale i mental coach possano continuare ad evolversi nella loro professione e condividere opportunità.

 

5.    Offrire un forum permanente nel quale gli associati possano discutere le questioni professionali.

 

6.    Offrire l’opportunità per i suoi associati di collaborare per offrire risorse e soluzioni per i loro clienti.

 

ICF Italia esiste per favorire il progresso dell’arte, della scienza e della pratica del coaching professionale.

ICF Italia condivide ed aderisce alla missione e allo scopo di ICF Global e ne promuove e diffonde l’applicazione in qualità di chapter unico sull’intero territorio nazionale.

Le sue finalità sono:

A.    Incoraggiare elevati standard professionali di etica e di condotta da parte dei suoi membri, sostenendo e promuovendo il “Codice etico della professione del coaching”  di ICF Global e promuovendo  il  processo di accreditamento di ICF Global al fine di preservare l’integrità del coaching attraverso un sistema di autoregolamentazione internazionale credibile ed etica.

B.     Ampliare le conoscenze del pubblico per la corretta funzionalità (pratica/azione/funzione) del coaching  e del suo contributi alla società, attraverso strategie di marketing, relazioni pubbliche e campagne pubblicitarie che aiutino tutti gli interessati a conoscere il coaching e a trovare il giusto coach per le loro esigenze.

C.    Contribuire alla crescita professionale e allo spirito della comunità dei suoi attraverso iniziative formative, workshop, conferenze, pubblicazioni, trasmissioni e  comunicazioni.

D.    Essere attiva nel sostenere lo spirito della comunità e lo sviluppo della professionalità tra i suoi membri valorizzando la collaborazione con ICF Global, i chapter ICF in ambito internazionale e i referenti istituzionali  a livello locale.

E.    Rappresentare e promuovere gli interessi collettivi dei propri membri e della comunità dei coach in Italia.

F.    Collaborare con altre organizzazioni e  istituzioni, i cui i programmi e  attività, siano coerenti con la sua missione e le sue finalità.

 

 

]]>
L’importanza della motivazione nel percorso di crescita personale Fri, 18 Jul 2014 11:55:06 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325106.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/finanza/325106.html Cronache Web Cronache Web Secondo Abraham Harold Maslow, esponente di spicco della cosiddetta “psicologia umanistica” è possibile disporre i bisogni lungo una piramide, secondo un ordine (dal basso verso l’alto) progressivo basato sulle necessità di sopravvivenza dell’individuo. I bisogni più alti non vengono avvertiti se quelli precedenti non sono stati soddisfatti.

I primi due scalini della piramide fanno riferimento ai bisogni più impellenti:
•    Bisogni fisiologici. In questa categoria rientrano le necessità primarie legate alla fame e alla sete.
•    Bisogni di sicurezza. Una vota soddisfatto il bisogno di cibo l’essere umano sente il bisogno di essere parte di un gruppo per proteggersi meglio dai pericoli esterni.

Nella parte alta della piramide vi sono bisogni afferenti alla vita psichica dell’individuo:
•    Bisogni di affetto da parte di altri esseri umani importanti.
•    Bisogni di stima. Una volta amati è importanti essere riconosciuti dagli altri per le proprie capacità.
•    Bisogni di autorealizzazione, è il bisogno più alto: essere soddisfatti di chi si è e di cosa si faccia.

Non tutti sono capaci di poter e saper scalare questa piramide, ma è necessario l’aiuto di un coach che abbia ottenuto il certified mental coach.

La motivazione o comportamento motivato è la spinta che porta un individuo a raggiungere determinati obiettivi sia nell’ambito personale che professionale. È il motore delle azioni, un concetto introdotto da William James e Clark Leonard Hull nell’ambito della psicologia generale. 

Nel percorso di crescita personale dei propri coachee, il mental coach ha un ruolo di fondamentale importanza.

La spinta motivazionale ad agire entra in gioco quando l’organismo perde il proprio stato di equilibrio a causa di un bisogno che insorge. Questa situazione porta ad agire sull’ambiente per ristabilire l’ordine perduto. Quando si parla di motivazione si fa riferimento allo stato di tensione che si crea per il raggiungimento di un bisogno, all’obiettivo preposto e al comportamento strumentale che consente il soddisfacimento dell’individuo. Vista la notevole importanza della motivazione nel percorso di crescita personale altrettanto importante sarà scegliere il life e business coach che aiuterà in questo percorso.

 

 

 

]]>
Osservare attivamente per conoscere i propri atleti Tue, 15 Jul 2014 15:07:05 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/pallavolo/324729.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/pallavolo/324729.html Cronache Web Cronache Web L’ascolto e l’osservazione partecipante sono due caratteristiche che un professionista che ha ottenuto la specializzazione di sport coach deve possedere per conoscere profondamente i propri atleti e pianificare le tecniche di allenamento adeguate.

 

Un ottimo mental coach sa innanzitutto ascoltare gli altri. L’ascolto è una competenza che fa parte delle qualità professionali di un certified mental coach. Grazie alla capacità di ascoltare e osservare attivamente e in modo partecipativo il metodo di allenamento degli atleti, è poi possibile pianificare programmi e sessioni di coaching personali. È l’elemento base per costruire una buona relazione di coaching nella quale l’atleta può esprimere le sue potenzialità, trovando la sua direzione e riconoscendo ciò che lo rende quello che vuole diventare. L’ascolto diventa ancora più efficace nel momento in cui si utilizza la curiosità che ci fa vedere chi è il nostro atleta e che ci fa vivere quel momento insieme a lui. Grazie alla curiosità nell’ascoltare, si accede a tutte le peculiarità di chi abbiamo di fronte anche se non espressamente manifestate. L’osservazione attiva offre molte possibilità di conoscere a fondo l’atleta e i suoi bisogni. Oggi ascoltare e osservare attivamente è diventato molto difficile, è più facile sostituire l’ascolto con e-mail, messaggi e chat. In questo modo ci priviamo dell’osservazione attiva basata su gesti, sguardi e comportamenti. I coach devono stare molto attenti ad ascoltare e osservare i loro atleti che in quel momento si stanno concedendo a loro, raccontando il loro vissuto, le loro esperienze e il loro essere. La prima cosa da fare è rispettare il loro spazio, evitando qualsiasi commento, parola e giudizio che passa per la mente in quel momento. È importante predisporsi con la curiosità di chi vuole scoprire qualcosa di nuovo. L’atteggiamento migliore è quello di chi vuole continuare a scoprire qualcosa di nuovo che non ha ancora trovato. Solo ascoltando e osservando attivamente possiamo scoprire cosa è davvero importante per i nostri atleti. L’ascolto e l’osservazione curiosa devono essere in un coach come il bambino che sta esplorando per la prima volta il suo territorio. 

]]>
L'importanta dello sport nella vita di Stefano Barba Wed, 09 Jul 2014 17:21:59 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/324190.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/324190.html Cronache Web Cronache Web Stefano Barba, pluricampione di rugby, afferma: “Secondo me il mental coaching è un’attività imprescindibile per l’atleta che vuole migliorarsi e realizzare i propri obiettivi.”

 

STEFANO BARBA L’UOMO OLTRE IL CAMPIONE

Da atleta, Stefano Barba, ha calcato i campi della palla ovale di cinque continenti, ha vissuto l’atmosfera dei più grandi appuntamenti mondiali, si è scontrato contro avversari di tutti i tipi, ha pianto di gioia per le grandi vittorie e ha sofferto per gli infortuni più assurdi, si è esaltato e demoralizzato all’inverosimile, divertito ed annoiato. In tutta questa lunga serie di avventure Stefano Barba ha sempre avuto la sensazione che la sua prestazione fosse in qualche modo sempre migliorabile, che avrebbe potuto gestire meglio sia le vittorie che le sconfitte e che i momenti di soddisfazione fossero sempre troppo brevi.

 

Stefano Barba ha capito cosa fosse “quel piccolo buco in fondo all’anima” solo quando si è avvicinato al mental coaching. Diventato Mental Coach Stefano Barba si è reso conto che se avesse conosciuto prima l’importanza della preparazione mentale nello sport sarebbe riuscito a cogliere e ottimizzare molte più occasioni nella sua vita da rugbista.

Ogni incontro, ogni allenamento, ogni occasione importante sarebbe potuta andare in modo diverso. Messo da parte l’umano sentimento di rimpianto, Stefano Barba ha lavorato e studiato per diventare mental coach sportivo e cambiare la sua vita e quella dei suoi atleti.

 

STEFANO BARBA CAMPIONE DI RUGBY

Stefano Barba è stato un campione di rugby internazionale e vanta una lunga carriera ricca di soddisfazioni sportive.

Stefano Barba è stato trentacinque volte nella Nazionale Italiana di Rugby e quattro volte Campione d’Italia; ha affrontato due partecipazioni ai Campionati Mondiali di Rugby (Nuova Zelanda 1987 – Gran Bretagna 1991) e un Campionato australiano con il Warringah Sidney.

Smessi i panni del giocatore e forte delle competenze acquisite sul campo, Stefano Barba si è seduto su prestigiose panchine in qualità di Allenatore di rugby di 3° grado ed è stato Allenatore della Nazionale Italiana Rugby Under 17 dal 1995 al1997.

 

Lo spessore professionale di Stefano Barba si unisce alla passione, alla determinazione e all’onestà: valori che da sempre lo contraddistinguono nella vita come nello sport e che hanno fatto sì che Stefano Barba proseguisse la sua formazione da sport coach e ottenesse la qualifica di Certified Mental Coach da parte di CMC Italia.

 

Con  le nuove competenze da Mental Coach acquisite, il suo curriculum sportivo e il carattere determinato e passionale Stefano Barba è in poco tempo diventato il primo mental coach del rugby italiano ottenendo la carica di Mental Coach della SS Lazio Rugby.

 

 

STEFANO BARBA MENTAL COACH SPORTIVO

Grazie alla scoperta del mental coaching Stefano Barba ha completato la sua figura professionale e ha unito al grande bagaglio di esperienze sportive gli strumenti necessari per aiutare singoli atleti e squadre intere a ottimizzare le capacità per ottenere successi nello sport e soddisfazioni a tutto tondo nella vita.

 

Spinto dalla grande passione sportiva che ha sempre contraddistinto la sua vita, come rugbista professionista prima e come tennista di buon livello e golfista dilettante poi, Stefano Barba è a disposizione di tutti gli atleti che vogliano migliorarsi.

 

Stefano Barba lavora insieme agli sportivi professionisti e li aiuta a costruire un progetto che li realizzi in maniera completa, costante e duratura e che permetta loro di ottenere successo e raggiungere i più grandi traguardi nello sport come nella vita.

 

Oggi Stefano Barba è un mental coach sportivo che aiuta gli atleti a capire le loro potenzialità, a lavorare sulla concentrazione, sulla motivazione e sugli obiettivi, sui punti deboli e sui difetti per portarli a sentirsi realizzati a lungo nel tempo e non solo nel flash di una vittoria.

 

 

]]>
Il life coach Silvia Jaramillo racconta la sua esperienza Wed, 09 Jul 2014 16:21:34 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/324178.html http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/324178.html Cronache Web Cronache Web Silvia Jaramillo è una grande appassionata del fattore umano. Dopo aver conseguito la Laurea in Gestione Aziende di Servizio e del Benessere, Silvia Jaramillo ottiene la certificazione di Gestione del Fattore Umano. In seguito Silvia Jaramillo ottiene un’ulteriore certificazione relativa al fattore umano: Selezione del Personale. Dopo anni di esperienza nel campo delle risorse umane Silvia Jaramillo è diventata una Life & Business Coach capace di individuare i propri valori e la propria filosofia. Silvia Jaramillo ha sempre lavorato con rispetto, professionalità e coerenza ed ha maturato grandi competenze nella comunicazione e nella motivazione delle risorse umane. Silvia Jaramillo è un mental coach aperto, disponibile e attento alle necessità dei suoi allievi. La soddisfazione più importante per Silvia Jaramillo nel rapporto con i suoi cochee è vedere sorgere in loro un sorriso. Silvia Jaramillo è molto abile nella gestione del proprio stato emotivo e dello stress.

Silvia Jaramillo è una Life & Business Coach appassionata delle risorse umane e della qualità del servizio turistico offerto nei grandi alberghi in cui ha lavorato. Silvia Jaramillo ha lavorato per anni come direttore delle risorse umane in un albergo 5 stelle di Lusso in Colombia. Tramite l’esperienza lavorativa Silvia Jaramillo ha capito che nelle aziende di servizio il capitale più importante che si può avere è quello umano. Silvia Jaramillo è stata leader di squadre di lavoro in diverse occasioni e in numerose strutture aziendali. La soddisfazione più importante per Silvia Jaramillo come lei racconta è “vedere i membri dei miei team diventare le mie mani nel raggiungimento del traguardo di produttività, servizio e qualità”. Per Silvia Jaramillo il leader di una squadra di lavoro è molto simile al leader di una squadra sportiva.

Silvia Jaramillo è Certified Mental Coach

 

Silvia Jaramillo sostiene che l’allenamento mentale è fondamentale per raggiungere qualsiasi obiettivo nella vita privata e in quella professionale. Lo scopo di Silvia Jaramillo è aiutare le persone a diventare migliori, a scoprire il tesoro che vive nella loro interiorità nascosta. Silvia Jaramillo vuole accompagnare le persone nel lungo loro cammino di crescita personale per aiutarle a scovare i valori e i punti di forza.  Il mental coach è per Silvia Jaramillo un prezioso aiuto per allenare la mente. Silvia Jaramillo considera la mente umana come un potente motore d’azione tra il mondo interiore e quello esteriore. Solo allenando la mente si ottengono risultati sempre migliori nel modo più efficace.  Silvia Jaramillo ha recentemente ottenuto la certificazione CMC Italia ed è ora a tutti gli effetti una Certified Mental Coach. 

]]>